Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Temporali sparsi

23.33°C

Temporali sparsi
Umidità: 75%
Vento: ESE a 6.21 K/H
Lunedì
Temporali
16.67°C / 23.89°C
Martedì
Temporali
17.22°C / 23.33°C
Mercoledì
Temporali sparsi
16.11°C / 25.56°C

Scout KenyaCi sono diversi modi di trascorrere le festività natalizie. C’è chi va ai tropici alla ricerca di sole e abbronzatura contro il grigiume del tempo dicembrino, c’è chi in forza della giovane età, si mette lo zaino in spalla e fa un’esperienza di vita che difficilmente dimenticherà. Una ventina di scout di San Mauro del gruppo clan non hanno pensato neanche per un istante alla vacanza ai tropici: la loro meta è stata la comunità di Koinonia a Nairobi in Kenya. Quasi tre settimane insieme ai ragazzi di strada, quelli delle periferie più abbandonate, quelli dimenticati da tutti ma non dagli educatori dei centri di accoglienza che danno loro un’istruzione e delle regole di vita. In una parola: danno loro una dignità di esistere.

“Già vivere il natale con il caldo è particolare di suo, farlo poi in maniera così essenziale, ti fa pensare al superfluo che viviamo tutti i giorni”, racconta Paolo Roberti, 17 anni, scuole superiori all’Agrario. “Diciamo che si capisce meglio il senso di questa festività, la sua essenza”, prosegue Ilaria Neri, 20 anni, studentessa di psicologia a Cesena. “Sono andata lì per dare qualcosa, mi sono ritrovata a ricevere tanto di più. Quei bambini hanno alle spalle le sofferenze e le privazioni della vita in strada, eppure li vedi così sorridenti, sognatori. Ti trasmettono serenità e gratitudine, due parole piuttosto rare nel nostro quotidiano”.

Il paradosso infatti è proprio questo: malgrado le difficoltà del vissuto, guardano al futuro con speranza. “E’ una cosa che mi ha molto colpito: loro la vita la sognano in Kenya e con positività”, afferma Michael Boschi, 19 anni, anche lui studente di psicologia. Michael è alla terza esperienza nello stato africano: “ogni volta è diverso, ogni volta incontri persone nuove. Quello che rimane identico è l’atteggiamenti dei bambini che fanno di tutto per sentirti accolto”. Accoglienza, ecco un’altra parola che fatica a trovare spazio nel nostro vocabolario. “La cosa importante è stata l’eliminazione di qualsiasi forma di giudizio nei loro confronti – ancora Michael – Dietro ognuno di loro c’è una storia cha abbiamo cercato di incontrare e capire”.

“Non a caso quando torni vedi la realtà in maniera diversa - aggiunge Paolo – Hai uno sguardo più ampio, elimini i pregiudizi su chi viene considerato diverso”. Ilaria per non dimenticare un attimo di quanto vissuto ha scritto tutto su un diario: “Mi sono data delle regole per cambiare qualcosa di me. Questa è un’esperienza che porterò sempre dentro; anzi, se avessi il biglietto ripartirei senza esitazioni. Neanche un anno e spero di tornarci”, prosegue. Ed è proprio questo il refrain anche degli altri partecipanti, al punto da fare esclamare a Paolo: “se avessi il biglietto ci tornerei persino domani”.

Intanto il gruppo scout di San Mauro lunedì 16 febbraio nella sala Gramsci ha organizzato una serata pubblica per raccontare quanto vissuto. Domenica 22 febbraio il racconto sarà davanti alle telecamere di Tv2000 con inizio alle 13,30.

Pin It