Logo new 02

 SAN MAURO PASCOLI – (2 Febbraio 2006) - «Si è sempre detto che “piccolo è bello”. Per trovare conferma basta guardare a San Mauro Mare, che con i suoi 700 metri di spiaggia è riuscita a chiudere la stagione turistica 2005 con dati a dir poco strabilianti. Addirittura in doppia cifra. Molto meglio delle vicine, e più blasonate, Cesenatico e Gatteo. I numeri di cui parliamo si riferiscono al periodo gennaio-novembre scorso, e tracciano bene il quadro di una stagione col segno “meno” in più parti d’Italia ad eccezione, appunto, di San Mauro Mare. Spulciando tra i numeri dell’Osservatorio provinciale ne vien fuori che la località pascoliana è cresciuta sia in termini di arrivi (+26%) sia di presenze (+13%). In altre parole non solo è arrivata più gente ma addirittura si è fermata più giorni rispetto agli anni passati. Ma quello che lascia ancora più sorpresi è il fato che ha riguardato gli italiani e gli stranieri. Nel primo caso registrando un +25% di arrivi e +12% di presenze. Nel caso degli stranieri un +29% di arrivi e un +18% di presenze. Quali i motivi di questo exploit? “Prima di tutto in un’offerta di qualità praticata da numerosi alberghi, alcuni dei quali hanno deciso di investire nel turismo estero – spiega Alessandra Falconi, assessore al Turismo di San Mauro – In altre parole molti operatori hanno investito su un segmento di mercato in flessione malgrado i venti non proprio favorevoli della congiuntura internazionale”. Il risultato è quello di San Mauro che supera con agilità i vicini di casa. Per esempio Gatteo pur complessivamente bene in fatto di arrivi (+5) e presenze (+2%), si è dovuta inchinare a una flessione del turismo straniero in calo rispetto agli anni passati (-5% negli arrivi). Ancora peggio Cesenatico che ha registrato un -2% di presenze e un +5 di arrivi, male sia sul fronte di italiani e stranieri. Ed ora San Mauro Mare come affronterà il 2006? “Prima di tutto investendo nella comunicazione con una nuova campagna incentrata su ‘San Mauro, Mare di famiglia’ – conclude l’Assessore Falconi - Una linea che sarà accompagnata da una serie di iniziative su questo target, come la Fiera della conchiglia, Il paese dei Balocchi, Fasém la pida e Come per gioco”.» (Tratto da Il Ponte di Rimini del 22 gennaio 2006, “Il Turismo? Affare familiare” a firma di Filippo Fabbri)

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna