Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Savignanesi al soldo di Napoleone pronti a zittire le proteste sammauresi
Savignanesi al soldo di Napoleone pronti a zittire le proteste sammauresi

 

La lètra screta dai samavrois incazé e mai spedoida

 A vlem speraè ch’an vleva mandaè avaènti la pretòisa ad cal carogni ‘d Savgnen, ch’i vo scanzlaè e’ nòst paiòis e tacaèl me’ su cumeun… Ste paiòis ch’us vria scanzlaè e ardeusal cmè chi paistòin ch’i n’à un sold da sbat sa clèlt, ul sa snò Crest da quant ch’l’è a què sa sta tèra, il cnòs tot pr’i su laveur s'la canva ènca quant che Savgnen l’era snò un’usterì d’imbariagot sa quatar capani da faè schiv in qua e in là.

 A què da nòun a sem 2.500 galantoman, tot datònda avem piò ‘d 5.000 turnadeuri ‘d tèra, 50 butòighi ‘d canva, 2 da falegnem, 2 da fabar, 4 da canzuler, 9 da sert,  2 da barbir, 4 da budghent, 2 duò ch’us vend e’ vòin e pu e’ spazi, e’ fòuran, e’ mazèl, la butòiga dal scmanzai e e’ palaz de’ cumeun. Nòun al nòsti spòisi a li avem sempra pagaèdi senza dmandaè gnent ma niseun ènca quant che l’anvòud de’ paèpa 'd Cesòina ch’e steva ma la Tòra, un pagaèva gnenca un sold 'd tasa, che fròid! 

 A sem sempra staè cmè di pecc, avem gudeu cmè di purch e an sem fat mai mancaè gnent. Ste nòst cumeun l’è sempra staè tenti 't al spòisi e ma la zenta un gn’a tacaè dal tasi pesaènti cmè quèli ch’u j è 't i paiois a què datònda, i pez di tot l’è chi rozlamerda ‘d Savgnen ch’i vo faè sempra i piò sbureun, i spend a la granda e j è pin ‘d debit fena a j occ… e adès ch’in sa piò cmè faè, i vria met al maèni tal nòst bascòzi par zarcaè ‘d guaroi al su pieghi ch’a gl’j à ciap la cancròina e is vo faè ma nòun un cheul cmè un’òura ‘d nòta, ch'un sipa mai parchè la pazinzia la ven a maènch e s'as faè incazaè, l'è brèti par tot.

Av salutem parchè nòun a sem parsòuni par ben, mo la n'è finoida a què.

La lettera scritta dai sammauresi arrabbiati e mai spedita

 Vogliamo sperare che non vogliate mandare avanti la pretesa di quelle carogne di Savignano, che vogliono cancellare il nostro paese e attaccarlo al loro comune… Questo paese che si vorrebbe cancellare e ridurlo come quei paesini che non hanno un soldo da sbattere con l’altro, lo sa solo Cristo da quando è qui su questa terra, lo conoscono tutti per i suoi lavori con la canapa anche quando Savignano era solo un’osteria di ubriaconi con quattro capanne da far schifo qua e là.

 Qui da noi siamo 2.500 galantuomini, tutto attorno abbiamo più di 5.000 tornature di terra, 50 botteghe di canapa, 2 da falegname, 2 da fabbro, 4 da calzolaio, 9 da sarto, 2 da barbiere, 4 da alimentari, 2 dove si vende il vino, lo spaccio, il forno, il macello, la bottega delle sementi e il palazzo del comune. Noi le nostre spese le abbiamo sempre pagate senza chiedere niente a nessuno anche quando il nipote del papa di Cesena che stava alla Torre non pagava neanche una tassa, quel fradicio!

 Siamo stati sempre come dei pascià, abbiamo goduto come maiali e non ci siamo mai fatti mancare niente. Questo nostro comune è sempre stato attendo alle spese e alla gente non ha affibbiato tasse pesanti come quelle che sono in uso nei paesi vicini, i peggiori di tutti sono quegli stercorari di Savignano che vogliono sempre fare i superuomini, spendono alla grande e sono pieni di debiti fino agli occhi… e adesso che non sanno più come fare, vorrebbero mettere le mani nelle nostre tasche per cercare di guarire le loro ferite che hanno preso la cancrena e vogliono fare a noi il culo, non sia mai perché la pazienza viene a meno e se ci fate arrabbiare, sono guai per tutti.

 Vi salutiamo perché noi siamo persone educate, ma non è finita qui.

(Continua)

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI