Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

 

Avì faèna? Arangev!

E steva par finoi e’ melasizent ch’l’arivet un brot mumòint,

par mois e mois un caschet una gòzla d’aqua e par la tèra e fot un patimòint,

't i cantir u j era dal scarvaji da ingulaès un burdèl,

graèn, furmantòun, spagnera, tot sech sbrulé, l’era andaè pers inquèl.

Cio, da chi dè s’u t’avnoiva a maènch la faròina ta t tachivi me’ mangh dla paènza,

gnent pasta, gnent paèn, gnent pida, un gn’era un magné ch’ut tnes sustaènza!

Bsugneva zarcaè fura da la Rumagna s’us vlòiva truvaè e cumpraè de’ graèn.

Mo a Samaèvar i j avòiva i suld? E pu andaè tròp dalongh par lòu u n’era moiga saèn,

e’ su mònd e riveva a Santarcanzal e Gatì, zà a Remin e Cesòina l’era un’aventeura,

figuresmi a scapaè da la Rumagna, zcòr snò in dialèt e ziré l’Itaglia? Tròpa deura!

I savgnanois ch’j avòiva tèsta, suld e cheul, i la j avòiva fata a impinoi i magazòin,

e’ graèn u j era, mo trop j andeva a busé e acsè ui n’era vaènz sa snò pr’i su zitadòin,

par quèst e’ pudestà e mitet un cartèl par ‘visé ch’un s’ deva piò gnent ma niseun.

Da Samaèvar, ch’j era puch a savòi lèz, j andeva in purtisiòun cmè di fré zarcanteun,

e una volta rivat a là, i feva un sach ‘d cieul e indrì si sach svuit in vlòiva turnaè ,

e acsè, par tosi dai quaieun, i sbaret la straèda a mità e i mitet al guaèrdji a badaè.

E mi cuntadòin dla Velagrapa, ch’ j alzet la vòusa parchè al mòi ai giòiva: “Incazev!”.

E’ cmandaènt dla guarnigiòun ‘d Savgnen ui ruget: “Avì faèna? Arangev!”.

Cmè ch’j epa fat a sfamaès e a faè cres i fiul, la storia la ne doi,

mo j à fat parchè, ènca si j à prov, i savgnanois in gn’a la j à fata stavolta a faèi muroi.

'T e’ vdòi sta cativeria  e boilia a quazò, us vòid che e’ signuròin l’à vu cumpasiòun,

e u j à mand zò aqua da impinoi i fieun, mo a Samaèvar in s'e scurdet e’ scmantòun.

Avete fame? Arrangiatevi!

Stava per terminare il milleseicento che si attraversò un brutto momento, 

per mesi e mesi non cadde una goccia d’acqua e per la terra fu un patimento, 

nei campi c’erano delle crepe da ingoiare un bambino, 

grano, granoturco, erba medica, tutto inaridito, si era perso il raccolto contadino.

Ohi, in quei tempi se ti veniva a meno la farina ti aggrappavi al manico della pancia,

niente pasta, pane, piada, non c’era un cibo di sostanza da mettere sulla bilancia! 

Bisognava cercare fuori dalla Romagna se si voleva trovare e comprare il grano. 

A San Mauro avevano i soldi? E poi andare troppo lontano per loro non era sano, 

il loro mondo era Santarcangelo e Gatteo, già Rimini e Cesena erano un’avventura, 

andar fuori dalla Romagna, parlare solo in dialetto e girare l’Italia? Troppo dura! 

I savignanesi dotati di testa, soldi e culo, ce l’avevano fatta a riempire i magazzini, 

il grano c’era, ma troppi lo chiedevano e così ne era rimasto solo per i loro cittadini, 

per questo il podestà avvisò con un cartello che lo si dava solo ai propri abitanti. 

Da San Mauro, dove pochi sapevano leggere, andavano in fila come frati questuanti, 

e una volta giunti sul posto, si lamentavano e coi sacchi vuoti non volevano tornare, 

e così, per toglierseli dai coglioni, sbarrarono la strada e misero guardie a vigilare. 

A quelli della Villagrappa, che vociavano perché le mogli dicevano: “Arrabbiatevi!”, 

il comandante della guarnigione di Savignano gridò: “Avete fame? Arrangiatevi!”. 

Come abbiano fatto a sfamarsi e a far crescere i figli, la storia non lo sa dire, 

è finita bene, seppur i savignanesi ci abbian provato, non sono riusciti a farli morire.

Nel vedere sta cattiveria e disperazione, si vede che il Signore ha avuto compassione,

e rovesciò tant’acqua da riempire i fiumi, ma a San Mauro ricordarono lo sberlone.

(Continua)

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI