Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

 

Zengan e sumar

S’la miseria un s’è mai tirat sò caèsi e palaz,

la t s 'ataca madòs e u t va vi ènca la voja ‘d daè una radanaèda mi tu straz.

A Samaèvar, che dla miseria ui n’era a stof int tot i canteun,

la zenta la s’instòiva pursì, mundèza dimpartot  e di gran salaveun.

A Savgnen l’era zà da un bèl pèz ch’i deva di zengan mi samavrois,

che 't e’ prinzoipi  i ni det taènt pòis, is tireva 't al spali s’un surois,

mo, cmè ch’us sa, la pugnèta longa la scòurga l’usèl,

e acsè dai òz e dai ‘dmaèn, al ròbi al cminzet a faè pròisa 't e’ zarvèl.

A lasò i s’era invanté la sturièla che una volta a Samaèvar l’era vnu zenti furistiri,

l’era zengan ch’is farmet a lè e quei d’adès j avòiva 't al vòini che sangv e cal maniri.

A quazò, un po’ stizoi, j arspundòiva ch’l’era vèra che la caruvana la era pasa da què,

mo in s’era ferum, j era andé a Savgnen a faè la piaza laèrga sèt brech e trè còudi, alè!

  “Alòura se nòun a sem di zengan, vuilt a soi di sumar!”.

I giòiva par pruvaè a faès a paèra quei ‘d  Samaèvar.

Mo a lasò i ni steva gnenca da santoi, figuresmi s’i i deva rèta, i ridoiva da spacaès,

e quant che a Samaèvar i s'na det ch’i feva sempra  pez, ui saltet la mòsca me’ naès,

i ciapet  l’inciòstar e s’una  pena ‘d galòina, i scrivet 'na lètra me’ vèscual di cris-cen,

e i giòiva ch’i s’era ròt al pali ad santois daè di zengan da chi malduché ‘d Savgnen.

Boh, sèl ch’l’epa arspòst che sant’òm, un sa, mè a degh ch’u s’è fat dò risaèdi

e un gn’a daè pòis parchè u n’è moiga che cal ròbi òzdè al sipa pu taènt migliuraèdi!

Zingari e somari

Con la miseria non si sono mai tirate su case o palazzi,

ti si attacca addosso e ti va via anche la volontà di dare una sistemata ai tuoi stracci.

A San Mauro, che della miseria ce n’era a iosa in tutti i cantoni, 

la gente si vestiva alla buona, immondizia ovunque e grandi sporcaccioni.

A Savignano era già da un bel pezzo che davano degli zingari ai sammauresi, 

che all’inizio non gli dettero tanto peso, si tiravano nelle spalle con dei sorrisi

ma, come si sa, la sega lunga scortica l’uccello,

e così dai oggi e dai domani, le offese cominciarono a far presa nel cervello.

Lassù si erano inventati la storiella che a San Mauro erano venute genti forestiere,

zingari fermatosi lì e quelli di adesso hanno nelle vene quel sangue e quelle maniere.

Quaggiù, stizziti, rispondevano che era vero che la carovana era passata di qui,

poi era andata a Savignano a costruire la piazza con sette asini e tre code, èh sì!

“Allora se noi siamo degli zingari, voi siete dei somari!” 

Dicevano quelli di San Mauro per provare a farsi pari.

Lassù non stavano ad ascoltare, figuriamoci se davano loro retta, ridevano del caso, 

e quando qui si resero conto che facevano sempre peggio, gli saltò la mosca al naso, 

con l’inchiostro e una penna di gallina, scrissero una lettera al vescovo cristiano,

per dire d'essere stufi di sentirsi dare degli zingari da quei maleducati di Savignano. 

Boh, cosa abbia risposto il sant’uomo, non si sa, io penso che si sia fatto due risate 

e che non gli abbia dato peso perché non è che quelle cose oggi siano migliorate!

 

(Continua)

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI