Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Il papa furibondo ordina la distruzione del castello di San Mauro
Il papa furibondo ordina la distruzione del castello di San Mauro

 

E'  SCRET  DE'  PAÈPA

Quèst l’è quèl che e’ paèpa l’avòiva scret,

e quèst l’era cunvòint ch’us fot det:

“Io, sottoscritto sua santità Innocenzo ottavo, per le crudeltà compiute nella rocchetta,

ordino e comando che l’esercito ecclesiastico  provveda alla sua demolizione  in fretta,

gli abitanti di San Mauro si trasferiranno a Savignano e si costruiranno là nuove case,

il materiale edilizio recuperato andrà ad ampliare il castello di quel magnifico  paese!”.

Us racòunta invici che quèsta l’è la traduziòun int e’ dialèt di samavrois

che faset l’aziprit a vòusa ma chi zucheun par faèi capoi ben sèl ch’e giòiva l’avois:

“Mè, paèpa Innocenzo òt, che da mort a sarò saènt, par cal rubazi ch’u s’è fat a què,

 am sò ròt al pali, e adès a cmand  mi suldé ‘d buté zò tot agl’ j òs-ci  ch’u j è,

 e in pressia par la madòna. Vuilt, bis-ciazi ‘d Samaèvar, andré a staè a Savgnen

 pr’imparaè a staè me’ mònd e a là av faroi dal caèsi novi cmè ch’al ven a ven.

 Ch’a saveva che di madeun e dal traèvi un s’bota vì un caz,

 e, s’a m’un de rèta, av faz faè un cheul acsè dai mi suldè, ch’l’è tot brot tidiscaz.

Vuilt avì da purtaè inquèl a Savgnen parchè i sa da druvaè par slargaè e’ su bèl castèl.

Valà ch'a v’la insegn mè l’educaziòun e, s’un basta, staèlta volta a drov e’ manganèl!”

“Amen!”. I biaset chi por samavrois fasendsi e’ segn dla cròusa s’un gran avilimòint,

cio, u l’avòiva det e’ paèpa e cmè ch’us feva a nu daèi mòint?

E’ paèpa, ch’u n’avòiva capoi 'na leuda, e tnòiva sal znòci e’ su scret,

e tot cuntent e sbatòiva al maèni ma quèl che l’aziprit l’avòiva det.

Par forza ch’ui deva la caèrna ‘d lodla  ma quei ‘d Savgnen,  j era tot d’acord sa leu,

e acsè che braènch ‘d rufien i feva finta ‘d gnent, mo pena ch’is truvaèva in deu,

ritrat de’ paèpa dacaènt, e’ cheul vers Samaèvar, i feva una scurzina 't e' mèz dla piaza

e i ghigneva:“Grazie sua santità!” E pu se’ doid puntè vers d’in zò: “A la vòsta faza!”

Naturalmòint e fot chi tri-quatar sgumbji ‘d Samaèvar ch’j andet a staè a Savgnen,

i bun j arvanzet 't al su caèsi, mo 't i fieun e 't i fos invici dl’aqua e vuntaèva e’ vlen.

U ni fot però bsògn d’andaè a faè i garzeun mi savgnanois, cmè ch’ i speraèva a lasò,

che ribes ‘d paepà il ciamet a faè e’ garzòun me’ su padròun, cmè chi prigaèva a quazò.

LO  SCRITTO  DEL  PAPA

Questo è ciò che il papa aveva scritto, 

e questo era convinto fosse stato descritto: 

“Io, sottoscritto sua santità Innocenzo ottavo, per le crudeltà compiute nella rocchetta,

ordino e comando che l’esercito ecclesiastico  provveda alla sua demolizione e in fretta,

gli abitanti di San Mauro si trasferiranno a Savignano e si costruiranno colà nuove case,

il materiale edilizio recuperato andrà ad ampliare il castello di quel magnifico paese!”

Si racconta invece che questa fu la traduzione nel dialetto sammaurese 

che fece l’arciprete a quegli ignorantoni per far capire bene cosa diceva l’avviso: 

“Io, papa Innocenzo otto, che da morto sarò santo, per  quelle malvagità compiute qui,

mi sono rotto le palle, e adesso ordino ai soldati di buttare giù tutte quelle cose lì, 

e in fretta per la madonna. Voi, bestiacce di San Mauro, dovete trasferirvi a Savignano 

per imparare a stare al mondo, là vi farete case nuove e senza alcun piano.

Sappiate che dei mattoni e delle travi non si butta via un cazzo, 

e, o mi date retta, o vi faccio fare il culo dai soldati tedeschi di questo esercito pazzo.

Voi dovete portarli a Savignano perché si devono usare per ampliare il suo bel castello.

Valà che ve la insegno io l’educazione e, se non basta, dopo uso il manganello!”

“Amen!”. Sospirarono quei sammauresi, col il segno della croce e tanto avvilimento, 

ohi, l’aveva detto il papa e come si faceva a non prendere sul serio l’avvertimento? 

Il papa, che non aveva capito niente, teneva sulle ginocchia il suo elaborato, 

e soddisfatto applaudiva con le mani a ciò che l’arciprete aveva proclamato. 

Per forza che lusingava quelli di Savignano, erano d’accordo con le idee sue, 

e così quel branco di ruffiani faceva finta di niente, ma come si trovavano in due, 

col ritratto del papa in mano, il culo verso San Mauro, scoreggiavano in piazza

e ghignavano:“Grazie sua santità!”. Poi col dito verso giù: “Alla vostra faccia!”. 

Naturalmente ci furono tre-quattro sciagurati  che si trasferirono a Savignano,

i buoni rimasero nelle loro case, ma nei fiumi e nei fossi  tracimava un veleno disumano. 

Non ci fu però bisogno di andare a fare i garzoni ai savignanesi, come speravano lassù,

quel serpente di papa andò a fare il garzone al suo padrone, come pregavano quaggiù.

 

(Continua)

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI