Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

8.33°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 76%
Vento: SSW a 5.59 K/H
Lunedì
SP_WEATHER_RAIN_AND_SNOW
1.67°C / 7.22°C
Martedì
Per lo più soleggiato
0.56°C / 7.78°C
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
1.11°C / 8.33°C
San Mauro Pascoli
Savignano sul Rubicone
San Mauro
Savignano

Te’  pranzoipi

U n’era da taènt che e’ Signòur l’avòiva fat e’ mònd,

che a Savgnen j era zà in pì, i lizòiva loibar scret ti sas e i savòiva ch’l’era tònd.

A  Samaèvar u s’andeva a gatòun parchè a staè dret i n’avòiva imparaè,

al caèsi l'era capani fati sòura di pel te’ mèz dl’Eus e te’ gurgòun de’ Rè.

Chilt j avòiva invantaè “e' ragù alla savignanese” e i ruzleva tajadèli e lunghet,

i nost l’era da poch ch’j avòiva scvert e’ fugh e i magneva ranòci creudi e animalet.

E paèr che sia staè i savgnanois a invantaè al lètri dl’alfabeto e la scriteura,

al dmenghi, i puret a la mèsa, i sgneur 't l’ “Accademia dei Filopatridi”, adiriteura.

Mo zà alòura i sgneur d’un caènt da par lòu e quei da poch a ruinlè e doi ‘d maèl,

da la garnèla i i giòiva “Filoputridi”, quest i s’n'un sbatòiva e’ caz, par lòu tot nurmaèl.

I zcuròiva un dialèt zantoil, pin ‘d: “ei”, “ea”, ch’ui deva un chè ‘d fòin,

a quazò piò che zcòr i feva di virs: “oi”, “eu”, propi di saibadgòin.

E i stoi? A lasò tot a la moda, lòin e cutòun par faè di voil eleghent da espurtaziòun,

a quazò, j avòiva la poza madòs , cio, i s'instoiva sa pèli 'd pigri e 'd muntòun.

Insòma, gemla pu tota, lòu j era piò avaènti, un gn’era paragheun,

i nost l’era di simiot che par spustaès i saltaèva da una raèma a clèlta tra i marugheun.

All’inizio

Non era da molto che il Signore aveva fatto il mondo, 

a Savignano erano in piedi, leggevano libri scritti su sassi e sapevano che era tondo. 

A San Mauro si andava a gattoni perché a stare diritti non avevano ancora imparato, 

le case erano su pali in mezzo all’Uso e nel gorgo del Rio Salto, qui si era edificato. 

Su avevano inventato il ragù alla savignanese e preparavano tagliatelle e lunghetti, 

i nostri da poco usavano il fuoco, così mangiavano ranocchi crudi e  animaletti. 

Pare che siano stati i savignanesi a inventare le lettere dell’alfabeto e la scrittura, 

la domenica i poveri a messa e i ricchi all’“Accademia dei Filopatridi”, addirittura. 

Ma già allora i signori da una parte e quelli da poco a mugugnare e a dire male,

con astio li chiamavano “Filoputridi”, ma questi se ne fregavano, tutto normale. 

Parlavano un dialetto gentile, pieno di “ei”, “ea”, che dava loro un ché da raffinati,

da noi più che parlare grugnivano:“oi”,“eu”, proprio dei selvatici sgarbati.

E le vesti? Lassù tutti alla moda, lino e cotone per vesti eleganti da esportazione,

quaggiù, avevano la puzza addosso, ohi, indossavano pelli di pecora e di montone.

Insomma, diciamola pure tutta, loro erano più avanti, non c‘erano paragoni, 

i nostri erano scimmiotti che saltavano da un ramo all’altro tra i “marugoni”.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI