Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Limpido

0°C

Limpido
Umidità: 70%
Vento: W a 6.84 K/H
Giovedì
Parzialmente nuvoloso
-0.56°C / 8.33°C
Venerdì
Molto nuvoloso
1.67°C / 8.89°C
Sabato
Parzialmente nuvoloso
2.22°C / 10°C

Favole della nonna

  U j era una volta dò ragazi zòvni ch'al campaèva insen int una caèsa  'd campagna, al n'era surèli e gnenca cusòini, ona, la piò bèla e piò bona, l'era la fiola de' ba e clèlta, brota e sbera, l'era la fiola dla ma. Sè parchè l'òm e la dòna j era zà sté spusé, mo j era venz leu vèdov dla mòi e lì vèdva de' maroid, acsè i s'era mes insen e j avòiva mes sò 'na fameja nova.

  Al ròbi però u n'è ch'al gl'j andes tròp ben tra 'd lòu, e' ba ch'l'era sempra 't i cantir a lavuraè un s'na deva cmè che cla spezi 'd matregna la trataèva la su bèla fiola, l'an la putòiva vdòi, tot i dè la la feva lavuraè, spazaè, lavaè, faè da magné e la n'era mai cuntenta, la i ragneva un mineud sé e un mineud na, tot quèl ch'la feva l'era sbajé e la i n'un giòiva 'd tot i culeur: vagabònda, invurnoida, bona 'd na faè gnent, pèz 'd caèrna tacaèda me' còl e sempra acsè, lì, la puròina, l'an giòiva gnent me' su ba par na guastèi e' sangv, la supurtaèva da zeta.

   La su fiola invezi la feva la bèla voita, la pasaèva la su zurnaèda a pruvaès di stoi e davaènti e' spècc a tantaè miliuraè la su faza, mo un gn'era gnent da faè, piò la s'deva de' rusèt e piò brota la dvantaèva, e par quèst u j era ciap una gran garnèla 't i cunfreunt 'd clèlta ragaza che senza gnenca pitnaès o radanaès, l'era una belèza mela volti piò 'd lì.

  Cal dò stroighi an feva che pansaè me' modi 'd putòis liberaè 'd cla bèla fiola e una matòina che e' ba, cmè sempra, u n'era ma caèsa, ai li preparet la trapla.

  Drì la stala u j era un pòz par tiré l'aqua s'la caplèta, e cla matòina la brota la ciamet la bèla:

  “Vin a què, vin a què, guaèrda ach scheur ch'u j è int e' fònd, un gn'è piò 'na gòzla

    d'aqua e un sa capes duvò ch'e fines, !”.

  “Òrca, t'é rasaòun, l'è acsè nir ch'u j è da vòi paveura!”.

  E intaènt ch'al steva a lè a fisé e' fònd, la bruta la s'cavet l'anèl, l'al butet  't e' pòz e pu:

  “Oh, che sgraèzia, u m'è chesch l'anèl, maaa...maaa...u m'è chesch l'anèl 't e' pòz!”.

  La ma l'arivet 'd cheursa, al s'era mesi d'acord, la det un'uceda pursì, e pu, zirata vers la bèla:

  “Ut tòca ma tè, adès t ve zò a zarcaèl e guai a tè s' ta ne truv e ta ne port sò!”.

  “Mo cmoi da faè pr'andaè zò, la scaèla l'an gn'aroiva in caèv!”.

  “Tè nu sta a pansaè, tacti ma la caplèta, mè a t mand zò pien, pien e quant che ta le trov, dà un tiròun ma la cadòina ch'at toir sò!”.

  La pianzoiva la ragaza, mo l'an putòiva doi 'd na, parché e' su ba u s'era racmandaè ch'la j avòiva da dè rèta sempra ma la mòi nova e alòura sa di gran guzlot, la s' tachet ma la caplèta e la s' faset calaè int e' fònd.

  Cala, cala ch'e paròiva ch'u ni fos la fòin, l'arivet in caèv e int e' scheur u s' avdet quaicosa che l'arlusoiva, ou, che furteuna, l'era l'anèl.

 L'al tulet sò e cuntenta la det un tiròun ma la cadòina pòsta ch'i la tires sò, invezi s'un gran scatramaz la cadòina la avnet zò tota, cal dò stroighi al la j avòiva s-ciolta par na faèla vnì sò piò, i la j avòiva laseda a lè, da par lì se' fònd d' un pòz, e adès?

     (Continua)

LE  DUE  FIGLIE – 1^ Puntata

 C'erano una volta due ragazze giovani che vivevano nella stessa casa di campagna, non erano né sorelle, né cugine, una, la più bela e la più buona, era la figlia del babbo e l'altra, brutta e presuntuosa, era la figlia della mamma. Sì perché l'uomo e la donna erano già stati sposati, ma erano rimasti lui vedovo della moglie e lei vedova del marito, così si erano uniti e avevano creato una nuova famiglia.

  Le cose però non è che funzionassero molto bene tra di loro, il babbo che era sempre nei campi a lavorare, non si accorgeva di come quella specie di matrigna trattava la sua bella figlia, non la poteva vedere, tutti i giorni la faceva lavorare, spazzare, lavare, preparare il cibo e non era mai contenta, la riprendeva un minuto sì e uno no, tutto ciò che faceva era sbagliato e gliene diceva di tutti i colori: vagabonda, insensata, buona da far niente, peggio di un pezzo di carne legato al collo e sempre così, lei, la poverina, non riferiva niente al babbo per non guastargli il sangue, sopportava in silenzio.

 La su figliola invece faceva la bella vita, trascorreva le sue giornate a provarsi dei vestiti e davanti allo specchio a tentare di migliorare il suo viso, ma non c'era niente da fare, più si dava del rossetto e più brutta diventava, e per questo le era preso un grande astio nei confronti dell'altra ragazza che senza neanche pettinarsi o sistemarsi, era di una bellezza mille volte più di lei.

 Quelle due streghe non facevano che pensare al modo di potersi liberare di quella bella ragazza e una mattina che il babbo, come sempre, non era in casa, le prepararono il tranello.

  Vicino alla stalla c'era un pozzo per attingere l'acqua col secchio e quella mattina la brutta chiamò la bella:

  “Vieni qui, vieni qui, guarda che oscurità che c'è sul fondo, non c'è più una goccia

    d'acqua e non si riesce a capire dove termina!”.

   “Eh sì, hai ragione, è così buio che c'è d'averne paura!”.

 E intanto che stavano lì a fissare la profondità, la brutta si tolse l'anello, lo gettò nel pozzo e poi:

   “Oh, che disgrazia, mi è caduto l'anello, mamma...mamma...mi è caduto l'anello

     nel pozzo!”.

  La madre giunse di corsa, si erano accordate, diede un'occhiata veloce, e poi, rivolta alla bella:

  “Spetta a te, adesso vai giù a cercarlo e guai a te se non lo trovi e non lo riporti 

   su!”.

  “Ma come faccio a scendere fin laggiù, la scala non arriva sino in fondo!”.

  “Tu non stare a pensare, aggrappati al secchio, io ti mando giù piano, piano e

    quando l'avrai trovato, dà uno strattone alla catena che ti tiro su!”.

  Piangeva la ragazza, ma non poteva rifiutarsi perché suo babbo si era raccomandato che  desse sempre retta alla moglie nuova e allora con grandi lacrime, si aggrappò al secchio e si fece calare sul fondo.

 Scendi, scendi che sembrava non ci fosse la fine, arrivò sul fondo e nel buio si intravvide qualcosa che luccicava, oh che fortuna, era l'anello. Lo prese e soddisfatta tirò la catena per farsi tirare su, invece con un grande fragore la catena venne giù per intero, l'avevano lasciata lì, da sola, e adesso?

   (Continua)

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI