• Ultimo Aggiornamento: Giovedì 26 Novembre 2020 - 11:19:17
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

7.22°C

Nuvoloso
Umidità: 86%
Vento: NW a 3.11 K/H
Venerdì
Molto nuvoloso
5.56°C / 9.44°C
Sabato
Nuvoloso
6.67°C / 10°C
Domenica
Acquazzoni
6.67°C / 10.56°C

Il bucato con la cenereUna sòira e' padròun l'avòiva voja d'una bona minèstra, ma par na duvòi faè al paèrti sa chilt, l'aspitet che tot is fos andaè a lèt e quant che in zoir un gn'era piò niseun, e get ma la mòi 'd met sò la pgnata se' fugh.

 Quant che la minèstra la era bèla pròunta, l'antret 't la cusòina Pagnacarel,  ch'l'avòiva santoi l'udòur da la sua cambartina, l'avòiva capoi inquèl e un vlòiva perd l'ucasiòun pr'una bona magneda.

  “Sèl ch'a fé?”.

 E dmandet Pagnacarel senza stacaè j occ da la faza de' padròun che intaènt la j era dventa ròsa cmè e' fugh de' camòin.

  “Gnent”, l'arspundet quèst fasend finta 'd gnent, “la mi mòi la j à mes sò l'aqua par

    faè la bugheda ch'l'è da un pèz ch'l'an la fa e i lanzul j à ciapaè e' zal!”

  “Ah...ssè! Alòura sa vli faè un lavòur s'la grezia bsògna ch'a feva cmè ch'e feva la

    mi nòna  e ch'la m'à insgné ènca mu mè. Dòunca par faèla dvantaè ancòura piò

    bienca, la i mitòiva la zendra sòura la mastèla, pu ancòura zendra e zendra e piò la i   

    n'un mitòiva e piò bienca la dvantaèva!”.

 E intaènt ch'e giòiva acsè, s'la palèta e tulòiva sò la zendra da e' camòin e u la buteva int la pgnata fena ch'l'an fot pina dafat e tra sé e sé us giòiva cuntent:

  “An la magn mè, mo t'an la magn gnenca tè, cara e' mi padròun!”.

PAGNACAREL  E  LA  MINESTRA  DEL  PADRONE                                

Una sera il padrone aveva voglia di una buona minestra, ma per non doverla spartire con gli altri, aspettò che tutti fossero andati a letto e quando in giro non c'era più nessuno, disse alla moglie di mettere la pentola sul fuoco.

 Quando la minestra era oramai pronta, entrò in cucina Pagnacarel, che aveva annusato l'odore, aveva capito ogni cosa e non voleva perdere l'occasione per una buona mangiata.

  “Cosa fate?”.

 Chiese Pagnacarel senza staccare gli occhi dalla faccia del padrone che intanto gli era divenuta rossa come il fuoco del camino.

  “Niente”, rispose il padrone facendo finta di niente, “mia moglie ha messo su

    l'acqua per fare il bucato che è da tanto che non la fa e i lenzuoli han preso il

  giallo!”.

  “Ah...sssì! Allora se volete fare per un lavoro per bene dovete procedere come

    faceva mia nonna e che ha insegnato anche a me. Dunque per farla diventare

   ancora più bianca, le metteva la cenere sopra il mastello, poi ancora cenere e

   cenere e più gliene metteva e più bianca diventava!”.

 E intanto che così diceva, con la paletta prendeva su la cenere dal camino e la gettava nella pentola fino a che non fu del tutto piena e tra sé e sé diceva soddisfatto: 

 “Non la mangio io, ma non la mangi neanche tu, caro il mio padrone!”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);