• Ultimo Aggiornamento: Domenica 25 Ottobre 2020 - 08:00:00
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

13.89°C

Nuvoloso
Umidità: 92%
Vento: SW a 1.86 K/H
Domenica
Pioggia
11.67°C / 18.89°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 20.56°C
Martedì
Pioggia
10.56°C / 17.78°C

Favole

  U j era una volta du speus, la mòi la s' ciamaèva Gentamite e e' maroid Maracnin e d'imstir e feva e' tajalegna int e' bosch, la dòna invici la feva al fazendi 'd caèsa e, a doila tota, la n'era taènta svegia, ènzi...

 Una volta e' maroid pròima d'avies pr'e' lavòur e get ma la mòi:

  “Quant ch'a vengh a caèsa a voi magné un bèl piat 'd minèstra parchè a j ò sempra

    una gran faèna, tè, intaènt che mè a sò fura, met sò la pgnata sa du fasul e fa du

    maltajé!”.

  “Sè, sè, va, va pu ch'a j a pens mè!”.

 Quant che a mezdè l'òm l'arturnet e us mitet disdòi ma la taèvla, la dòna la i mitet davaènti una supira tota fumaènta. Òs-cia, ma Maracnin u n'i paròiva vèra, e ciapet la mèscla e u la infilet 't e' brod, e razet un po' mo un tiret fura gnent, l'arfaset l'uperaziòun mo 't la mèscla u j era sempra e snò aqua.

  Un bèl po' incazaè us ziret vers la mòi e a bòca storta ui dmandet:

  “U s' pò savòi duvèla la minèstra?”.

  Lì a bòca spalancaèda cmè s'l'an la s'aspites sta dmanda, la i get a bèch dret:

  “Mo sa doit? Zòirca, zòirca ben parchè du fasul e du maltajé l'è fadoiga da truvaèi in

    tot che  brod!”.

 E' maroid alòura un la tnet piò:

  “Mè a degh che una mòi pez 'd tè in la j à niseun, avòiva det du fasul e du maltajé

    par modi 'd doi, mo tè t ci da ès propi una pora siòca, mo s'avrò mai fat 'd maèl 't la

    mi voita par meritem 'd spusaè ona cmè tè!”.

 E' dè dòp, pròima 'd partoi pr'e' lavòur, Maracnin ui faset ma la mòi un sach 'd racmandaziòun e lì la i zuret ch'la  n'avreb piò sbajé e la j avreb fat truvaè un bèl pranzèt, che lases faè ma lì.

 Pena che e' maroid u s'n'un fot andaè, la tiret fura e' tulir e e' s-ciadeur e la s'mitet a lavuraè par faè la spoia. Tot l'andeva a maraveja, mo quant ch'la s'mitet a impastaè, la s'na det ch'la j avòiva mes tròp'aqua e l'impast l'era morbi.

  “Sèl ta t cròid aqua, ch' u n'i sipa piò faròina?”.

 E la i faset la zòunta 'd faròina, mo tròpa e acsè l'impast l'era deur.

  “Sèl ta t cròid faròina, ch'u n'i sipa piò aqua?”.

 E zò dl'èlt aqua, mo ènca stavolta la j era tròpa.

  “Sèl ta t cròid aqua, ch'u n'i sipa piò faròina?”.

 E zò faròina, mo la j era ancòura tròpa.

  “Sèl ta t cròid faròina, ch'u n'i sipa piò aqua?”.

 E zò tròp aqua.

   La j andet avaènti un bèl po' a faèi la zòunta 'd aqua e 'd faròina e quant che a la fòin la s' mitet a stié la spoia, l'an faset acsè taènta mo acsè taènta da impinoi al scarani, i teval, i cumadòin, e' lèt, insòma sòura tot quèl ch'u j era int caèsa u j era stòis una spoia.

  Quant che strach mort Maracnin l'arturnet da e' lavòur e e faset par metsi disdòi s'una scarana, svelta Gentamite la i ruget:

  “A lè na ch'u j è la spoia!”.

  L'andet par stuglaès se' lèt, mo la mòi:

  “A lè na ch'u j è la spoia!”.

  Cio, che por maroid a vdòi acsè u n'un putet piò e e scupiet  da la tegna:

  “Basta, a n'un pòs piò d'una mòi invurnoida cmè tè, ò deciois, a t las, a m'n'un vagh

   da par mè in zoir pr'e mònd a zarcaè furteuna!”.

  “Na, na Maracnin, n'um fa quèsta, purtmi sa tè!”.

  “E chè? Sèl ch'a m'n'un faz 'd ona cmè tè?”.

  “Fam avnoi sa tè Maracnin, ta t n'un pantiré!”.

  E a forza 'd insest e pienz, Maracnin, ch'ui vlòiva ènca de' ben, us faset cunvòinz e acsè ui get:

  “ E va ben, s' t vu vnoi sa mè, pròima toirti dri la porta 'd caèsa!”.

  Leu e vlòiva doi ch'la la j avòiva da ceud, invici lì la la cavet da fat da i gangar, la s'la carghet sal spali e sa che pòis madòs la s'incaminet dri me' maroid ch'un s'era gnenca volt pr'avdoi sèl ch'la feva.

(Continua)

                 GENTAMITE  E  MARACNIN – (Prima parte)

 

 C'erano una volta due sposi, la moglie si chiamava Gentamite e il marito Maracnin e di mestiere faceva il boscaiolo, la donna invece si occupava delle faccende di casa e, a dirla tutta, non era molto sveglia, anzi...

 Una volta il marito prima di avviarsi al lavoro disse alla moglie:

  “Quando ritorno a casa voglio mangiare un bel piatto di minestra perché ho  

    sempre una grande fame, tu, intanto che io sono fuori, metti su la pignatta con due

    fagioli e prepara due maltagliati!”.

  “Sì, sì, va, va pure che ci penso io!”.

 Quando a mezzogiorno l'uomo ritornò e si mise seduto a tavola, la donna gli mise innanzi una zuppiera fumante. Ostia, a Maracnin non sembrava vero, prese il mestolo e lo infilò nel brodo, razzolò un po', ma non tirò fuori niente, rifece l'operazione ma nel mestolo c'era sempre e solo acqua. 

 Un bel po' arrabbiato si girò verso la moglie e a bocca storta le domandò:

 “Si può sapere dov'è la minestra?”.

 Lei a bocca spalancata come se non si attendesse questa domanda, gli rispose col broncio:

  “Ma cosa dici? Cerca, cerca bene perché due fagioli e due maltagliati sono difficili

    da rinvenire in tutto quel brodo!”. 

 Il marito allora sbottò: “Io dico che una moglie peggiore di te non ce l'ha nessuno, avevo detto due fagioli e due maltagliati per modo di dire, tu però devi essere proprio tonta, ma cosa avrò mai fatto in vita mia di male per meritarmi di sposare una come te!”.

 Il giorno dopo, prima di partire per il lavoro, Maracnin fece alla moglie un sacco di raccomandazioni e lei giurò che non avrebbe più sbagliato e gli avrebbe fatto trovare un bel pranzetto, che lasciasse fare a lei.

 Appena il marito se ne fu andato, tirò fuori il tagliere e il mattarello e si mise a lavorare per  fare la sfoglia.    

 Tutto andava a meraviglia, ma quando si mise ad impastarla si accorse che ci aveva messo troppa acqua e l'impasto era morbido.

  “Cosa ti credi acqua che non ci sia più farina?”.

 E fece un'aggiunta di farina, ma troppa così l'impasto era duro.

  “Cosa credi farina che non ci sia più acqua?”.

 E giù altra acqua, ma anche stavolta era troppa.

  “Cosa credi acqua, che non ci sia più farina?”.

 E giù farina, ma era troppa.

  “Cosa credi farina, che non ci sia più acqua?”.

 E giù troppa acqua.

  Andò avanti un bel po' ad aggiungere acqua e farina e quando alla fine si mise a stendere la sfoglia, ne fece così tanta da riempire le sedie, i tavoli, i comodini, il letto, insomma su tutto ciò che c'era in casa vi era stesa una sfoglia.

  Quando stanco morto Maracnin tornò dal lavoro e fece per sedersi su una sedia, svelta Gentamite gli urlò:

  “Lì no che c'è la sfoglia!”.

 Andò allora per sdraiarsi sul letto, ma la moglie:

  “Lì no che c'è la sfoglia!”.

  Ohi, quel povero marito a vedere così non ne poté più e si lasciò andare ad uno scoppio di rabbia:

  “Basta, non ne posso più di una moglie svanita come te, ho deciso, ti lascio, me ne vado da solo in giro per il mondo!”.

  “No, no Maracnin, non mi fare questa, portami con te!”

  “Che cosa? Che me ne faccio di una come te?”.

  “Fammi venire con te Maracnin, non te ne pentirai!”.

  E a forza d'insistere e piangere, Maracnin, che le voleva anche bene, si fece convincere e così le disse:

 “E va bene, ma se vuoi venire con me, prima tirati dietro la porta di casa!”. 

 Lui intendeva dire che la doveva chiudere, invece lei la levò dai cardini, se la caricò sulle spalle e con quel peso addosso si incamminò dietro al marito che neanche si era girato per accertarsi di ciò che combinava.

(Continua)

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna