Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Molto nuvoloso

23.89°C

Molto nuvoloso
Umidità: 68%
Vento: ESE a 7.46 K/H
Lunedì
Temporali
16.67°C / 23.89°C
Martedì
Temporali
17.22°C / 23.33°C
Mercoledì
Temporali sparsi
16.11°C / 25.56°C

La Veglia3^ parte

T ci cmè la scròva 'd Marinòun ch'la s'magneva i baganòin.
Sei come la scrofa di Marinone che si mangiava i maialetti.
 
T ci pez de' caval 'd scaja.
Sei peggio del cavallo di Scaia.
 
L'è scòurgh cmè e' caval 'd Scaia che da la bòca u si vòid e' beus de' cheul. 
È piagato come il cavallo di Scaia e dalla bocca gli si vede il buco del culo.
 
L'è cmè to e' lat da la gata.
È come prendere il latte dalla gatta.
 
L'è sempra 't e' mèz cmè la zobia.
È sempre nel mezzo come il giovedì.
 
Tè t ci in pien cmè Fujèta.
Tu sei in piano come Foglietta.
 
T ci tòinch cmè e' bastòun de' pulaèr.
Sei rigido come il bastone del pollaio.
 
T'é 'na tèsta cmè un inciocch.
Hai una testa come un'acciuga.
 
Quèla la j è pez 'd 'na caramèla ciuceda.
Quella è peggio di una caramella succhiata.
 
L'è cmè daè dla putaèna ma la voipa.
È come dare della puttana alla volpe.
 
T ci indrì cmè al nèspli.
Sei indietro come le nespole.
 
Da la taèvla un s'aèlza mai se la bòca l'an sa 'd furmai.
Dalla tavola non ci si alza mai se la bocca non sa di formaggio.
 
Quànt che l'azdòura la va in campagna, l'è piò quèl ch'la perd ch' n'è quèl ch'la guadagna.
Quando la massaia va a lavorare nel campo è più quel che perde di ciò che guadagna.
 
Insugnè dla pida l'è nuvità.
Sognare la piadina è segno di novità.
 
I parint j è cmè e' pès, dòp a tri dé i poza.
I parenti sono come il pesce, dopo tre giorni puzzano.
 
E cmanda cmè e' dò 'd còp quant che la brescla l'è bastòun.
Comanda come il due di coppe quando la briscola è bastone.
 
Fena a staénta e' gàl ancòura e caénta, dòp e fa e' quajóun.
Fino ai settanta il gallo ancora canta, dopo fa il babbeo.
 
I suld i fa andaè l'aqua d'in sò.
I soldi fanno andare l'acqua verso l'alto.
 
Un s'è mai struzaè un caèn sal tajadaèli.
Non si è mai strozzato un cane con le tagliatelle.
 
A pienz i burdel i fa j occ piò bel.
A piangere, i bambini fanno gli occhi più belli.
 
La piò brota da scurgaè l'è sempra la còuda.
La più difficile da scorticare è sempre la coda.
 
S'ta t ci  d'afugaè, l'è mèi a faèl duvò a ch'u j è un dimondi 'd aqua.
Se ti devi annegare, è meglio farlo dove c'è molta acqua.
 
Da zovan us zòirca i guai, da vecc  i ven da par lòu.
Da giovani si cercano i guai, da vecchi arrivano da soli.
 
Coi ch'partes a e' galòp e tòurna indrì zòp.
Chi parte al galoppo torna indietro zoppo.
 
Quant ch'e sbat l'òcc dret còr aflet, quand ch'e sbat l'òc manzòin còr cuntantòin.
Quando salta l'occhio destro cuore afflitto, quando salta l'occhio mancino cuore allegro.
 
Se tot i bech i purtes un lampiòun, misericordia che inluminaziòun.
Se tutti i cornuti portassero un lampione, mamma mia che illuminazione.
 
'T la funtaèna duvò che t'ai speud pu t'ai vè a bòi.
Nella fontana dove sputi, ci vai poi a bere.
 
Int i timp antoigh ènca al pienti sèchi al feva i foigh.
Nei tempi antichi pure le piante morte facevano fichi.
 
Quèl l'è eun che porta vì ènca e' feun mal pepi.
Quello è uno che ruba anche il fumo alle pipe.
 
E vo  prinfena insgné me' cheul a caghé.
Vuole persino insegnare al culo a cagare.
 
E' vaèl piò una ròba fata che zent da faè .
Vale più una cosa fatta che cento da fare.
 
Par faè un fòs ui vo dò spòndi.
Per fare un fosso ci vogliono due rive.
 
Una parola la j è poca e dò agl' j è tròpi.
Una parola è poca e due sono troppe.
 
S' t magn una candòila t'é da caghé e' stupòin.
Se mangi una candela devi cagare lo stoppino.
 
La leuna l'an baèda mi chen chi' baja.
La luna non bada ai cani che abbaiano.
 
Sdaza, sdaza, j è tot d’una raza.
Setaccia, setaccia, sono tutti di una razza.
 
La vaca a forza ad lichè e' vidèl la s'l'è magné.
La mucca a forza di leccare il vitello se le mangiato.
 
Quant che ven e' maèl dl’agnèl, e crès la paènza e e cala l’usèl.
Quando viene il male dell’agnello, cresce la pancia e cala l’uccello.
 
Quant che la voipa la s’invècia al galòini a li chega int e’ meus.
Quando la volpe s’invecchia, le galline le cagano sul muso.
 
La j è acsè brota che quant ch'la pasa la smorta i leun.
É così brutta che quando passa si spengono le luci.
 
T ci come l’oca ad Pilucòun, la j era me' stagn e l’è andaèda a caèsa a bòi.
Sei come l’oca di Pilucone, era allo stagno ed è tornata a casa a bere.
 
Ma tè ut dà dan e' vent de' dvanadeur.
A te dà fastidio il vento del dipanatoio.
 
E capes la mità 'd eun ch’un capes gnent.
Capisce la metà di uno che non capisce nulla.
 
Mè a la tu età a magnèva e' fugh e a caghèva la zèndra.
Io alla tua età mangiavo il fuoco e cagavo la cenere!
 
Mè a la tù età a magnèva e' feun mal pepi.
Io alla tua età mangiavo il fumo alle pipe.
 
T'é voja ad zoca zala…
Hai voglia di zucca gialla… hai voglia di storie.
 
Tè ci un sgnòur, t’an capès un caz, coi ch' stà mèi 'd tè?
Tu sei un signore, non capisci niente, chi sta meglio di te?
 
T ci cmè e' dutor Bunega ch'l'à cure’ e' bus de' cheul cunvòint ch'e fos  'na piega.
Sei come il dottor Bunega che ha curato il buco del culo convinto che fosse una piaga.
 
Se i t zcòr drì mal spali, tè scurèza!
Se ti parlano dietro le spalle, tu  scoreggia!
Quèl l’à pisé ‘t e' batòisum.
Quello ha fatto la pipì durante il battesimo. (Si dice di uno fortunato)
 
T’an ci faè gnenca a faè una O s’un bicír.
Non sei capace nemmeno di fare una O con un bicchiere
 
A lavaè la tèsta me' sumar u s j armet  temp e savòun!
A lavare la testa al somaro ci si rimette tempo e sapone!
 
Se e' mi nòn l'aves al rodi e saria un cariul.
Se mio nonno avesse le ruote sarebbe un carretto.
 
U ma maènca snò da faè un fiol de' caènt de' cheul e pu a li ò fati toti.
Mi rimane solo di fare un figlio dalla parte del sedere e poi le ho fatte tutte.
 
(FINE)
Pin It