• Ultimo Aggiornamento: Venerdì 27 Novembre 2020 - 12:50:15
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

6.67°C

Nuvoloso
Umidità: 92%
Vento: WNW a 2.49 K/H
Sabato
Nuvoloso
6.11°C / 9.44°C
Domenica
Pioggia
7.22°C / 11.11°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
3.89°C / 8.89°C

Orazioni

PREGHIERE  NATALIZIE  

  • Stanòta a mezanòta,

    l’è naseu un bèl babin,

    biench e ròs e rizulin;

    la su ma int la capana

    la i fasòiva la ninana.

    San Jusèf ul carezaèva,

    e’ bò e l'asinèl i l' arscaldéva.

    E tot quant sa di fagot,

    oman e dòni i i  porta 'd tot,

    coi  ch'ui porta j agnilòin,

    coi ch'ui pôrta i pulastròin.

    Con Giuseppe e con Maria

    oh che bèla cumpagnia!

  
  • Stanotte a mezzanotte,

    è nato un bel bambino

    bianco e rosso e ricciolino;

    la sua mamma nella capanna

    gli faceva la ninna nanna.

    San Giuseppe lo accarezzava

    il bue e l'asinello lo riscaldavano.

    E tutti quanti con dei fagotti,

    uomini e donne portano di tutto,

    c'è chi porta un agnellino,

    c'è che porta in pollastrino.

    Con Giuseppe e con Maria

    oh che bella compagnia!

 

 

  • Madunina bèla bèla,

    che da e' zil  la vnet in tèra,

    a parturoi un bèl burdlin

    biènch e ròs e rizulin!

    La Madòna l'al portaèva,

    san Iusèf u l'aiutaèva,

    tot i sint i i det amòur:

    sia lodà nostar Signòur.

    I Re Magi j avnet da via,

    pr'adoraè Gesù Messia,

    tra la paja int e' mèz a e' fen,

    il truvet ch'e steva bén.

    La Madòna l'al dundleva,

    san Iuséf u l'aiuteva,

    tot i sènt i i det amòur:

    sia lodà nostar Signòur!


  • LA PRIGHIRA PR'E SÒUL

    Madunina de' Signòur,

    fa che venga fura e' sòul,

    fa ch'e venga fura prèst,

  • o l'è là ch'l'è spunté adès!


  • LA PRIGHIRA DE' BÈCH

    E' mi Signòur fasoi ch'a n'um maroida,

    e se am maroid, fasoi ch' an sipa bèch

    e se a sarò bèch fasoi che a ne sepa

    e se al savrò, fasoi ch'a sipa cuntent.


    PRIGHIRA

    E' mi signòur, s'a i soi,

    ch'a sì tènt bon, s'l'è vèra,

    fem la graèzia, s'a putoi,

    che la mi amna, s'a la j ò,

    la vaga in paradois, s'u j è.


  
  • La Madonnina bella bella,

    che dal cielo venne in terra,

    a partorire un bel bambino

    bianco, rosso e ricciolino.

    La Madonna lo portava,

    San Giuseppe la aiutava,

    tutti i santi gli diedero amore:

    sia lodato nostro Signore!

    I Re Magi vennero dalla via

    ad adorare Gesù il Messia.

    Tra la paglia, in mezzo al fieno,

    lo trovarono che stava bene!

    La Madonna lo cullava,

    San Giuseppe la aiutava,

    tutti i santi gli diedero amore:

    sia lodato nostro signore


    PREGHIERA PER IL SOLE

    Madonnina del Signore,

    fa che venga fuori il sole,

    fa che venga fuori presto,

    oh, è già là, è spuntato adesso!


  • LA PREGHIERA DEL CORNUTO

    O mio Signore fate che non mi sposi,

    e se mi sposo, fate che non sia cornuto

    e se sarò cornuto fate che non lo sappia

    e se lo saprò, fate che sia contento.


  • PREGHIERA

    Mio signore, se ci siete,

    che siete tanto buono, se è vero, 

    fatemi la grazia, se potete, 

    che la mia anima, se ce l'ho,

    vada in paradiso, se c'è.


 

N.B. - Questa preghiera di origine bolognese, fu pronunciata durante un funerale di un importante personaggio del mondo politico e culturale di quella città e la si definiva come un'antica preghiera popolare. Non ho rinvenuto né le fonti, né l'autore, ho però forti dubbi faccia parte della tradizione orale popolare, prima di tutto vi si riscontra un marcato tono intellettuale e, soprattutto, esprime una serie di dubbi “moderni”, le preghiere tradizionali sono invocazioni alle autorità celesti senza “se” e senza “ma”, è però indubbiamente di piacevole lettura.

  • San Stevan grand e gròs

    e’ purtaéva e’ mònd madòs

    l’aqua infena a la zinteura

    parduné sta pecateura

    pecateura bèla e bona

    la mi voita a v' la dòun

    a v' la dòun ma vò san Pir

    lò l’à al cevi d’arvoi e’ zil

    mè a l’ò vért e a l’ò sraè

    la Madòna l’à ciamaè

    l’à ciamaè un Pirimpol

    induvèl e’ mi fiol?

    Sè sè sè ch’a l’ò ben vest

    a l’ò vest in Gerusalem

    sa trè cròusi 't al maèni 'd legn

    ona in tèsta e ona in pì

    ona in braz me’ Signòur mi

    e’ Signòur mi l’è staè inciudaè

    tot e’ sangv l’à sparguié

    par nuitar pecateur

    j à mazê e’ nòst Signòur.


  
  • Santo Stefano grande e grosso 

    che portava il mondo addosso 

    l’acqua fino alla cintura 

    perdonate questa peccatura

    peccatura bella e buona 

    la mia vita ve la dono 

    ve la dono a voi san Pietro 

    lui ha le chiavi per aprire il cielo

    io l’ho aperto e l’ho chiuso 

    la Madonna ha chiamato 

    ha chiamato Pietro e Paolo

    dov’è mio figlio?

    Sì sì sì l’ho ben visto

    l’ho visto in Gerusalemme

    con in mano tre croci di legno 

    una in testa e una in piedi

    una in braccio al mio Signore

    il mio Signore è stato inchiodato 

    tutto il sangue ha sparso 

    per noialtri peccatori

    hanno ammazzato il nostro Signore


 

N.B. - Questa preghiera proviene dal lughese  e mescola una serie di versi che richiamano situazione diverse, il santo invocato in apertura più che a Santo Stefano corrisponde a San Cristoforo, nome che infatti significa, "colui che porta Cristo".

  La leggenda parla di un un gigante, Cristoforo appunto, che faceva il traghettatore su un fiume. Una notte gli si presentò un fanciullo per farsi portare al di là sull'altra riva e se anche grande e robusto, si sarebbe piegato sotto il peso di quell'esile creatura, che sembrava pesare sempre di più ad ogni passo. 

  Il gigante sembrava essere sopraffatto, ma alla fine, stremato, riuscì a raggiungere la riva.

  Al meravigliato traghettatore il bambino avrebbe rivelato di essere il Cristo, confessandogli inoltre che aveva portato sulle sue spalle non solo il peso del suo corpicino, ma il peso del mondo intero. 

 La preghiera poi continua e termina con precisi riferimenti alla passione di Cristo.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);