Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

24.44°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 58%
Vento: SW a 13.67 K/H
Sabato
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 19.44°C
Domenica
Molto nuvoloso
10°C / 17.78°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
9.44°C / 18.89°C

Orazioni

   La religiosità popolare di tutte le regioni italiane è ricca di preghiere dialettali, espressione di una cultura religiosa tramandata oralmente di generazione in generazione, per lo più dai nonni ai nipotini.

  L'era moderna, purtroppo, tende a cancellare questo patrimonio, infatti le suddette preghiere permangono quasi esclusivamente nei ricordi delle persone più anziane.

  Queste che seguono sono in massima parte riferibili ai miei ricordi infantili quando per addormentarmi mi coricavo in mezzo ai miei nonni paterni nel loro letto matrimoniale e così ora l'uno ora l'altra mi invitavano a recitare queste orazioni in dialetto che successivamente ho ritrovato in alcuni testi che i miei scolari attingevano, quasi esclusivamente, dalle loro nonne.

 

  • A lèt, a lèt a sem andaè  

    tot i sint avem ciamaè, 

    tot i sint i nost fradel,

    tot al saènti al nòst surèli,

    e' Signuròin l'è e' nòst ba,

    la Madunòina la nòsta ma,

    san Zvan e' nòst parent,

    andema a lèt a cor cuntent,

    la Madòna l'am ciema

    l'am dois ch'a n'epa paeura,

    d'una maèla cosa ch'a m'alvas, 

    quatar graèzi ch'ai dmandas:

    la cunsiòun, la cumuniòun, l'oli saènt

    e la graèzia de' Spirito saènt.


  • A lèt a voi andaè,

    tot i sint a voi ciamaè,

    chi da cap, chi da pè,

    Gesò Crest caènt a mè,

    ch'e viges o ch'a durmes,

    che paveura a n'aves,

    né ad laz, né ad fèr

    e né ad peunta ad curtèl.

    Tot agl'j amni cunservé,

    cunservé ènca la mi,

    ch'e danaèda l'an sì,

    danaèda l'an sarà.


    A vagh a lèt s'a m'invècc, 

    ch'us a dmand me' mi Signòur?  

    La cunsiòun, l'oli saènt

    e la Madòna a què dacaènt. 

    San Jusèf e' mi parent, 

    um dois ch'a vaga a lèt a cor cuntent  

    la Madòna la fa e' rundòun,   

    a gem un vaès ad uraziòun.


    A lèt, a lèt a voi andaè,  

    tot i sint a voi ciamaè,

    tot i sint l'è i mi fradel, 

    tot al saènti al mi surèli.

    san Giovanni, e' mi parent,

    um dois ch'a vaga a lèt a cor cuntent,

    um dois ch'a n'epa paveura, 

    né di dè e né di nòtta,

    né sul punto della mòrta.


    Signuròin a vagh a lèta

    u j è quatar anzal chi m’aspèta

    deu da caèv e deu da pì

    't e' mez ' num di dì

    vò signuròin a soi e' mi ba

    vò madunina a soi la mi ma

    san zvan l'è mi parent

    a pòs durmoi cuntent

    a n'ò paeura nè de' dè e nè dla nòta

    fena e' peunt dla morta.


    Signour, am stòugal zò,

    sa m'aèlv a ne sò.

    Casomai ch’an n'um alvas,

    l’amna mi, a Dio a la las,

    ch’u la liva, ch'u la ciapa

    ch’u la metta in dò che vo.


  
  • A letto, a letto siamo andati,

  • tutti i santi abbiamo chiamato,

  • tutti i santi nostri fratelli, 

  • tutte le sante nostre sorelle,  

  • il Signore è il nostro babbo, 

  • la Madonnina la nostra mamma, 

  • san Giovanni, il nostro parente 

    andiamo a letto a cuor contento 

    la Madonna mi chiama 

    mi dice di non avere paura,  

    da una cattiva cosa che mi salvassi, 

    quattro grazie che le domandassi:  

  • la confessione, la comunione, l'olio santo

    e la grazia dello Spirito santo.


      A letto voglio andare,

      tutti santi voglio chiamare,

     chi da capo, chi da piede,

     Gesù Cristo accanto a me

     che vegliassi o che dormissi,

     che paura non avessi,

     né di laccio, né di ferro

     e né di punta di coltello.

     Tutte le anime conservate,  

     conservate anche la mia,

     che dannata non sia, 

     dannata non sarà


          Vado a letto se m'invecchio, 

          cosa chiedo al mio Signore?

          La confessione, l'olio santo

          e la Madonna qui accanto.

          San Giuseppe, il mio parente,

          mi dice di andare a letto a cuore contento

          la Madonna fa il rondone, 

          diciamo un vaso di orazioni.


         A letto, a letto voglio andare,

         tutti i santi voglio chiamare,

         tutti i santi sono miei fratelli,

         tutte le sante le mie sorelle

         san Giovanni, il mio parente,

         mi dice di andare a letto a cuore contento,

         mi dice di non avere paura

          né di giorno e né di notte,

         né sul punto della morte.


    Signore vado a letto

    ci sono quattro angeli che mi aspettano

    due da capo e due da piedi

    nel mezzo il nome di dio

    voi signore siete il mio babbo

    voi madonnina siete la mia mamma

    san Giovanni è il mio parente

    posso dormire contento

    non ho paura né del giorno né della notte

    fino al punto della morta.


    Signore, mi corico,

    se mi sveglierò, non lo so.

    Se non dovessi svegliarmi,

    l’anima mia la lascio a Dio,

    che la sollevi, che la prenda,

    e la metta dove desidera.


Orazione del mattino 

  • Uraziòun dla pirinina ,

    chi la dois ògni matina,

    chi la dois e chi la sa,

    in paradois andrà.

    In paradis u j è un bon stà,

    la Madunòina a ripusà,

    a ripusà e' su bambinin,

    biench, ròs e rizulin.

    Alza su quella veletta,

    c'è Gesù Bambin che tetta,

    tetta il latte di Maria:

    buon Gesù speranza mia.


  
  • Orazione della pirinina

    chi la dice ogni mattina,

    chi la dice e chi la sa,

    in paradiso andrà.

    In paradiso c'è un buon stare,

    la Madonnina a riposare,

    a riposare il suo bambino,

    bianco, rosso e ricciolino.

    Alza su quella veletta,

    c'è Gesù bambin che tetta,

    tetta il latte di Maria:

    Buon Gesù speranza mia.


 

Pin It