Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Temporali sparsi

23.33°C

Temporali sparsi
Umidità: 75%
Vento: ESE a 6.21 K/H
Lunedì
Temporali
16.67°C / 23.89°C
Martedì
Temporali
17.22°C / 23.33°C
Mercoledì
Temporali sparsi
16.11°C / 25.56°C

Racconti nella stalladi Piero Maroni  

Ovviamente la frequentazione delle veglie nelle stalle, era fonte di numerosi e curiosi  episodi che a lungo si sono raccontati e trasmessi per via orale e, spesso, modificati a seconda delle capacità di raccontare del narratore, se ne riportano un paio che comunicano nella sostanza gli eventi come ci sono giunti, ma ulteriormente modificati nella forma comunicativa e letteraria.

BUFFI  EPISODI

La còunta di salam

Int una vègia 'd campagna int la stala d'un cuntadòin,

u j era Sajarro, un zuvnòt 'd Samaèvar sempra sa madòs una faèna da asasòin,

in duvò ch'l'andeva la pròima ròba che zarcaèva l'era e' magné

e ènca cla sòira u si turzòiva al budeli cmè s'l'aves da chisà quant digiuné.

E panset alòura d'andaè a vdòi se 't la matra dla cusòina u j era d'j avenz pursì,

acsè s'un lumòin a petroli e una scheusa e scapet da la stala in peunta 'd pì.

Mo quant che fot se' pianèt dla scaèla e puntet par caès la loma d'in sò, 

us n'a det che dal traèvi u j era una mocia 'd salam ch'i pandòiva d'in zò.

Un gn'a panset un sgònd 'd piò e l'andet sò mi scalòin

e quant ch'ui fot da prèsa e zarchet 'd ciapaèi tirend e' curdlòin.

Dai e dai, mo j era tròp d'inaèlt, bsugneva saltaè e sudé

mo gnenca acsè ui la feva, u j ariveva  a malapena a sbrisé.

Mo la faèna e la gòula a i li deva di curieus spataseun

e acsè sempra piò selt e sempra piò deciois a tiren zò e maènch eun.

Snò che leu sa che  pòis ch'avòiva madòs un gn'a riveva 'd sicheur,

e par di piò tot al volti ch'l'arcascaèva se' sulaèr, e tarmaèva i meur.

L'era cmè se des e' teremòt, alòura e' padròun u s'alzet da zet,

e ciapet la porta e vdend Sajarro saltaè cmè un mat, ui dmandet:

 “Us po' savòi sèl t fe tè si mi salam? Ch'sèl t'am racòunt?”.

 “Ah gnent”, svelt Sajarro, “ai còunt!”.

La conta dei salami

In una veglia di campagna nella stalla di un contadino,

c'era Sajarro, un giovinotto di San Mauro sempre con una fame da assassino,

ovunque andasse la prima cosa che cercava era di mangiare

e anche quella sera budella attorcigliate come se da tempo avesse dovuto digiunare.

Pensò allora di andare a vedere nella madia della cucina se c'erano dei rimedi,

così con un lumino a petrolio e una scusa uscì dalla stalla in punta di piedi.

Ma quando fu sul pianerottolo della scala e puntò per caso il lume all'in su, 

si accorse che dalle travi c'era una moltitudine di salami che pendevano all'ingiù.

Non ci pensò un secondo di più e salì su per i gradini 

e quando fu sul posto cerco di afferrarli tirando i cordini.

Dai e dai, ma erano troppo in alto, bisognava saltare e sudare, 

ma neanche così ce la faceva, arrivava a malapena a sfiorare. 

Ma la fame e la gola gli davano stimoli opportuni 

e così sempre più salti e sempre più deciso a tirarne giù alcuni.

Solo che lui cl peso che aveva addosso non ci arrivava di sicuro, 

e inoltre tutte le volte che ricascava sul pavimento, tremava il muro.

Era come se desse il terremoto, allora il padrone si alzò per queste situazioni inattese 

uscì dalla porta e vedendo Sajarro intento a saltare come un matto, gli chiese: 

“Si può sapere cosa stai facendo tu coi miei salami? Qual è il tuo racconto?”.

“Ah, niente”, svelto Sajarro, “li conto!”.

Fura quei 'd Samaèvar

L'era un po' ch'i pansaèva d'andaè a faè la vègia 't la stala d'un cuntadòin

duvò ch'u j era trè fioli da maroid ch'al zarcaèva un murusòin.

La caèsa la era 'd là de' fieun in quèl 'd Savgnen

e una sòira un grupèt 'd raghez i s'aviet  pr'andaè a faè de' ben.

Quant ch'j arivet tot mudì, a là e fot 'na mèza fèsta,

s'al ragazi cuntenti ch'e putòiva ès la sòira ch'a gl' j avòiva 't la tèsta.

L'era un bèl po' ch'i ciacaraèva a caval dal scarani de' brot e de' bèl,

e ui n'era eun ch'us dundleva avaènti e indrì e un giòiva mai un quèl,

un su amoigh 't avdòi acsè un la tnet la tentaziòun,

e zet, zet  ui paset davaènti e ui det un spatasòun.

Un gnent e l'era a gambdreti senza putòi puzaè matèra i pì,

par su furteuna e finet stuglaè sòura dla paia muceda a lè didrì,

snò che instèca  lè sòta u j era la gata che da poch la avòiva fié,

che sobit la faset un saèlt indrì, mo i su gatin i finet s-ciazé.

Gnenca a temp 'd doi ahi, ch'e scupiet e' finimònd:

la gata la miulaèva senza smet pr'i gatin murt 't un sgònd,

al ragazi al feva di rogg ch'e paròiva ch'i j aves taié un doid,

i raghez invici is tnòiva la paènza par na s-ciupaè da e' roid.

Mo u j à panset e' ba a met a pòst al ròbi e fè smet che casòin

che s' j occ fura da la tèsta un stet a faè tent scursòin:

“Us po' savòi da duvò ch'a sì scap fura vuilt?”.

“Nòun a vnem 'd Samaèvar e a sem a què par faèv cuntint!”.

“ Ah sè, a soi 'd Samaèvar? Fura da què braènch 'd zengan e lazareun

   pròima ch'av spaca la faza, a ma vì propi ròt i mareun!”.

 

Fuori quelli di San Mauro

Era da un pezzo che pensavano di andare alla veglia nella stalla di un contadino

dove c'erano tre figlie da marito che cercavano il fidanzatino.

La casa era al di là del fiume in quel di Savignano,

e una sera un gruppo di ragazzi si avviarono per andare alla casa del villano.

Quando arrivarono tutti eleganti, là fu una mezza festa, 

con le ragazze contente che poteva essere la sera che avevano in testa. 

Era un bel po' che a cavallo delle sedie chiacchieravano di ciò che veniva in mente

e ce n'era uno che si dondolava avanti e indietro e non diceva niente,

un suo amico nel vedere così non frenò la tentazione,

e zitto, zitto gli passò davanti e gli diede uno spintone.  

Un niente ed era a gambe dritte senza poter appoggiare i piedi sul pavimento, 

per sua fortuna finì disteso sopra della paglia ammucchiata lì da tempo, 

solo che lì sotto c'era anche la gatta coi suoi piccoli da poco figliati,

lei, veloce, fece un salto all'indietro, ma i gattini finirono schiacciati. 

Neanche il tempo di dire ahi, che scoppiò il finimondo: 

la gatta miagolava selvaggiamente per i gattini morti in un secondo, 

le ragazze, come se le avessero  tagliato un dito, non smettevano di urlare,

i ragazzi invece dal ridere si tenevano la pancia per non scoppiare.

Ci pensò però il babbo a mettere a posto le cose e far cessare quel casino 

che con gli occhi fuori dalla testa ci mise poco a risolvere il problemino: 

“Si può sapere da dove siete venuti fuori voialtri?”. 

“Noi veniamo di San Mauro e siamo qui per farvi contenti senza disastri!” 

“Ah sì, siete di San Mauro? Fuori di qui branco di zingari e lazzaroni 

  prima che vi spacchi la faccia, mi avete proprio rotto i maroni!”.

 

(Continua)

Pin It