Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

SAN MAURO PASCOLI – (10 Dicembre 2005) - Dopo un periodo di crisi, la Sammaurese, torna a fischiettare come un uccellino in primavera. La scorsa settimana, i ragazzi allenati dal player-manager, Gianni Sarpieri, sono tornati alla vittoria in quel di Coriano, battendo i padroni di casa del Tropical per 2-1. Finalmente una boccata d’ossigeno per la truppa sammaurese che torna alla vittoria e conquista punti importantissimi per non essere succhiata da una zona assai bollente. Ma facciamo un passo alla volta e allunghiamo lo sguardo a due settimane fa, quando al Macrelli di San Mauro Pascoli, la rivelazione del momento – Baracca Lugo – s’impose sul terreno giallorosso, con un sonante 3-0. Queste sono state le parole del tecnico Gianni Sarpieri, dopo la batosta inflitta dai ravennati: “E’ una partita molto difficile da commentare – ha spiegato alla stampa locale mister Sarpieri – perché noi abbiamo giocato e loro hanno fatto i goal. Voglio essere molto preciso e dire che la Sammaurese ha cercato di interpretare bene la partita, anzi, lo ha fatto per certi aspetti, ma due goal in due minuti ci hanno, consentitemi il termine, “castrato”. Quando ti trovi a rincorrere un risultato passivo, spendi molte energie, è risaputo: noi ne abbiamo consumate tante perché volevamo a tutti i costi agguantare il pareggio. Ci siamo impegnati tantissimo ma purtroppo, tutto il nostro impegno, non è servito a nulla. Poi è arrivata la terza rete, ma in questa occasione, devo ammettere, che il goal è arrivato per una nostra ingenuità. Dovevamo essere più attenti e mi auguro che i giocatori, di questi errori ne facciano tesoro per non ricommetterli più. Sfortunatamente – conclude l’allenatore romagnolo, facendo anche un complimento a Ricci, giocatore, bomber e bandiera del Baracca Lugo – quando sbagliamo, paghiamo a cara pelle, e forse più di quanto meritiamo, le nostre imprecisioni. Ricci è un atleta superlativo è sempre un piacere vederlo giocare. E’ davvero molto forte, a questo giocatore, vanno tutti i miei complimenti”. Dal commento rilasciato dall’allenatore della Sammaurese Gianni Sarpieri, si riscontra molta autocritica: segno di grande umiltà e maturità. Comunque tutti i tifosi della Sammaurese, possono essere d’accordo con le parole del coach giallorosso: in questo torneo, la Sammaurese, al di la delle incertezze che ha mostrato in qualche occasione, ha spesso pagato più del dovuto, gli errori commessi. Ma non possiamo prendere la “sfortuna” come alibi: il fatto è che i giallorossi sono tornati in Promozione dopo tante stagioni passate nel campionato di Prima Categoria, dove la vita, è molto diversa. Diciannove punti in tredici gare, sono più che soddisfacenti per una squadra che ha trascorso sette anni nella categoria “sotto” la Promozione: e come ha detto, nell’ultimo numero di Sammaurese Sport, il general manager Giordano Paesini, anche lo scorso campionato la Sammaurese in questo periodo non era al massimo della condizione. Distava otto punti dalla prima della classe (Juvenes Dogana) e come si è concluso il campionato, lo sappiamo tutti: vittoria! Dopo la battuta d’arresto contro il Baracca Lugo, i sammauresi, avrebbero dovuto affrontare un altro test, che avrebbe messo a dura prova le coronarie dei tifosi, e non solo, della Sammaurese. Si andava in casa del Tropical Coriano e l’aria che si respirava dentro lo spogliatoio giallorosso era tesissima: un altro stop, avrebbe potuto seriamente mettere in cattive condizioni – di morale in primis e di classifica in secundis – tutto lo spogliatoio. Ma come diceva un grande del rock degli anni ‘60, James Douglas Morrison, “non è forte colui che non cade mai, ma è forte colui che cade e che ha la forza di rialzarsi” i giocatori giallorossi si sono rialzati, mostrando a tutti che la forza di questo gruppo sta nella determinazione e nella cattiveria: quella agonistica ovviamente.  Non era affatto facile tornare, dalla trasferta di Coriano, in via Monti con i tre  punti. Il Tropical è una squadra di tutto rispetto e vincere sul loro terreno non sarà facile per nessuno. La Sammaurese c’è riuscita! Adesso tutti ci auguriamo che la  squadra abbia ritrovato quella convinzione dei propri mezzi, che aveva contrassegnato il cammino esaltante di inizio stagione. Bisogna anche incrociare le dite e augurarsi che il “meteo” porti buoni segnali di non-pioggia da qui a Natale. Per il gioco che esprimono i ragazzi di Sarpieri, è fondamentale, che i campi non siano pesanti: che sia chiaro, non vogliamo proclamare “vittimismo” perché anche le “altre” del torneo si trovano a disputare i propri match su terreni difficoltosi. Ma se le altre formazioni faticano, i giallorossi, faticano il doppio, proprio in virtù della filosofia che adotta il trainer sammaurese: “palla a terra e farla girare”. Questa domenica al Macrelli verrà a far visita la Sampierana: una formazione ostinata e navigata di questa categoria. Di fronte si troveranno il peggior attacco del campionato – la Sampierana ha solo otto centri registrati nella classifica dei goal, assieme al Coriano – contro la seconda peggior difesa del torneo: la Sammaurese, infatti, è purtroppo protagonista in passivo della peggiore difesa con 21 reti incassate. Sopra la Sammaurese, con 24 goal subiti, c’è la Juvenes. Fa però pensare in positivo, la classifica delle marcature a favore: gli attaccanti di Sarpieri comandano la graduatoria dei capo-cannonieri del torneo, e la Sammaurese, ha collezionato complessivamente 25 goal, confermandosi miglior attacco di tutto il girone. Fischio d’inizio, ore 14,30.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna