Logo new 02

SAN MAURO PASCOLI - Riceviamo e pubblichiamo la seguente precisazione di Simonetta Villa e Stefano Castellana del Comitato Genitori, in merito all'utilizzo della sigla "Comitato genitori". 

«Comunico a tutti i lettori del sito che la denominazione Comitato Genitori, ultimamente tanto inflazionata, è riferita al Comitato Genitori Scuole Medie di San Mauro Pascoli. Altri Comitati Genitori, che hanno scritto su questo o creato blog su questo sito, sono organismi nati in questi ultimi due anni e si riferiscono ad altri gruppi, che non hanno nulla in comune con il nostro Comitato, almeno per il momento, anche se rispetto le iniziative da loro proposte.

 

Il C.G. di San Mauro Pascoli è stato istituito circa vent'anni fa, con l'intento di promuovere una collaborazione con l'istituzione scolastica, è infatti formato dai rappresentati di classe che sono un organismo della scuola, ma ciò non toglie che anche altri genitori possano farne parte. Come abbiamo detto lo scopo del C.G. è quello di promuovere, attraverso iniziative di vario genere, la collaborazione tra scuola e famiglia. Abbiamo la pretesa di credere che ogni studente possa vivere la scuola come ambiente educativo e di apprendimento, nel quale maturare la sua formazione di cittadino e personale, educandosi alla convivenza democratica dell'accettazione attraverso il dialogo ed il rispetto comune.

Il C.G. come tutti i comitati ha uno statuto redatto al momento della sua costituzione; non è un'associazione legalmente riconosciuta al momento, ma è, di fatto, un comitato di volontariato, cioè, le persone che ne fanno parte, dedicano tempo alla progettazione, realizzazione e organizzazione degli eventi che si propongono all'inizio di ogni anno scolastico, in modo totalmente gratuito animati unicamente dal desiderio di poter contribuire attivamente alla crescita educativa dei propri figli, in totale collaborazione con l'istituzione scuola, dalla quale pervengono indicazioni e proposte.

Il C.G. ha un suo direttivo composto di 4 figure principali che sono: il presidente il vice presidente, segretario e tesoriere e volendo anche dalla giunta esecutiva, se all'inizio dell'anno si è costituita.

Il C.G. si riunisce periodicamente ogni qual volta si deve decidere sulla progettazione in essere nell'anno scolastico in corso. A tali riunioni possono partecipare tutti i genitori che desiderano essere a conoscenza del lavoro proposto, in quanto, le assemblee sono pubblicizzate attraverso l'esposizione dell'ordine del giorno in bacheca a scuola. e distribuite direttamente agli studenti.  Possono essere invitati a tale riunione anche esponenti delle Direzioni Didattiche e delle Amministrazioni Comunali.

L'attività principale che il C.G. promuove è senza dubbio quella di integrazione fra famiglia e il mondo della scuola. Spesso non si capisce il funzionamento degli organi scolastici appunto perché non si ha la volontà di avvicinarsi a questa istituzione. Capendone meglio il suo funzionamento si possono evitare errori di giudizio dovuti alla mancanza di informazioni, e invece promuovere una collaborazione positiva che porta alla crescita di tutti i soggetti coinvolti. Collaborare non vuol dire sostituire o prevaricare le istituzioni, solo lavorando fianco a fianco e rispettando i singoli ruoli si possono soddisfare gli obiettivi comuni.

Durante questi anni il C.G. ha effettuato diversi interventi, dai più svariati, come ad esempio l'acquisto di attrezzature che hanno facilitato lo svolgimento di didattiche scolastiche: la cucina, il video proiettore nell'aula magna e così via, attività più ludiche come l'organizzazione di tombole durante il periodo natalizio o di feste a tema come carnevale e Halloween fino ad arrivare ai giorni nostri con l'organizzazione del 3° concorso di poesia dedicato a Giovanni Pascoli, all'adozione a distanza di un bambino attraverso la collaborazione con Avsi, che dura da ormai 3 anni, all'organizzazione di serate a tema come il Bullismo o la navigazione sicura in Internet; la partecipazione alla fiera di San Crispino con un proprio stand, alla partecipazione alla giornata nazionale dell'Unicef, all'organizzazione di giornate sportive dedicate ai ragazzi, e serate danzanti organizzate in collaborazione con i ragazzi delle medie.

Questo è quello che il Comitato Genitori in questi anni ha realizzato. Due anni fa, quando a San Mauro è stato creato l'Istituto Comprensivo, si è tentato più volte di coinvolgere i genitori delle scuole elementari, proprio nella logica di essere un plesso unico, purtroppo con scarsi risultati. Crediamo fortemente nella creazione di un comitato unico in cui i genitori dei ragazzi che vivono il paese possano creare qualcosa che interessi i propri figli senza distinzione di scuole, ma con l'unico intento di promuovere iniziative importanti che servano da aggregazione tra la scuola e le famiglie.

Pertanto chiedo a tutti gli altri Comitati Genitori che hanno scritto su questo sito, di mettersi in contatto con noi per cercare di formare un unico organismo, piuttosto che frammentare le forze in più gruppi.

Ringraziamo tutti i lettori e il sito www.sanmauropascolinews.it per averci permesso di fare questa precisazione, a nostro avviso doverosa, per non creare confusione nelle persone e dare una giusta connotazione ai vari organismi presenti sul territorio.

Porgiamo i nostri saluti, con la speranza di riuscire a creare un unico grande comitato dei genitori di San Mauro Pascoli.»

Simonetta Villa e Stefano Castellana.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna