Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

At fata zentaIl giòiva tot che a guidé la machina l’era un imbranaè,
mo fena a che peunt, niseun u l’avreb pansaè.
L’era s’la su machina in zoir par l’Itaglia sa d’j amoigh, 
l’avòiva pers la straèda e un sa racapzaèva piò gnenca sa tot i
su tentatoiv.
Ènzi, piò e zireva ‘d qua, piò l’andeva ‘d là,
e piò us insticaèva te’ buliròun dla zità.
    “Spite valà, ch’a dmand ma cl’òm dri e’ marciapì,
    la straèda giosta par ciapaè vì!”
E tnend e’ vulaènt s’una maèna, sla machina u s’j avsinet,
intaènt sa clèlta e tireva zò e vòidar de’ fìnistròin e pu ui dmandet:
    “Scusi saprebbe...!”
Mo un finet
‘d dmandèi l’infurmaziòun,
che st’òm e raviet a faè di rugiaz e smulaè dal gran imprecaziòun;
e deva di fat cazot tla carozerì,
ch’e paròiva ch’u j aves daè ‘d  mors la taraèntla ti pì.
Quèsta mo un s’la spitaèva e senza savòi ch’sèl pansaè,
us sluntanet un zantnèra
‘d metar da lè,
pu, dòp avòi arciapaè fié, e raviet a doi ma chi burdel:
    “Mo e sarà malducaè? Che sia quèst e’ modi? Fat imbezel!
    T’incheuntar dla fata zenta a ziré l’Itaglia... ! Vut ch’u sepa da faè sti scat?
    Mo, a ne sò, mè a degh ch’l’è un pori mat!”
E us ziret par daèi un’uceda pròima ‘d ciapaè vì,
e u l’avdet puzaè m’un paèl dla leusa che sal maèni us tnòiva un pì;
pr’andaèi a lè drì e guidé s’una maèna sa tròpa dinsinvulteura,
s’la roda u j era mòunt s’un pì e che sgrazié e rugiòiva da e’ maèl e da la paveura.



Lontano  da  quell’auto
Lo dicevano tutti che a guidare l’auto era un imbranato, \ ma sino a quel punto nessuno lo avrebbe pensato. \ Era con la sua auto in giro per l’Italia con degli amici,\ aveva perso la strada e non si raccapezzava più malgrado tutti i suoi uffici, \ anzi, più girava di qua, più andava di là, \ e più si inoltrava nella confusione della città. \ “Aspettate valà, che chiedo a quell’uomo vicino al marciapiede \ la strada giusta per poter andare via e vediamo che succede!” \ E tenendo il volante con una mano, con l’auto gli si avvicinò, \ intanto con l’altra tirava giù il vetro del finestrino e poi gli domandò: \“Scusi, saprebbe. .. !” \ Ma non finì di chiedergli le informazioni, \ che quest’uomo iniziò a fare degli urlacci e a mollare delle grandi imprecazioni; \ dava dei gran pugni nella carrozzeria  \ che sembrava lo avesse morso la tarantola nei piedi lungo la via.\ Questa proprio non se l’aspettava e senza sapere cosa pensare, \ si allontanò un centinaio di metri da quel luogo da evitare, \ poi, dopo aver ripreso fiato, iniziò a dire a quella gente: \ “Ma sarà maleducato? Che sia questo il modo? Che razza di imbecille demente! \ Incontri certi individui a girare l’Italia...! Vuoi che si debba fare un simile scatto?  \ Ma, io non lo so, per me è un povero matto!” \ E si girò per dargli un’occhiata prima di andare via da quell'individuo strano \ e lo vide appoggiato ad un palo della luce che si reggeva un piede con la mano; \ per andargli vicino e guidare con troppa disinvoltura, \ con la ruota gli era salito su un piede e quel disgraziato urlava dal male e dalla paura.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna