• Ultimo Aggiornamento: Martedì 29 Settembre 2020 - 15:19:16
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Molto nuvoloso

19.44°C

Molto nuvoloso
Umidità: 60%
Vento: E a 3.11 K/H
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
10.56°C / 21.11°C
Giovedì
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 21.67°C
Venerdì
Molto nuvoloso
13.89°C / 22.78°C
I  cumunesta (4)

At fata zentaSeraèda tla seziòun par preparaè la fèsta dl’Unità.
    “Compagni, st’an avlem faè una fèsta si screch, e sarà l’an dla svolta,
    basta se’ bifolch a la Casadei, a la fem si zugh d’una volta,
    a v’arcurdé de’ baganin d’engia, de’ col dl’oca, dla cucagna?
    Toti ròbi ch’an s’fa piò e i zovan in li cnòs a gnenca, lòu i pensa snò ma la patagna!
    S’agl’j arpurtem darnov ‘d moda a spendem poch
    e a fem un’ uperaziòun sburòuna ‘d gran valòur, o presapoch.
    Tot d’acord dòunca? Oh bene, alòura as dem d’j incarich da faè
    e tra un mòis a s’incuntrem darnov  pr’ avdòi sèl ch’avem truvaè.”
Un mòis dòp.
    “Alòura, fema i cheunt dla nòsta zòirca di zugh ch’avimi det ch’i s’era smes:
    tè, compagno Ocimin, ta t’avivi da interesaè dla cucagna, cma sit mes?
    “Ah, l’an s’pò faè!”
    “Oh bèla, e parchè?”
    “Un s’ trova e’ paèl!”
    “Mo ddoi da bon? Ut paèr nurmaèl?
    E pr’e’ zugh de’ baganin?
    Par quèst un gn’avreb da ès tent scursin!”
    “Ah, u n s’pò faè!”
    “Òs-cia, gnenca quèst, u s’ pò savòi e’ parchè?”
    “Un s’ trova i madeun,
    ò zarcaè, mo un gn’à niseun!”
    “Ò capoi, ò capoi, se al ròbi al sta acsè…fem pansaè… urca, urca…!
    Mo sé, quatar ciucer i s’ truvarà e alòura ènca par st’an: valzer e mazurca!”

 
I  comunisti (4)
Serata nella sezione per preparare la festa de l’Unità . \ “Compagni, quest’anno vogliamo fare una festa coi fiocchi, sarà l’anno della svolta, \ basta col finto folk alla Casadei, la facciamo coi giochi di una volta, \ vi ricordate del maialino d’India, del collo dell’oca, della cuccagna? \ Tutti giochi che non si fanno più e i giovani non li conoscono, loro pensano solo alla fregna! \ Se le riportiamo nuovamente di moda spendiamo poco \ facciamo un’operazione importante, di grande valore o pressapoco. \ Tutti d’accordo dunque? Oh bene, allora ci diamo gli incarichi da fare \ e tra un mese ci ritroviamo per verificare” \ Un mese dopo. \“Allora, facciamo i conti della nostra ricerca dei giochi che di farli si era smesso: \ tu, compagno Ho Chi Minh, ti dovevi interessare della cuccagna, come sei messo?” \“Ah, non si può fare!” \ “Oh bella, e perché?” \ “Non si trova il palo!” \“Ma dici sul serio? Non ti pare anomalo? \ E per il gioco del maialino ? \ Per questo non ci dovrebbe essere alcun problemino!” \“Ah, non si può fare!” \“Ostia, neanche questo, del perché ci puoi informare?” \“Non si trovano i mattoni, \ ho cercato ma non ci sono soluzioni!” \“Ho capito, ho capito, se le cose stanno così…fatemi pensare…urca, urca…! \ Ma sì, quattro zampognari si troveranno e allora anche per quest’anno: valzer e mazurca!”

 

I  cumunesta (5)

Fèsta dl’Unità d’j an saènta te’ zardòin di drì de’ cumeun,
a cantaè u j era Nicla di Bruno e s’la era ènca braèva in s’l’arcorda piò niseun,
l’era però un gran bèla pivinèta.
Intaènt ch’la saluteva la zenta  pena finoi la su canzunèta,
da sòta una pienta, duò ch’u s’era instèch un mucèt ‘d ragaz,
u s’alzet èlt e fort un gran rugiaz:
“SGADAURAAA…!!!”
    “Chiedo scusa, io sono napoletana,
    ditemelo in lingua italiana!
    “…MOTOFALCIATRICEEE…!!!”

 
I  comunisti (5)
Festa dell’Unità degli anni sessanta nel giardino dietro il comune, \ a cantare c’era Nicla di Bruno e se era anche brava non lo ricorda più nessuno, \ era però una gran bella giovinetta. \ Intanto che salutava la gente appena finito la canzonetta, \ da sotto un albero, dove si era infilato un mucchietto di ragazzi, \ si alzò alto e forte un urlaccio: \“SCOPATRICEEE…!!!” \“Chiedo scusa, io sono napoletana, \ ditemelo in lingua italiana! \“… MOTOFALCIATRICEEE…!!!”



I cumunesta (6)
L’era eun ‘d chi cumunesta ‘d pèla bona, ch’in feva mai quis-ciòun,
parchè s’u l’avòiva det e’ partoi l’era vèra e un gn’era discusiòun, 
e u j arvanzet maèl ‘d che po’ quant che e’ su fiulaz
e dvantet un magnaòs-ci pr’andaè dri ma che pritaz,
mo la ròba che propi un gn’a la faset a faèi e’ cal
e fot quand ch’e tulet la tèsera di cul zal.
E quant che i su cumpagn i j andeva a dmandaèi s’l’era vèra sta ròba,
us mitòiva a tèsta in zò e e feva una gran gòba.
Ch’la fos griva da mandaè zò, ben u s’avdòiva,
e difati s’una brota zurma l’arspundòiva.
E giòiva mitendsi una maèna sla bartavèla di calzeun:
    “Bèmo, a sì pu grend, a ne savoi che i fiul is fa si quaieun?”


I comunisti (6)

Era uno di quei comunisti di pelle buona, che non facevano mai questione, perchè se l’aveva detto il partito era vero e non c’era discussione, e ci rimase male assai quando il suo figliolaccio \  divenne un mangiaostie per andare dietro a quel pretaccio, \ ma la cosa a cui non riuscì a farci i calli, \ fu quando prese la tessera dei culi gialli. \ E quando i suoi compagni gli andavano a chiedere se era vera questa roba, \ si metteva a testa in giù e faceva una gran gobba. \ Che fosse dura da digerire, ben si vedeva, \ ed infatti con un brutto cipiglio rispondeva. \ Diceva mettendosi una mano sulla patta dei pantaloni: \“Insomma, siete poi grandi, non lo sapete che i figli si fanno coi coglioni?”
Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna