Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

At fata zentaAldo, e fiol 'd Burlaèn

E' su fiol, l'era bon cmè un pèz 'd paèn
mo, e' puròin, u n'era naseu se' zarvaèl tot saèn.
D'instaèda a maròina il cnusòiva tot,
u s'infileva dri ma la zenta e ta te truvivi d'impartot.
I zuvnot quant ch'j andeva a fis-ci tl'Arlecchino, che par quèst l'era un bèl pusticin,
i se truvaèva sempra tra i pì parchè e vlòiva ch'u si paghes un cugnachin.
    - Paègh un cognac? Paègh un cognac? E dmandaèva ma quei ch'i capitaèva a là
e u t steva s'la tèsta spandleun e una faza da caèn bastunaè ch'l'era fadoiga dì 'd na.
E pu, te' voja tè, l'era una fata mignata e un stufeva mai 'd dmandaè
e l'andeva guasi sempra a finoi che par tosal dai pì l'era mèi a pagaè.
Però la brèta la dvantaèva longa e quaicadeun e cminzeva a sufié
e acsè una sòira i get me' baresta: “Fai un bivròun da lasel senza fié!”
E quèst e mis-cet i liquori sla piò èlta gradaziòun
e quant che tot e fot pròunt e slunghet e' biciaròin ma che por quaiòun.
Leu, cuntent cmè una pasqua, u l'ingranfet sla baèva ma la bòca da la cuntantèza
e tot d'un fiè e a occ ceus u l'ingulet s'una gran svaltèza,
mo quan ch'e stachet e' biciaròin un feva che bacajé s'un foil 'd vòusa struzaèda:
“Os-cia at cognac...òs-cia at cognac...” E s'una maèna e us feva vent ma la gòula infiambaèda.

Aldo, suo figlio
Suo figlio era buono come un pezzo di pane \ ma, il poverino, era nato con le cellule del cervello non tanto sane. \ D'estate al mare lo conoscevano tutti, \ si attaccava alla gente e te lo ritrovavi dappertutto. \ I giovanotti quando andavano a donne all'Arlecchino, che per questo era un bel posticino, \ se lo trovavano sempre tra i piedi perché voleva che gli si pagasse un cognacchino. \
- Paga un cognac? Paga un cognac? Chiedeva a quelli che capitavano là \ e ti guardava con la testa penzoloni su una spalla e una faccia da cane bastonato che era difficile dire di no. \ E poi, avevi voglia tu, era una sanguisuga che non si stancava mai di implorare \ e andava quasi sempre a finire che per levarselo di torno era meglio pagare. \ Però la storia diventava lunga e  qualcuno a sbuffare aveva cominciato \ e così una sera dissero al barista:- Fai un beverone da lasciarlo senza fiato! \ E questi mischiò i liquori con la più alta gradazione \ e quando tutto fu pronto allungò il bicchierino a quel povero credulone. \ Lui contento come una pasqua, lo afferrò con la bava alla bocca dalla contentezza \ e tutto d'un fiato e a occhi chiusi lo ingoiò con grande sveltezza, \ ma quando staccò il bicchierino non faceva che blaterare con un filo di voce strozzata: \ - Ostia che cognac...ostia che cognac...! E con una mano si faceva vento alla gola infiammata.

 

Al dòni agl'j è catoivi e al mòina
Pòsta ch'un gn'avnes di pansir sbajì ch'il fases imbarbajé ,
e' su ba u j avòiva mes tla tèsta che al dòni l'era ròbi da scavidé,
parchè agl' j era sberi e catoivi e guai s'ta i divi confidenza
e alòura l'era mèi a laseli perd e faè senza.
Un dòpmezdè d'instaèda sla spiagia a s'era disdòi s'un muscòun,
u ma vnet a lè drì e us n'infet dla varghèta me' mi didòun.
    - Doi, doi, t ci spusaè? T ci spusaè?
    - Sè, e alòura?
    - Doi, doi, la è catoiva? La è catoiva?
    - Òs-cia s'la è catoiva!
    - La mòina, la mòina?
    - E fort ènca, ti fjinch e tla scòina!
Us mitet a roid e a scrulé la tèsta cmè se vles doi:- La t sta ben, mè al savòiva!
E da alòura tot al volti ch'a s'incuntrimi,
u m'avnòiva incòuntra e sempra cla ròba as gimi:
    - Doi, doi, la mòina? La mòina?
    - Sè, sè, cmè sempra!
    - Ti fjinch e tla scòina?

Le donne sono cattive e menano
Per evitare che gli venissero pensieri impossibili che lo facessero sragionare, \ suo babbo gli aveva messo in testa che le donne erano cose da evitare, \ perché erano impertinenti e cattive e guai a dar loro confidenza \ e allora era meglio lasciarle perdere e fare senza. \ Un pomeriggio d'estate sulla spiaggia ero seduto su un “moscone”, \ mi venne accanto e si accorse della fede al mio ditone. \ - Dì, dì, sei sposato? Sei sposato? \ - Sì, e allora? \ - Dì, dì, è cattiva? È cattiva? \ - Ostia se è cattiva! \ - Mena? Mena? \ - E forte anche, nei fianchi e nella schiena! \ Si mise a ridere e a scuotere la testa come se volesse dire:- Ti sta bene, io lo sapevo! \ E da allora tutte le volte che ci incontravamo, \ mi veniva  incontro e sempre quella cosa ci dicevamo: \ - Dì, dì, mena? Mena? \- Sì, sì, come sempre! \ - Nei fianchi e nella schiena?

 

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna