Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List
At fata zentaLa s’mitet al scaèrpi da la peunta cla sòira la mòi,
la puntet
i pì che cmè ch’e steva al ròbi l’era òura ‘d faèili vdòi.
-     Am sò stofa ch’a n’un pòs piò ‘d sta voita
      e l’è òura ‘d daèi un
tai e ‘d faèla finoida.
      Tè tot al sòiri te’ bar a bòi, a ciacaraè, a faè e’ marafòun,
      e mè sempra ma caèsa si burdel a
guardaè la televisiòun.
      Quèsta l’è una fola ch’l’an pò
duré
      e bsògna faè sobit qualcosa par rimidié.
-     Va ben, va ben, t vu scapaè tè?
      Va, va che ma caèsa a
i stagh mè !
A ne sò s’ul get acsè par doi,
mo li la n’aspitet ch’u
i firmes e’ foi.
La s’infilet al pantòfli s’una pressia putaèna,
la s’butet sal pali la su siala ‘d laèna,
e via strabighendsi dri la su gamba zòpa s’un po’ ‘d fadoiga,


e leu, zet a guardaè, senza faè una poiga.
E senza gnenca dì quèl, la arvet la porta
pròunta e decioisa a tantaè la sorta.
Mo u j arivet da sèch tla faza un sbòch ‘d carnasòin
ch’u
i tulet e’ fié e prinfena e’ curagg ‘d faè e’ pròim scalòin;
matèra u j era zà un znòcc ‘d nòiva
e e bufeva s’un fundamòint ch’e at piò un s’putòiva.
Alòura un po’ aviloida la vultet e’ cheul
e zeta, zeta, la tachet la siala me’ meur.
-     Bè, alòura
t’an scap?
-     S’un temp acsè, t ci mat?
-     T’é capoi adès ‘d fat sacrifoizi che mu mè  
      tot al sòiri um tòca faè?
E infìlendsi capèl e capòt
e ciapet la cheursa vers e’ bar e us la cuiet in quatar e quatròt.




 I  sacrifici  di  un  uomo
 Si mise le  scarpe dalla punta quella sera la moglie, \ puntò i piedi che era ora di fargli vedere come stavano

   le storie. \ - Mi sono stancata che non ne posso più di questa vita \ ed è ora di darci un taglio e di farla finita \   

   Tu, tutte le sere al bar a bere, a chiacchierare, a giocare a marafone, \ e io sempre a casa coi bambini a

   guardare la televisione. \ Questa è una storia che non può durare \ e bisogna fare qualcosa  subito per

   rimediare. \ - Va bene, va bene, vuoi uscire tu? \ Va, va che a casa ci sto io e non pensarci più! \ Non lo so se

   lo dicesse cosi per dire, \ ma lei non aspettò che firmasse il foglio per partire. \ Si infilò le pantofole con una

    fretta puttana, \ si buttò sulle spalle la sua sciarpa di lana, \ e via tirandosi dietro la sua gamba zoppa con un

   po’ di affaticamento, \ e lui, zitto a guardare, senza far alcun movimento. \ Esenza neanche dire una parola

   aprì la porta \ pronta e decisa a tentare la sorte. \ Ma le arrivò improvvisamente in faccia un ventata di

  “carnasino” \ che le tolse il fiato e persino il coraggio di fare il primo gradino, \ per terra c’era già un

   ginocchio di neve \ e scendeva con grande intensità silenziosa e lieve . \ Allora un po’ avvilita girò il culo \

   e zitta, zitta, attaccò la  sciarpa al muro. \ - Bèh,allora non vai? \ - Con un tempo così,  mai! \ - Hai capito

   adesso quanti sacrifici e quanto  penare \ tutte le sere mi tocca  sopportare? \ E infilandosi cappello e

   cappotto \ prese la corsa verso il bar e sparì in quattro e quattrotto.


 
Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna