Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Molto nuvoloso

22.22°C

Molto nuvoloso
Umidità: 65%
Vento: S a 2.49 K/H
Giovedì
Temporali sparsi
16.11°C / 26.11°C
Venerdì
Temporali sparsi
16.11°C / 25.56°C
Sabato
Parzialmente nuvoloso
12.22°C / 18.89°C
At fata zenta-   Burdel, l'è da un po' ch'a j ò qualch dulòur,
     a sò scap adès da e’ dutuòr,
     ai s'era 'ndaè par faèi avdòi agl’j analisi ch’ò fat l’altr’ir,
     e leu u m’à det che par staè ben ò da magné in biench e lizir.
     Sè, a j ò det mè un po' croz,
     a magnarò e’ ploz!

Paolino
- Ragazzi, è da un po' che ho qualche dolore,  \ sono uscito adesso dal dottore, \ c’ero andato per fargli vedere le analisi che ho fatto l’altro ieri, \ e lui mi ha detto che per stare bene devo mangiare cibi in bianco e leggeri; \ sì, gli ho detto io, con voce insoddisfatta, \ mangerò l'ovatta!



Gurlin, e'  ba  ‘d  Palin 
U n’era staè un bon an quèl int cla fameia,
j avòiva veu ‘na foila ‘d sgraèzji da faè maraveia,
e cmè s’an fos ancòura sa,
e’ ba e raviet a perd la tèsta e al su capacità.
Il cnòiva badaè dè e nòta, te’ scheur e te’ leun,
parchè u s’era ardot ch’u n’arcnusòiva piò niseun.
Me’ su fiol ui deva de’ vò e quant ch’i ravieva a ciacaraè
ul tulòiva sempra a cambi pr’un su cumpagn ‘d quant ch’l’era suldaè.
Ad ògni pasaèda ‘d paèpa l’avòiva di sprai ‘d lucidità,
mo i calaèva sempra ‘d piò e ormai j era dvent dal rarità.
Di suld ui n’un  vlòiva ‘na baèrca e i n’era mai sa,
e alòura e’ fiol e faset la dmanda par avòi l'acumpagnamòint par l’invalidità.
E’ dè ch’il purtet a Cesòina par faèl avdòi ma la cumisiòun,
ui faset s-ciupaè, un steva zet un mineud e l’avòiva la tèsta pina ‘d cunfusiòun.
Pròima d’antraè u j era da spitaè un mumòint,
e leu un steva ferum un sgònd ch’e paròiva che madòs l’aves e’ turmòint.
-   Oh, pu ben! I get tot quant ch’il ciamet tl’ambulatori,
e il faset met disdòi par ravié l’interogatori.
U j avnoiva guasi da roid me’ fiol a pansaé ma sèl ch’u j avreb arspòst,
figuresmi, l’era mois e mois ch’u n’avòiva e’ zarvèl a pòst.
-    Ritiene dunque, caro signore, che la sua invalidità sia totale
     e che non le consenta di poter più vivere una vita normale?
-   Invalid mè? Av met in foila ma tot troi ma vuilt,
    e pu a fem ‘na cheursa, mè s’una gamba snò e avdirem sa soi piò svilt!
I i faset ènca dagl’j elt dmandi pr’avdòi su j era tot,
cio, l’arspundòiva s’una precisiòun ch’u s’avdòiva ch’u j avòiva ciapaè gost.
-   Vada pure, vada pure, quest’uomo è nel pieno delle sue capacità
    e non ha alcun diritto all'assegno di accompagnamento per l’invalidità!
Ui salutet se’ bondè e ui det ènca la maéna,
pu u s’aviet vers la porta dret e fraènch cmè ‘na persòuna saèna.
Quant ch’l’arivet ma l’eutum scalòin Palin ul cnet ciapaè pr’un braz,
parchè l’avòiva ravié a dvanaè ch’e paròiva un straz.
Us ziret alòura me’ fiol e :- Gioi cl’òm, vò a sivi in Africa pròima ch’i bumbardes?
Si guzlot ma j occ, par tota rispòsta, Palin e zanzighet tra i dint:- Mo ch’u t’avnes... !




Il  babbo  di  Paolino
Non era stato un buon anno quello in quella famiglia, \ avevano avuto una fila di disgrazie da fare meraviglia, \ e, come se non fossero ancora nella giusta quantità, \ il babbo cominciò a perdere la testa e le sue capacità. \ Lo dovevano assistere giorno e notte, al buio e al lume, \ perché si era ridotto che non riconosceva più nessuno. \ Al figlio  dava del voi e quando incominciavano a chiacchierare \ lo prendeva sempre a cambio per un suo compagno di quando era militare. \ Ad ogni passata di papa aveva dei lampi di lucidità, \ ma calavano sempre e oramai erano diventati delle rarità. \ Dei soldi ce ne volevano una barca e non erano mai sufficienti vista la gravità, \ e allora il figlio fece la domanda per avere l'accompagnamento per l’invalidità. \ Il giorno che lo portarono a Cesena per farlo vedere alla commissione, \ li fece scoppiare, non stava zitto un minuto e aveva la testa piena di confusione. \ Prima d’entrare c’era da aspettare un momento \ e lui non stava fermo un secondo che sembrava avesse addosso il tormento. \ - O che bello! Dissero tutti quando lo chiamarono nell’ambulatorio, \ e lo fecero mettere seduto per iniziare l’interrogatorio, \ veniva quasi da ridere al figlio a pensare a cosa gli avrebbe risposto, \ figuriamoci, erano mesi e mesi che non aveva il cervello a posto. \ - Ritiene dunque, caro signore, che la sua invalidità sia totale \ e che non le consenta di poter più vivere una vita normale? \ - Invalido io? Vi metto in fila tutti e tre voialtri \ e poi facciamo una corsa, io con una gamba sola e vedremo chi è più svelto di noialtri! \ Gli fecero anche delle altre domande per vedere se aveva la testa a posto,\ ohi, rispondeva con una precisione che si vedeva che ci aveva preso gusto. \ - Vada pure, vada pure, quest’uomo è nel pieno delle sue capacità \ e non ha alcun diritto all'assegno di accompagnamento per l’invalidità! \ Li salutò col buongiorno e diede loro anche la mano, \ poi si avviò verso la porta dritto e sicuro come un uomo sano. \ Quando arrivarono all’ultimo scalino Paolo lo dovette prendere per un braccio, \ perché aveva cominciato a dondolarsi che sembrava uno straccio. \ Si girò allora verso il figlio e :-Dite quell’uomo, voi eravate in Africa prima che si bombardasse? \ Coi goccioloni agli occhi, per tutta risposta Paolo masticò trai denti :- Ma che ti venisse... !
Pin It

Commenti  

# RE: PalinBarbara Ceredi 2016-02-07 08:59
Grazie a tutti che ricordate sempre mio zio e mio nonno
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione | Segnala all'amministratore