• Ultimo Aggiornamento: Martedì 29 Settembre 2020 - 15:19:16
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

20.56°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 58%
Vento: E a 5.59 K/H
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
10.56°C / 21.11°C
Giovedì
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 21.67°C
Venerdì
Molto nuvoloso
13.89°C / 22.78°C

At fata zentaUj è dla zenta ch’inas sa di fat num madòs
ch’l’è cmè s’j aves e’ segn par faès cnòs.
Ò cnuseu ona ch’la s’ciamaèva AMORE Maria, par tot “la Marì”,
d’imstir la feva la putaèna e tot al sòiri la batòiva e’ marciapì.
Tisuldé sa mè u j era Aristide TREPPALLE, un milanòis,
el’avòiva un maròun snò parchè clèlt un gn’era s-ciòis.
Un umarein tot radanaè us ciamaèva EVACUO Felice, mo pensa tè,
l’avòiva invici dal muròi che pr’andaè de’ corp e cnòiva carpaè.
E cla bis-ciaza in televisiòun, s’un cheul cmè dò spòusi mesi insen?
La s’ciamaèva CHIAPPETTE Rosa, di tèse i su u n’era zenta pocasen!   
Mo na snò a là vajeun, ènca int sti paraz la fantasì la n’è mai mancaèda,
e i difet, i voizi o al virtò, al dvantaèva e’ soranum ch’u s’atacaèva ma la casaèda.
U j era una dòna ch’la era sempre gròsa, sì fiul e du-troi i j andet da maèl pr’i su guai,
e al savòi cmè ch’i ciamaèva e’ su maroid ‘d soranum? CEVAMAI!
Un ènt che cmè leu l’avòiva la mòi sempra incinta e un mocc ‘d fiol da tires drì,
guasi par insgnei cmè ch’l’avòiva da faè, i i avòiva mes sò TIRLINDRÌ!
GUERDINZIL l’era eun che pr’un difèt me’ còl e cnòiva staè ‘d spunteun a guardaès i pi,
e acsè su j era da faèi avdòi j aparecc te’ zil, il cnòiva stuglaè matèra o butel d’indrì.
U j era un ènt s’un brot difèt, che quant ch’e  dri caèsa su e pasaèva una dòna in biciclèta,
d’ògni taènt e da sèch us tireva zò calzeun e mudandi par faèi avdòi e’ birel e la malèta,
te’ prinzoipi sta ròba la faset un gran sgobi e al dòni al feva un sach ‘d cieul,
pu se’ temp i i faset e cal, mo int chi paraz tot il ciamaèva MOSTRACHEUL.
E ma tot chi ciavarlin ‘d umarein elt un metar e gnent e ch’i paròiva sempra di burdlin,
‘d soranum ui tucaèva CIAVÈTA,  SBURGIN, CARGHIN, SGHIN o SGADURIN.
Pansé che tla squaèdra de’ palòun ‘d Samaèvar, quant ch’a s’era poc piò d’un burdèl,
ui zugheva tri fradel dla fameja di mulner, is ciamaèva: COCCO, CHECA e CAGARÈL.
Quant ch’a s’era ragazèt um faset una zerta impresiòun
a santì doi che la fiola dla FIGHINA la spusaèva e’ fiol ‘d PICIRLÒUN. 
Mo la ròba più curiòusa efot quèla d’untaèl
ch’l’era zlòus maèrz de'su fradèl,
e u jera ciap una gran garnèla se’ suba
parchè, sgònd a leu,te’ faè al paèrti l’avòiva fat al parzialità.
Che por òm uli pruvet toti par faè la paèsa sa che fiulaz,
fena che da la boilia u j avnet fura un brot malaz.
E quandche la morta la i buseva mi batrel par purtèsal vi,
e mandeta ciamaè che fiol, ma leu gnent, l’era ancòura pin ‘d gelosì.
E dè ch’ilsplet u n’andet gnenca me’ cumpagnamòint, usdoi de’ distòin,
pansé che ‘d soranum ilciamèva BONAMNA, ch’l’era taènt bon da burdlitòin.

 

Nomi,  cognomi  e  soprannomi

C’è della gente che nasce con un tale nome addosso per crescere \ che è come un segno per farsi riconoscere. \ Ho conosciuto una che si chiamava AMORE Maria,  per tutti solo “la Maria”, \ di mestiere faceva la prostituta sul marciapiede di una via. \ Nei militari con me c’era Aristide TREPPALLE, un milanese \ e aveva un testicolo solo perché l’altro mai gli scese.\ Un ometto tutto elegante si chiamava EVACUO Felice, ma vai tu a pensare, \ aveva invece delle emorroidi che per andare di corpo doveva crepare. \ E quella bestiaccia in televisione, con un sedere come due spose messe insieme? \ Si chiamava CHIAPPETTE Rosa, di te se i suoi era gente di senno e per bene. \ Non solo in quei luoghi lontani, anche in questi paraggi la fantasia non è mai mancata, \ e i difetti, i vizi o le virtù, diventavano il soprannome che si dava alla casata. \ C’era una donna che era sempre incinta, sei figli e due o tre finirono male per suoi guai, \ e lo sapete come chiamavano di soprannome suo marito? SCOPAMAI. \ Un altro che come lui aveva la moglie sempre incinta e un mucchio di figli da tirarsi dietro, \ quasi per insegnarli come doveva fare, lo chiamavano TIRALOINDIETRO. \ GUARDAINCIELO era uno che per un difetto al collo era costretto a stare a testa in giù e guardarsi i piedi, \ e così se c’era da fargli vedere gli aerei nel cielo, bisognava stenderlo per terra o rovesciarlo all’indietro. \  Ce n’era un altro con un brutto difetto, che quando vicino a casa sua passava una donna in bicicletta \ ogni tanto  e improvvisamente si tirava giù pantaloni e mutande per far vedere l’uccello e la maletta, \ all’inizio questa cosa fece sgomento e le donne si lamentarono molto a muso duro, \  poi col tempo ci fecero l’abitudine ma in quei paraggi tutti lo chiamavano MOSTRACULO. \ E a tutti quei piccoli uomini alti un metro e niente e che sembravano sempre bambini, \ di soprannome toccava loro CIAVÈTA, SBURGIN, CARGHIN, SGHIN o SGADURIN. \ Pensate che nella squadra di calcio di San Mauro quand’ero poco più di un monello, \  ci giocavano tre fratelli della famiglia dei  mugnai, si chiamavano COCCO, CHECA e CAGARELLO. \ Quand’ero ragazzino mi fece una certa impressione \ sentir dire che la figlia della FICHINA sposava il figlio di PISTOLONE. \ Ma la cosa più singolare fu quella di un pazzerello \ che era geloso marcio di suo fratello, \ e gli era preso una gran stizza col suo papà \ perché, secondo lui, nel fare le parti, aveva fatto le parzialità. \ Quel pover’uomo le provò tutte per fare la pace con quel figliolaccio, \ fino a che dal cruccio gli venne fuori un brutto malaccio. \ E quando la morte gli bussava ai battenti per portarselo via, \  mandò a chiamare quel figlio, ma lui niente era ancora pieno di gelosia. \ II giorno che lo seppellirono non andò neanche al funerale, si dice del destino, \  pensate che di soprannome lo chiamavano BUONANIMA, perché era tanto buono da ragazzino.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna