Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List
Sammaurese a Parma- Ai sem? … Mo ta i sì ènca tè!… Ènca vuiiilt?… Òs-cia, a sem tot a què…!!!
- Sé, sé, òz us fa la storia, andem a zughè a Paèrma te’ Tardini, moiga zò da lè!
- Cio burdel, quant ch’i s’n’un darà? Sa gioiv, la va ben s’an ciapem troi?
- La pala la è tònda, e pu la nòsta squaèdra u n’è moiga una boza, valà ch’ai fem patoi!
Agl’j òt a partem e a n’arivem gnenca dri e’ Bosch che la curira l’an va piò,
a tachem ben, òs-cia at sfiga e pròima ch’l’arives cla nova dagl’j òuri u n’è pas dò.
- Ou burdel, un sarà che l’autesta l’è ‘d Savgnen? Andoili mo a dmandaè,
   e pu t’avdiré che s’u n’è staè leu a faè al stroighi ‘d sicheur un savgnanòis l’è staè.
La coipa l’è ‘d quei ch’j à fat e’ strisòun  duvò ch’u j è scret in ròs:
“Savignanesi, noi in diretta su Sky, voi su tele Rubicone”, adès avem la sfoiga madòs!
Sparpaji sòta un cavalcavì a parimi propi chi zengan cmè ch’i sa sempra det,
la pulizì invici la s’avrà scambié par di sgrazié ch’i scapaèva da la Siria o da l’Eget.
Acsè avem saltaè la butòiga de’ furmai, mo n’avem pers gnent, us po’ faè senza,
andem a magné e bòi, òrca a què a sem tla tèra de’ lambrosch che fa la diferenza.
- Bon èh ste vinèl? L’è d’un bèl nir, frizantin, frèsch, lizir e e sa ènca ‘d vòin,
   sa vut ‘d piò, via però, adès u s’è fat òura d’andaè vers e’ distòin!
Mo la madòsca, u j era una fata mocia ‘d zenta da vòi paveura,
vut che da bon i sia vnu què par la Samavrese? Ciofla s’la s’fa deura!
Tra i fumareun e i rogg di tifeus parmigien ch’i feva un gran buliròun,
l’è rivat in tribuna Gimmi e Stacchini, fura età, mo sempra e’ nòst campiòun.
- Dai, dai Gimmi, tè che t pu, met sòta Gino, ch’ai fem avdòi la nòsta pasta!
- Sè, sè, te’ sgònd temp però, un la ten tota, mo un temp ma leu ui basta!
- Mè al mitreb sobit in calzunzin a scaldaès, cmè ch’il vòid is spaventa.
- Òsta in calzunzin cheurt, t’am vu faè muroi da e’ frèd, tròpa stenta!
- Mo na, sòura i calzunzin t met e’ capòt, la serpa e la brèta, u sa da vdòi snò e’ pulpaz,
   ma lòu cmè ch’it vòid e i sa che t ci un naziunaèl dla Juventus, ui ciapa e’ scagaz.
E invici un gn’era bsògn d’invantaès dal sgaèdi, a simi dri ch’a vanzimi da sbureun,
i nost zugadeur j ariveva dimpartot e ma chilt u s’j era smort e’ leun.
A la fòin de’ pròim temp, ròbi da na cròid, a simi eun a zero par nòun, a vanzimi!
La zenta da là is dmandaèva coi ch’a simi, da duò ch’a vnimi e sèl ch’a fimi.
Insòma, la paròiva fata, du gòl a j avem fat mo i ne sté sa par vòinz la partoida,
i n’à fat deu ènca lòu: una sgraèzia de’ nòst purtir e una bòta ‘d cheul, quèsta l’è sfoiga!
Cio, e’ sgònd gòl i s’l’à fat ch’la era bèla finoida, a simi cunvòint ch’la era fata,
e invici u j è vnu fura un tiraz ch’i sa fat sech e la vitoria l’à sa fat tata.
Scampaè e’ peroiqual is feva i cunplimoint: a si brév, a si staè i mèi, a meritivi vuilt.
Patacca, bèla fadoiga a doili adès, us fa una brèta savòi ch’a sem mèi d’chilt!
L’è staè bèl però, tot a savimi che una ròba acsè l’an capitarà piò e as sem divartoi,
ènca se par nuvaènta e piò mineud cmè dal bes-ci te’ mazèl avem cnu patoi.
A j avem fat cnòs Samaèvar, al scaèrpi, Stacchini, Pascoli, tot al nòsti ròbi piò bèli,
l’è mancaè snò e’ toro Ceccone, valà che s’ai mustrimi i su giuiel, ai fimi vdòi al stèli.
E quant te’ temp ch’l’avnirà, us racuntarà  mi burdlaz, che int che dè in gn’era,
la fola ‘d cla volta ch’avem tneu pr’al pali quei ‘d Paèrma, us putrà doi: mè ai s’era!




Quella domenica a Parma con la Sammaurese

-Ci siamo?... Ma ci sei anche tu!...Anche voiii?... Ostia, siamo tutti qui…!!!  \ - Sì, sì, oggi si fa la storia, andiamo a giocare a Parma nel Tardini, mica giù di lì! \ - Ohi ragazzi, quante ce ne daranno? Cosa dite, ci va bene se ne prendiamo tre? \ - La palla è rotonda, e poi la nostra squadra non è mica una buccia, valà che li facciamo soffrire, altroché! \ Alle otto partiamo e non arriviamo neanche vicino a Gambettola che la corriera si rompe definitivamente, \ ostia, cominciamo bene, e prima che arrivi quella nuova trascorrono due ore lentamente. \ - Ohi ragazzi, non sarà che l’autista è di Savignano? Andate a chiedergli del suo casato, \ e poi vedrete che se non è stato lui a fare il malocchio, di sicuro un savignanese è stato. \ E la colpa è di coloro che hanno preparato lo striscione dove c’è scritto in rosso: \ “ Savignanesi, noi in diretta su Sky, voi su tele Rubicone”, adesso abbiamo la sfiga addosso. \ Sparpagliati sotto un cavalcavia sembravamo proprio zingari come ci hanno sempre descritto, \ la polizia invece ci avrà scambiati per dei profughi che scappavano dalla Siria o dall’Egitto. \ Così abbiamo saltato il caseificio, ma non abbiamo perso niente, si può fare senza, \ andiamo a mangiare e bere, orca qui siamo nella terra del Lambrusco, che fa la differenza. \ - Buono éh questo vinello? È di un bel nero, frizzantino, fresco, leggero e sa anche di vino, \ cosa vuoi di più, via però, adesso s’è fatta ora di andare verso il destino! \ Perbacco, c’era una enormità di gente d’aver paura, \ vuoi che sul serio siano venuti qui per la Sammaurese? Caspita se si fa dura! \ Tra i fumogeni e le grida dei tifosi parmensi che facevano una grande confusione, \ sono giunti in tribuna Gimmi e Stacchini, fuori età, ma sempre il nostro campione. \ - Dai, dai, Gimmi, tu che puoi, metti in campo Gino, che facciamo vedere loro la nostra pasta! \ - Sì, sì, nel secondo tempo però, non la regge tutta, ma un tempo a lui basta! \ - Io lo metterei subito in pantaloncini a scaldarsi, come lo vedono avranno un brutto presagio. \ - Osta in calzoncini corti, mi vuoi far morire di freddo, troppo disagio! \ - Ma no, sopra i calzoncini ti metti il cappotto, la sciarpa e la berretta, si deve vedere solo il polpaccio, \ loro come ti vedono e sanno che sei un nazionale della Juventus, rimangono di ghiaccio. \ E invece non c’era bisogno di inventarsi delle fregature, eravamo intenti a vincere da campioni, \ i nostri giocatori arrivavano ovunque e agli altri s’era spenta la luce e non trovavano soluzioni. \ Alla fine del primo tempo, cose da non credere, eravamo uno a zero per noi, vincevamo! \ La gente di là ci chiedevano chi eravamo, da dove venivamo e cosa facevamo. \ Insomma, sembrava fatta, due goal abbiamo fatto e non sono stati sufficienti per vincere la partita, \ ne hanno fatti due anche loro: una disgrazia del nostro portiere e una botta di culo, questa è sfiga infinita! \ Ohi, il secondo goal ce l’hanno fatto che era quasi conclusa, eravamo convinti che fosse terminata, \ e invece è venuto fuori un tiraccio che ci ha fatto secchi e la vittoria l’abbiamo salutata. \ Scampato il pericolo ci facevano i complimenti: siete bravi, meritavate voi, siete stati i migliori. \ Orca, bella fatica dirlo adesso, ci fa una bella sega sapere che siamo stati superiori. \ È stato bello però, tutti sapevamo che un evento così non capiterà più e ci siamo divertiti, \ anche se per novanta e più minuti come delle bestie nel macello di affanni ne abbiamo patiti, \ abbiamo fatto conoscere San Mauro, le scarpe, Stacchini, Pascoli, tutte le nostre cose più belle, \ è mancato solo il toro Ceccone, valà che se gli mostravamo i suoi gioielli, facevamo loro vedere le stelle. \ E quando nel tempo che verrà, ai giovani, che in quel giorno non c’erano, si racconterà per davvero \ la favola di quella volta che abbiamo tenuto per le palle quelli di Parma, si potrà dire: io c’ero!

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna