Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List
Mo la madòna quant ch’avem magné,At fata zenta
par tot che dè a n’avem fat che biasé,
e’ bèl l’è che niseun l’avòiva faèna, i giòiva,
parchè j era tot pin ‘d bacalà da la sòira pròima.
E invici magna j antipast, magna i caplet, magna l’alès, magna l’aròst,
sint e’ panetòun, sint e’ tiròun, bòi quèst e ènca quèl che pu t ci pòst,
insòma, a sem sté trè òuri disdòi ma la taèvla sa parint e amoigh
e quant ch’as sem tirat sò avimi dal paènzi cmè di butroigh.
Guasi ‘d rozal, cmè d’j imbroisal te’ pantaèn,
da la scarana a sem rivat a stuglaès s’un divaèn.

-   Mè stasòira an magn! E giòiva eun.
-   Nu me doi valà, um ven sò di fat sideun!
E acsè, s’la scheusa che par digeroi ui vlòiva un biciaròin,
d’ògna taènt as fimi un grapin cunpagné da un ciculatòin.
Un po’ dòp, invurnoi cmè dal topi, tèsta in zampanèla e un gran panzòun,
a surnicimi senza nisona vargògna davaènti ma la televisiòun.
E t’un sbres u s’è fat darnov òura ‘d scaldaè la gardèla se’ camòin.
-   Tot cla caèrna? Mo s’avoiv mazaè e’ bagòin?
J era tot pin da vuntaè ch’e paròiva ch’i n’un vles,
mo quant ch’a si sem mes dri as saresmi magné ènca che por crucifes.
Pu darnov se’ divaèn e, jost acsè par zughé al caèrti e staè svegg,
as sem mes a runghé amni e bagegg.
Am sò ‘ndaè lèt s’un mazapòis e un fat stungaz,
che ò sié par tot la nòta e e’ dè dòp a s’era un straz.




Il  mio  Natale

Accidenti quanto ne abbiamo ingoiato del mangiare, \ per tutta la giornata non abbiamo fatto altro che masticare, \ il bello è che nessuno aveva fame, dicevano ripetutamente, \ perché erano tutti pieni di baccalà dalla sera precedente. \ E invece mangia gli antipasti, mangia i cappelletti, mangia l’arrosto, \ assaggia il panettone, assaggia il torrone, bevi questo e poi anche quello che dopo sei a posto, \ insomma per tre ore siamo stati seduti a tavola con parenti e amici \ e quando ci siamo tirati su avevamo dei pancioni unici. \ quasi strisciando come i lombrichi nel pantano, \ dalla sedia siamo arrivati a sdraiarci sul divano. \ - Io stasera non mangio! Diceva uno. \ - Non me lo dire valà, mi vengono su dei gorgoglioni, stasera digiuno! \ E così con la scusa che per digerire ci voleva un bicchierino, \ ogni tanto ci facevamo un grappino e ingoiavamo un cioccolatino. \ Un po’ dopo, intontiti come talpe, testa in confusione e un gran pancione, \ russavamo  senza vergogna davanti alla televisione. \ E in un attimo s’è fatta di nuovo ora di scaldare la graticola sull’arola del camino. \ - Tutta quella carne? Ma avete ucciso il suino? \ Erano tutti pieni da tracimare che sembrava che nessuno ne mangiasse, \ ma quando ci siamo messi a tavola ci saremmo mangiati anche quel povero crocifisso. \ Poi ancora sul divano e, giusto per stare svegli e a carte giocare, \ sementine e arachidi ci siamo messi a piluccare. \ Sono andato a letto con una tale acidità e uno stomacaccio, \ che ho gironzolato per tutta la notte tanto che il giorno dopo ero uno straccio.



Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna