• Ultimo Aggiornamento: Lunedì 28 Settembre 2020 - 08:00:00
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

13.33°C

Nuvoloso
Umidità: 66%
Vento: SW a 3.11 K/H
Lunedì
Acquazzoni
11.11°C / 20°C
Martedì
Per lo più soleggiato
10.56°C / 20.56°C
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 21.11°C

L’era e dè ‘d nadaèl, i caplet  j era zà cot
e l’azdòura la era drì ch’la feva i piat ma tot.
I  j avòiva fat at caèsa la vzoilia, propi la sòira pròima,
e j avòiva cot te’ brod se’ capòun e la galòina.
I n’avdòiva l’òura d’inguzaès, e paròiva una stmaèna ch’in magneva,
cio,
l'era i caplet, e dio graèzia se una volta l’ani feva.
E steva par cminzé la fèsta che e’ vècc, che fena alòura l’era staè zet,
puntend
e’ zendar s’una brota zurma e get a cul dret:
-   U j è eun int sta caèsa che òz u n’avreb e’ diret ‘d magné i caplet!
-   Sa vut doi? Spiegti mèi ch’la m’un pis moiga sta brèta de’ diret.
-   L’è un bèl pèz che tè t’an pient,
    e chi ch’un pienta un’à da magné gnent,
    am sò bèla gòunfi e am sò stof da che dè
    ad daè da magné m’un pèz ‘d caèrna vagabònda cmè tè!
-   Putaèna at cla putaèna, vagabònd mu mèèè?
    Quèsta mo l’an vlòiva l’ès deta da eun cmè tè!
-   Mèèè...??? Tèèè... t’ci d’un vagabònd ch’ut crès e’ pòil tal maèni,
    t magn tot i dè e t’an purt a caèsa un sold ch’l’è stmaèni e stmaèni... !
-   O bòia ‘d qua, bòia ‘d là, pòrco quèst e pòrco quèl,
    valà che s’an magn mè, an magné gnenca vuilt, bòia at che bòia at che taèl... !
E tra una biastòima e un impruperi e ciapet un cantòun dla tvaia
e det un tiròun ch’e butet inquèl matèra: piat, supira e caplet s’la su brudaia.
Alòura e’ vècc us ziret vers la stova duò ch’l’era vaènz la pgnata sa du caplet
e gend ènca leu dal madòni da tiré zò j anzal da e’ paradois si cavel dret,
pr’imbucòunt e butet ènca quei da la finèstra,
e acsè e fot snò al galòini a faè fèsta sa cla bona minèstra.
-   Alè, adès a sem sicheur ch’u n’i magna niseun...!
I steva tot zet, mo u j era quaicadeun che da j occ u j avòiva  zò i guzleun.
Al dò de’ dòpmezdè de’ dè ‘d nadaèl i buseva ma la porta dla butòiga de’ quartir
par faès dè un chel ‘d macareun e un panèt ‘d butir.

"Natale in casa Bellavista dell'Alberazzo

Era il giorno di natale, i cappelletti erano già cotti \ e la padrona era dietro che faceva i piatti a tutti. \ Li avevano fatti in casa la vigilia, proprio la sera prima, \ e li avevano cotti nel brodo col cappone e la gallina. \ Non vedevano l’ora di ingozzarsi, sembrava una settimana che non mangiavano, \ ohi, erano i cappelletti e diograzia se una volta all’anno li preparavano. \ Stava per cominciare la festa che il vecchio, che fino ad allora era stato zitto, \ puntando il genero con un brutto sguardo gli disse a culo dritto: \ - C’è uno in questa casa che oggi non avrebbe il diritto di mangiare i cappelletti! \ - Cosa vuoi dire? Spiegati meglio che non mi piace mica questa storia dei diritti in effetti. \ - E da un bel pezzo che tu non pianti un accidente, \ e chi non pianta non deve mangiare niente, \ sono oramai un bel po’ gonfio e mi sono stancato da quel dì \ di dare da mangiare ad un pezzo di carne vagabonda così! \ - Puttana, di quella puttana, vagabondo a me? \ Questa non voleva essere detta da uno come te! \ - Iooo... ??? Tuuu... sei d’un vagabondo che ti cresce il pelo nelle mani, \ mangi tutti i giorni e non porti a casa un soldo da settimane e settimane... !\ O boia di qua e boia di là, porco questo e porco il quale..., \ valà che se non mangio io, non mangiate neanche voi, boia di quel boia di quel tale... ! \ E tra una bestemmia e una maledizione prese un angolo della tovaglia \ e diede uno strattone che buttò ogni cosa per terra: piatti, zuppiera e cappelletti con la loro brodaglia. \ Allora il vecchio si girò verso la stufa dove era rimasta la pignatta con due cappelletti \ e dicendo anche lui delle madonne da tirare giù gli angeli dal paradiso coi capelli eretti, \ per ripicca buttò anche quelli dalla finestra, \ e così furono solo le galline a far festa con quella buona minestra. \ - Alè, adesso siamo sicuri che non li mangia nessuno... ! \ Stavano tutti zitti, ma dagli occhi  scendevano i goccioloni a qualcuno. \ Alle due del pomeriggio del giorno di natale bussavano alla porta della bottega del quartiere per farsi aprire \ e poter così comprare un chilo di maccheroni e una confezione di burro per condire.

Pin It