• Ultimo Aggiornamento: Martedì 29 Settembre 2020 - 15:19:16
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Molto nuvoloso

17.78°C

Molto nuvoloso
Umidità: 66%
Vento: SE a 3.73 K/H
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
10.56°C / 21.11°C
Giovedì
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 21.67°C
Venerdì
Molto nuvoloso
13.89°C / 22.78°C
Un gn’è dobi che la guèra
l’è da ès staè ‘na brota bes-cia par la zenta ‘d sta tèra,
dal fat rubazi us sint a doi
che la caèrna plòina a t fa ‘vnoi.
Cmè a t cla volta che e raviet e’ bumbardamòint
e us  santoiva rivé al bombi s’una spezi ‘d
lamòint;
la zenta la curoiva ti rifugi spavantaèda,
senza badaè ma taènt ròbi o ma quèl ch’ui bsugneva par la zurnaèda,
ugneun quant ch’l’avòiva pens par sè l’era strach e sudé
e se’ mumòint us cuntantaèva ch’u s’era sgavagné.
E acsè, quant che tot i fot te’ rifugio, i ciudet la porta sa di marugheun,
mo da lè a gnent, i s’n’incurzet ch’ui na mancaèva eun,
e piò znin ch’l’avòiva si-sèt mois e un po’ ‘d dè
e tla pressia i s’l’era scurd parchè, cio, e’ pansir l’era snò ‘d scapaè.
L’era tla condla, mo adès e feva di fat rogg ch’us santoiva ch’l’era svegg,
e pasaèva sòura ènca mal bòti dal bombi e me’ malan d’j aparegg.
-   Che burdèl, che burdèl... !
E rugiòiva la su ma puzendsi me’ maroid cmè s’u j avnes maèl.
-   Cor, cor, va a to e’ mi znin
     pròima che faza la fòin de’ surgatin!
Ciooo…, la fazenda la era gnara, u n’è ch’un vles,
mo ‘d fura e cascaèva al bòmbi cmè se piuves,
u j era d’armeti la pèla e ma leu ui ciapet un fat pepacheul
ch’u n’avòiva gnenca piò e fié da zcòr e u sa maseva te’ scheur,
l’arvanzet s’j occ pirs cmè un pataca
a guardaè te’ svuit s’un’aria aviloida e straca,
e pu s’un foil ‘d vòusa e get rasigné e senza pruvaè a faè gnenca un tentatoiv:
-   L’era mo acsè catoiv... !




La  paura

Non c’è dubbio che la guerra \ deve essere stata una brutta bestia per la gente di questa terra, \ delle gran brutte cose si sentono dire \ che la pelle d’oca ti fanno venire. \ Come di quella volta che iniziò il bombardamento \ e si sentivano arrivare le bombe con una specie di lamento; \ la gente correva nei rifugi spaventata, \ senza curarsi di tante cose o a quel che serviva per la giornata, \ ognuno quando aveva provveduto a sé era stanco e sudato \ e per il momento si accontentava d’essersi salvato. \ E così, quando furono tutti nel rifugio, chiusero la porta con dei cespugli \ ma subito dopo si accorsero che mancava uno dei figli, \ il più piccolo che aveva sei-sette mesi e qualche giorno da contare \ e nella fretta se l’erano dimenticato perché, ohi, il pensiero era solo di scappare. \ Era nella culla, ma adesso faceva degli urli che si sentiva che si era svegliato, \ oltrepassava anche il rumore degli aerei e delle bombe il boato. \ - Quel bambino, quel bambino...! \ Urlava sua mamma come se le venisse male e appoggiandosi al maritino. \ - Corri, corri, va a prendere il mio piccino \ prima che faccia la fine del topolino! \ Ohi, la faccenda era complicata, non è che non volesse, \ ma di fuori cadevano le bombe come se piovesse, \ c’era da rimetterci la pelle e a lui prese una grande paura \ che non aveva neanche più il fiato per parlare e si nascondeva nella parte scura, \ rimase con gli occhi smarriti come un deficiente \ a guardare nel vuoto con un’aria avvilita e impotente, \ e poi con un filo di voce disse rassegnato e senza  neanche provare a fare un tentativo: \ - Era magari cosi cattivo...!
Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna