Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

6.11°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 53%
Vento: E a 8.7 K/H
Domenica
Nuvoloso
-1.11°C / 4.44°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
-1.67°C / 6.11°C
Martedì
Per lo più soleggiato
-2.22°C / 6.67°C
U  j è  sumar  e  sumar
I m’à sempra racuntaè d’una volta che te’ nòst paiòis
u j era una guaèrdia curiòusa, gran lavuradòur e senza daès taènt pòis,
snò che s’la pena un gn’avòiva una gran confidenza
e quant ch’l’avòiva da faè un po’ ‘d scret, se putòiva, e feva senza,
sinò ujavnoiva fura dal fat marunaèdi
che i su culega d’j ufoizi ‘d ciòura is feva dal gran sbacaraèdi.
Dis che una volta l’avòiva da met un cartèl,
che, pòsta ch’us lizes ben, u l’avòiva da scroiv se’ pnèl.
L’avòiva da pruiboi mi cuntadòin ch’j avnoiva da la canpagna e da fieun,
‘d lighé i sumar davaènti ma la porta de’ cumeun,
parchè, par la zenta, l’era fadoiga antraè,
e sa tot che casòin quei d’j ufoizi ‘dciòura in putòiva lavuraè.
E leu ul faset,
e par faèl s’la grezia, dè e ui lavuret,
e vlòiva mustraè la su cumpetenza,
e quant ch’ul tachet sò sla porta, ujera scret in bèla evidenza:
“È VIETATO LEGARE GLI ASINI DI SOTTO
 PERCHÈ  DISTURBANO QUELLI DI SOPRA.”


Urbinati, l’antica guardia municipale

Ci  sono  somari  e  somari
Mi hanno sempre raccontato di una volta che nel nostro paese \ c’era un vigile urbano assai curioso, gran lavoratore e senza darsi troppo peso, \ solo che con la penna non aveva una gran confidenza \ e quando doveva scrivere qualcosa, se poteva, faceva senza, \ altrimenti gli venivano fuori delle grandi boiate \ che i suoi colleghi degli uffici di sopra si facevano delle solenni risate. \ Si dice che una volta dovesse mettere un cartello \ che, affinché si leggesse bene, lo doveva scrivere col pennello, \ doveva proibire ai contadini che venivano dalla campagna e dal fiume, \ di legare i somari davanti alla porta del comune, \ perché per la gente era fatica ad entrare, \ e con tutto quel casino, quelli degli uffici di sopra non potevano lavorare. \ E lui lo realizzò, \ e per farlo con la grazia, giorni e giorni ci lavorò, \ voleva mostrare la sua competenza, \ e quando lo appese sulla porta, c’era scritto in bella evidenza:\ “E’ VIETATO LEGARE GLI ASINI DI SOTTO \ PERCHE’ DISTURBANO QUELLI DI SOPRA.”


Ancòura pez
Da chi dè quant ch’l’ariveva e frèd, l’era òura ‘d mazaè e’ bagòin,
e par quèst bsugneva ch’j andes da leu ch’e deva  e’ parmès mi cuntadòin.
Un gn’era i foi zà preunt, bsugneva faè tot a maèna e scroiv s’l’inciòstar,
e ma leu d’ògna taènt al paroli a gl’j s’inganbarlaèva e l’avnoiva fura di disastar.
Cmè cla volta ch’us truvet dninz a sè Rosati Giuseppe dla Tòra in muturòin,
ch’e dmandaèva l’autorizaziòun par mazaè e’ su bagòin.
Ènca stavolta ui la mitet tota,  mo dis che tl’ufoizi u j era una gran cunfusiòun
e leu par guardaè ad qua e ‘d là a la fòin u j avnet fura ste bèl macaròun:
“ Si concede l’autorizzazione a Rosato Suino per la macellazione di Giuseppe”.


Ancora peggio
In quei tempi quando arrivava il freddo, era ora di ammazzare il suino, \ e per questo bisognava che andassero da lui che dava il permesso al contadino. \ Non c’erano i fogli già approntati, bisognava fare tutto a mano e scrivere con l’inchiostro, \ e a lui le parole ogni tanto  si accavallavano e veniva fuori un disastro. \ Come quella volta che si trovò innanzi Rosati Giuseppe della Torre in motorino, \ che domandava l’autorizzazione per uccidere il suo suino. \ Anche stavolta ce la mise tutta, ma si dice che nell’ufficio c’era una gran confusione \ e lui per badare di qua e di là alla fine gli venne fuori sto bel maccherone: \ “Si concede l’autorizzazione a Rosato Suino per la macellazione di Giuseppe”.



Valà che ma leu un gn’e la feva niseun
U j era dal volti ch’us mitòiva sla straèda davaènti e’ cumeun

a badaè cal quatar machini ch’al pasaèva a lè vaieun,
bsugneva snò staè tenti ch’al n’andes trop fort sinò al tireva sò un fat purbiòun
ch’e spurcaèva l’aria e par la zenta l’era cmè l’ès te’ mèz de’nibiòun.
Una dmenga matòina sla piaza pina ‘d zenta ciacaròuna,
us santoiva un scatramaz sempra piò fort e pu a ròta ‘d còl l’arvet ‘na machinòuna,
duvò ch’la pasaèva u s’ alzaèva un nuvlòun scheur,
ch’ut s’infileva t’j occ che s’t’an t farmivi t’andivi a sbat t’un meur.
U sa capoiva  che a guidela u j era eun ch’un giòiva ès da fat a pòst s’la tèsta,
parchè dis che vlòiva faè un dispèt ma quei ch’j andeva a la mèsa se’ stoi dla fèsta.
Leu  a la svelta us mitet e’ fis-cèt ‘d bòca senza faè taènt mòsi
e ui sufiet ‘d dròinta fena a faès avnoi al ganasi ròsi,
mo che pataca dla machina moiga us farmet, 
ènzi, ui det piò gas e dòp un paèra ‘d sbigavult e sparet.
-  Va, va, – e ghignet tra i dint Urbinati - valà che ta m’un scap,
   che tanimodi mè ma tè se’ lapis a t’ò ciap!

Valà che a lui non gliela faceva nessuno
C’erano delle volte che si appostava innanzi al municipio sulla strada \ a sorvegliare quelle quattro macchine che transitavano di fianco alla contrada, \ bisognava solo stare vigili che non andassero troppo forte sennò alzavano un grande polverone \ che sporcava l’aria e per la gente era come stare in mezzo al nebbione. \ Una domenica mattina sulla piazza piena di gente chiacchierona, \ si sentiva un frastuono sempre più forte e poi a tutta velocità  giunse una macchinona, \ dove passava si alzava un nuvolone scuro, \ che ti si infilava negli occhi e se non ti fermavi andavi a sbattere in un muro. \ Si capiva che a guidarla c’era uno che non doveva essere del tutto a posto con la testa, \ si dice, infatti, che volesse fare un dispetto a quelli che andavano alla messa col vestito della festa. \ Lui alla svelta si mise il fischietto in bocca senza fare tante mosse \ e gli soffiò dentro fino a farsi venire le guance rosse, \ ma quel tontolone della macchina mica si fermò, \ anzi, gli dette più gas e dopo un paio di curve si dileguò. \ - Va, va, - ghignò tra i denti Urbinati – valà che non mi sei scappato, \ che in ogni modo io a te con la matita ti ho pigliato!



Sa cal paroli l’è pas ma la storia
U j è staè di mumoint che a Samaèvar e ti paraz
da spès e pasaèva i ledar ch’i rubeva d’inquèl, prinfena i straz .
La zenta de’ paiòis la j avòiva fat prèst a faè la su capa,
un gn’era dobi,  i ledar l’era quei dla Velagrapa.
E acsè quant che un grop ‘d zenta ‘d cla straèda de’ cumeun,
j andet a ragné da e’ sendich parchè a là da lòu i n’avòiva port e’ leun,
pena ch’i fot sla porta de’ palaz  i s’incuntret s’la guaèrdia Urbinati
ch’e vlet savòi ch’sèl ch’j era vnu faè in delegaziòun “tanto agitati”.
A sem a què – e get eun - par protestaè e fort, quèst l’è sicheur,
  
ou, j à port la leusa d’impartot e snò la Velagrapa la è vaènza te’ scheur!
Alòura  a santoi acsè, leu ui get tot seri dal paroli
ch’a gl’j è pasi ma la storia de’ paiòis e ch’al sareb da insgné tal scoli:
Cosa volete voi, ladri della Villagrappa,  che, come tutti sanno,
  
per rubare nascondereste la luna con un panno!


Con quel detto è passato alla storia
C’è stato un momento che a San Mauro e nei paraggi \ assai spesso passavano i ladri che rubavano ogni cosa, persino gli stracci. \ La gente del paese aveva fatto in fretta a stendere la mappa, \ non c’erano dubbi, i ladri erano quelli della Villagrappa. \ E così quando un gruppo di gente di quella strada del comune \ andò a protestare dal sindaco perché là da loro non avevano portato alcun lume, \ giunti alla porta del municipio s’incontrarono col vigile Urbinati \ che volle sapere cosa erano venuti a fare in delegazione “tanto agitati”. \ - Siamo qui – disse uno – per protestare e forte, questo è sicuro, \ ohi, hanno portato l’illuminazione dappertutto e solo la Villagrappa è rimasto allo scuro! \ Allora a sentire così, lui disse loro delle parole \ che sono passate alla storia del paese e che sarebbero da insegnare nelle scuole: \ - Cosa volete voi, ladri della Villagrappa, che, come tutti sanno, \  per rubare nascondereste la luna con un panno!
Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Anche quest'anno, nonostante non sia in programma la tradizionale "Festa de Bagòin ma la Tora"  (La Festa del Maiale), Sanmauropascolinews.it in collaborazione con "La Bottega delle Carni" di San Mauro Pascoli ha deciso di mettere in palio ugualmente una grigliata di carne di maiale per due persone.

La Bottega delle Carni

Per vincere il premio è necessario indovinare il nome e il cognone del personaggio sammaurese raffigurato nella vignetta di Roberto Arnone e compilare il form che segue entro il 16 gennaio 2021, tutti i campi richiesti sono obbligatori.

Nel caso i vincitori fossero più di uno si procederà all’estrazione, il vincitore verrà avvisato tramite mail e telefono.

Buon concorso a tutti!!

Indovinello 2021


Democrazia americana

Pubblicato il 10.01.2021 - Categoria: Vignette

Democrazia americana

Pubblicato il 10.01.2021 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI