Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Temporali sparsi

21.67°C

Temporali sparsi
Umidità: 87%
Vento: SSE a 2.49 K/H
Mercoledì
Temporali sparsi
15.56°C / 24.44°C
Giovedì
Temporali sparsi
15.56°C / 26.11°C
Venerdì
Temporali sparsi
17.22°C / 25.56°C
La steva s’la su ma t la cuntraèda de’ mazèl e al vandòiva al smanzai:
amni, bagegg, luvòin, cuciarul, cla ròba insòma che da magné t’an smet mai,
ènca parchè da lòu al gustaèva poch, sa dis fraènch al t’impinòiva e’ bascuzòin,
mo agl’j avòiva una strenga ch’l’era fadoiga sbuzeli e pu at deva e’ rusgòin.
Quant che la su ma la muret,  la arvanzet da par lì,
mo vest ch’la n’era te’ pin dla saleuta e ch’la j avòiva bsògn ‘d cunpagnì,
la s’ tulet mèi d’andaè a staè te’ ricovar di vceun,
duvò ch’al sori al tnòiva dacòunt chi por sgraziadaz ch’un vlòiva niseun.
A lè li la feva guasi la sgnòura, la rèta la gustaèva poch, bun i servoizi
e acsè si suld ch’u j avanzaèva dla pensiòun la s’ cavaèva i su voizi,
quei che da zòvna l’an n’ariveva gnenca a pansaè
e che invici adès la n’avdòiva l’òura ‘d cunpraè.
La su pasiòun l’era l’or, la s’n’un tacaèva sò piò lì d’un albero ‘d nadaèl:
culaèni, speli, brazalet, anel, tot i su suld i finoiva a lè e par lì l’era e’ su bèl.
La superiòura la si racmandaèva ch’l’ai tnes dacòunt par la vciaia ch’la vnirà,
parchè, cio, un s’pò moiga savòi adès ch’sèl che te’ ‘ndaè vaènti ui vrà.
Mo li l’an s’n’un deva nisun pansir e senza faè una poiga
la j arspundòiva:- Valà che sòta un pòunt i m’un lasa moiga!

 La Maria della Pierina
Abitava con sua madre nella contrada del macello e vendeva semi e goloserie: \ brustoline, arachidi, lupini, castagne secche, quelle cose insomma che se ti metti a mangiarle non smetti mai perché sono ghiottonerie, \ anche perché da loro costavano poco, con dieci lire ti riempivano il taschino, \ ma avevano un chè di vecchio che era fatica sbucciarle e poi nella gola ti facevano venire un bruciorino. \ Quando sua madre morì, lei rimase da sola in quella abitazione, \ ma visto che non era nel pieno della salute e che aveva bisogno di molta attenzione, \ preferì andare ad abitare nel ricovero dei vecchioni, \ dove le suore assistevano quei poveri disgraziati soggetti a numerosi abbandoni. \ Lì dentro lei faceva quasi la signora, la retta le costava poco, buoni i servizi \ e così coi soldi che le restavano dalla pensione si toglieva i suoi vizi, \ quelli che da giovane non arrivava neanche a pensare \ e che invece adesso non vedeva l’ora di soddisfare. \ La sua passione era l’oro, se ne appiccicava su più lei di un albero di natale: \ collane, spille, braccialetti, anelli, tutti i suoi soldi finivano così e per lei ciò era vitale. \ La superiora si raccomandava che li tenesse d’acconto per la vecchiaia che verrà, \ perché, ohi, non si può mica sapere adesso ciò che nell’andare avanti verrà. \ Ma lei non si dava alcun pensiero e senza fare una piega \ le rispondeva:- Valà che sotto ad un ponte non mi lasciano mica, sarebbe una bega!



Un  fantasma stoi ‘d biench tra la nòiva
D’instaèda, quant ch’la steva ben, la j andeva in muntagna a faè al vacaènzi,
a Moena, tla pensiòun de’ prit, e su j era un zoir da faè, li la na mancaèva, ènzi...
Un dè sòta, un zil pin ‘d novli, u s’era deciois d’andaè sla Marmolada , me’ giazaèr ,
viaz s’la curira e rivat a lasò tot i tiret fura i pan de’ mòis ‘d znaèr,
cio, l’era un frèd  da l’òs-cia, u s’era se’ giaz e d’ògna taènt
e vnoiva zò quaèlca frofla ‘d nòiva ch’la ingrusaèva la mocia a lè dacaènt.
E alòura: brèta tla tèsta, giaca a vent inbutoida, calzeun ‘d fustagn,
calzitoni ‘d laèna e scarpeun da du chel d’l’eun par sgavagnes da e’ ristagn.
Li invici scarpini bienchi e basi, calzitin bjinch quatar doidi piò sò dla caveia,
e gamba neuda sa dal vòini acsè niri che paròiva d’j imbroisal in gita s’ la fameia.
Sutanina ‘d cutòun pigataèda piò bienca d’una bòcia ‘d lat,
bienca la camisèta ch’u s’j avdòiva sòta un maiunzin  biench par gnent adat,
e par finoi piò biench ancòura l’era e’ fazulèt ch’ui faseva la tèsta,
coi ch’un la cnusòiva e giòiva pansaè m’un fantasmin ch’l’andeva a la fèsta.
S’la s’infileva tra la nòiva la s’ mis-ceva tra che biench e t’an la cnusivi piò,
mo ch’la era li us capoiva snò da tot cl’or ch’la s’era tacaèda sò.
Don  Luois e guardaèva e’ zil e e sturzòiva la bòca si cavel dret,
che prighes e’ signuròin ch’ui j a panses leu ma cla sgrazieda? Boh, e steva zet!
E li la steva a lè s’un’aria da persa e sa madòs di gran stremal,
mo zeta, l’an giòiva parola e l’an feva gnenca un spregnal.
Par furteuna ch’u j è staè eun che dòp avòi squadraè la situaziòun,
la tacaè a doi s’una curiòusa preòcupaziòun:
-   Sa la lasem a què, acsè impirlundaèda,  quèsta la fa una brota fòin, burdel,
    e’ peroiqual piò gròs l’è che i ledar i la roba par tnòis l’or e i giuiel,
    e quèl ch’l’avaènza ‘d lì, il sples sòta è giaz s’u ni ciapa e’ panico,
    sinò par faè pròima, e s’j è par ben, il bota te’ casunèt dl’organico.
    E pu zenta, gi sò, a putem lasé in zoir un esemplaèr acsè cunzeda
    cmè s’l’an fos ‘d niseun sòura ste giaz dri a faè una pasigeda?
    Quei ch’i pasa da què is’ cardrà ch’l’è un bumboz ‘d nòiva fat par zugh,
    bsògna alòura ch’a zarchema ‘d scaldaèla dri m’un fugh.
    Marì, fema che tè adès t ve int che bar, t at tu una capamela o un tè pursì,
    t’aspèt a lè e ta t’imbadarèl a guardaè ‘d fura fena ch’an gem d’arturnaè indrì .
-   Sé – la sufiet s’un foil ‘d vòusa – mo mu mè la capamela la m’un pis,
    mè a togh una ciculaèta caèlda, una pasta  e pu un cafè s’u v’un dispis!!!

Un fantasma vestito di bianco tra la neve
D’estate, quando stava bene, andava in montagna a fare le vacanze, \ a Moena, nella pensione del prete, e se c’era un giro da fare, lei non mancava mai, anzi… \  Un giorno, sotto un cielo pieno di nuvole, si era deciso di andare alla Marmolada, al ghiacciaio, \ viaggio in corriera e arrivati lassù tutti tirarono fuori i panni del mese di gennaio, \ ohi, era un freddo cane, si era sul ghiaccio e ogni tanto \ scendeva qualche fiocco di neve che andava ad ingrossare il mucchio accanto. \ E allora: berretta in testa, giacca a vento imbottita, pantaloni di fustagno di grosso spessore, \ calzettoni di lana e scarponi da due chili l’uno per salvarsi dal raffreddore. \ Lei invece scarpette bianche e basse, calzettini bianchi quattro dita sopra la caviglia, \ e gamba nuda con delle vene così nere che sembravano lombrichi in gita con la famiglia. \ Sottanina di cotone pieghettata più bianca di una bottiglia di latte, \ bianca la camicetta che si vedeva sotto un maglioncino bianco, ma tutte cose inadatte, \ e per finire più bianco ancora era il fazzoletto che le fasciava la testa, \ chi non la conosceva forse pensava ad un fantasmino che andava alla festa. \ Se si inoltrava tra la neve si mischiava tra quel biancore e non la riconoscevi più, \ ma che era lei si capiva solamente da tutto quell’oro che si era attaccata su. \ Don Luigi guardava il cielo e storceva la bocca col capello dritto, \ che pregasse il Signore che ci pensasse lui a quella disgraziata? Boh, stava zitto! \ E lei stava lì con un’espressione assente e con lunghi brividi, \ ma zitta, non proferiva parola e non emetteva neanche gemiti.\ Per fortuna che c’è stato uno che dopo aver inquadrato la situazione, \ cominciò a dire con una curiosa preoccupazione: \ - Se la lasciamo qui, così ingioiellata, questa fa una brutta fine, giovincelli, \ il pericolo più grosso è che i ladri la rubino per tenersi l’oro e i gioielli, \ e ciò che rimane di lei, lo seppelliscono sotto il ghiaccio se non gli prende il panico, \ sennò per fare prima, e se sono educati, lo gettano nel cassonetto dell’organico. \ E poi gente, dite su, possiamo lasciare in giro un esemplare così conciata \ come se non appartenesse a nessuno sopra questo ghiaccio intenta a fare una passeggiata? \  Quelli che passano di qui crederanno sia un pupazzo di neve fatto per gioco, \ bisogna allora che cerchiamo di metterla al caldo vicino ad un fuoco. \ Maria, facciamo che tu adesso te ne vai in quel bar, ti prendi una camomilla o un tè , \ aspetti lì  e ti svaghi a guardare di fuori fino a quando non decidiamo di tornare indietro da te. \ - Sì – soffiò con un filo di voce – ma a me la camomilla non piace, \ io prendo una cioccolata calda, una pasta e poi un caffè se non vi dispiace!!!



Mo un gn’è paragòun sa quèl ch’la cunbinet a Padova
U i  n’è un’ènta curiòusa tla su storia ch’la sa fat roid par dal stmaèni,
l’è ‘d cla volta ch’a simi a Padova, te’ bèl mèz d’un praè pin ‘d staètui e funtaèni,
a simi in pina zità, mo l’era cmè l’ès tra di cantir ‘d graèn,
pansé ch’un’ gn’era gnenca ‘na pienta par faè pisé un caèn!
-   Ò bsògn d’andaè e’ gabinèt! E doi te’ piò bèl la Marì guasi ‘d gost.
-   Ah, bèl lavòur, a sem propi te’ pòst giost!
    A simi adès te’ risturaènt, t’an putivi andaè a là a pisé?
-   Mo che pisé e pisé, mu mè um scapa da caghé,
    s’l’am scapa, l’am scapa, sa j ò i da faè sa sem a qua?
-   Dai pò, uj è un bar a lazò, l’è un po’ dalongh, mo bsògna rivé là!
La s’incaminet te’ praè in cumpagnì d’una dòna,
e rivat te’ mèz, la s’farmet da sèch cmè s’ui fos cumpaèrsa la madòna,
sò la sutèna, zò al mudandi e pu cuvaèda sl’erba dri ‘na funtanaèla,
senza doi né ai e né bai, zò una bèla squaciarèla.
Mo e’ brot l’è staè te’ tires sò, che al gambi a li à criché
e la j è chesca sòura par quant ch’l’era longa senza faè un fié.
La dòna ch’la era sa li, l’an s’n’era gnenca daèda,
mo quant ch’la la j à vesta matèra stuglaèda,
la j à zarchè sobit ‘d tirela sò,
mo al maèni al sguileva, li la bsèva e acsè l’arcascaèva ancòura zò.
Pansé ch’la j avòiva al scaèrpi bienchi e i calzet de’ stès culòur,
la sutaèna pigateda bienca e sòura ‘na camoisa bienca ch’l’era un splendòur,
sno la merda la n’era bienca e us avdòiva,
la n’era pina fena i cavell, bjinch ènca quei cmè la nòiva.


Ma non c’è paragone con quello che combinò a Padova
Ce n’è un’altra curiosa nella sua storia che ci hafatto ridere per delle settimane, \ è di quella volta che eravamo a Padova nelbel mezzo di un prato pieno di statue e fontane, \ eravamo in piena città, ma era come essere tra campi di grano, \ pensate che non c’era neanche una pianta per far pisciare un cane. \ - Ho bisogno d’andare a gabinetto ! Dice sul più bello Maria  quasi di gusto. \ - Ah, bel lavoro, siamo proprio nel posto giusto! \ Eravamo adesso nel ristorante, non potevi andare là a pisciare? \  - Ma che pisciare e pisciare, a me scappa da cagare, \ ohi, se mi scappa, mi scappa, cosa ci devo fare se siamo qua? \ - Avanti pure, c’è un bar laggiù e un po’ lontano, ma bisogna arrivare là! \  Si incamminò nel prato in compagnia di una donna, \ e arrivata nel mezzo si fermò improvvisamente come se le fosse apparsa la madonna, \ su la sottana, giùle mutande e poi china sull’erba dietro ad una fontanella, \ senza dire nè ai e nè bai, via a una bella cacarella. \ Ma il brutto è stato nel tirarsi su che le gambe le hanno ceduto \ e c’è caduta sopra per quanto era lunga senza neanche fare un fiato per chiedere aiuto. \ La donna che era con lei, non se n’era neanche ravvisata, \ ma quando l’ha vista per terra sdraiata, \ ha cercato di tirarla su, \ ma le mani scivolavano, lei pesava e così ricadeva ancora giù. \ Pensate che aveva le scarpe bianche e le calze dello stesso colore, \ la sottana, a  pieghe bianca e sopra una camicia bianca che era uno splendore, \ solo la merda non era bianca e si vedeva, \ ne era piena fino ai capelli, bianchi anche quelli come la neve.
Pin It