Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Temporali sparsi

25.56°C

Temporali sparsi
Umidità: 66%
Vento: NE a 3.73 K/H
Mercoledì
Temporali sparsi
15.56°C / 24.44°C
Giovedì
Temporali sparsi
15.56°C / 26.11°C
Venerdì
Temporali sparsi
17.22°C / 25.56°C
Us pò doi ch’l’era tota caèsa, cisa e Democrazì Cris-ciena cl’umèt,
sa poch voizi, poch matiri e senza mai perd una mèsa: un anzulèt.
Quant che però te’ mèz u j era i suld e pardòiva un po’ dla su santità,
sé, e va ben le cheura dl’amna par ste ben‘d là, mo e’ stòngh e va impinoi ‘d qua.
Int cal dmenghi d’una volta che tla cisa u j era un batòisum ‘d quaicadeun,
i burdel i feva al spatasi par rivé a sunaè al campaèni e ciapaè i curdeun,
j era troi lighì me’ batòch e a ciapaèi u j n’era sempra un bèl braènch,
cio, mi campaner a la fòin dla funziòun don Luois ui deva zòinqu fraènch
e sa quei us putòiva antraè tl’usterì ‘d Nino dl’Ada pr’avdòi Rin tin tin,
snò che se ènca t stivi svegg e pròunt, piò d’una volta ut frigaèva Turcin.
Quant ch’u s’avdòiva rivé la zenta se’ burdlin, bsugneva cor e daè di spataseun
mo e capitaèva che t’arivivi a là e leu l’era zà se’ pòst e in s’n’era daè niseun.
E’ brot dla quis-ciòun l’è ch’un s’cuntantaèva d’una corda da sunaè,
leu un ciapaèva dò, ona tla dreta e ona tla manzòina e acsè u j era poch da garavlaè.
E ma chi por burdel u j à vanzaèva snò una corda da tirè par coipa ‘d Turcin
e al ragnedi ch’i cnòiva faè tra ‘d lòu par na faès scapaè e maènch che scudin .

Turcin (Vittorino), che ne fece quattordici in una notte
Si può affermare che era tutto casa, chiesa e Democrazia Cristiana quell’ometto, \ con pochi vizi, poche stranezze e senza mai perdere una messa: un angioletto. \ Quando però c’erano di mezzo i soldi perdeva un po’ della sua santità, \ sì, va bene la cura dell’anima per stare bene nell’al di là, ma lo stomaco va riempito di qua. \ In quelle domeniche di una volta che in chiesa per il battesimo di qualcuno c’era la funzione, \ i bambini si davano gli spintoni per arrivare a suonare le campane e prendere il cordone, \ erano tre legati al battacchio e a prenderli ce n’erano sempre dei branchi, \ ohi, ai campanari alla fine della funzione don Luigi dava cinque franchi \ e con quelli si poteva entrare nell’osteria di Nino dell’Ada per vedere Rin tin tin, \ solo che se anche stavi desto e pronto, più di una volta ti gabbava Turcin. \ Quando si vedeva giungere la gente con il piccino, bisogna correre e spintonare \ ma accadeva che arrivavi là e lui era già sul posto e nessuno si era accorto del suo fare. \ Il brutto della questione è che non si accontentava di una corda da suonare, \ lui ne prendeva due, una nella destra e l’altra nella sinistra e così c’era poco da guadagnare. \ E a quei poveri bambini rimaneva solo una corda da tirare per colpa di Turcin \ e le litigate che erano costretti a fare tra di loro per non farsi sfuggire almeno quel soldino per vedere Rin tin tin.



Un ènt ‘d chi post ch’un mancaèva mai l’era e’ sègg ti dè dal vutaziòun,
quant ch’l’ariveva e’ mumòint, ste pu sicheur ch’un pardòiva l’ucasiòun.
E at fat impegn ch’ui mitòiva, un s’afideva moiga tròp ‘d chi cumunistaz,
e par la paveura ch’i i frighes i vut, un s’luntanaèva mai da chi paraz.
Acsè, quant che a medzè ch’ilt is deva e’ cambi pr’andaè a magné ma caèsa,
leu e tireva fura la su gamèla int chi puch mumoint ‘d paèsa
e us mitòiva a magné i bigulot si fasul ch’u s’era port dri
e che la su mòi par faèili truvaè cot la era cnu staè sò la matòina al sì.

Un altro di quei posti dove non mancava mai era il seggio nei giorni delle votazioni\ quanto arrivava quel momento, state pur certi che non perdeva queste occasioni. \ E che impegno ci metteva, non si fidava mica tanto di quei comunistacci, \ e per la paura che gli rubassero i voti, non si allontanava mai da quei paraggi. \ Così, quando a mezzogiorno gli altri si davano il cambio per andare a pranzare a casa, \ lui tirava fuori la sua gamella in quei pochi momenti che la sezione non era invasa \ e si metteva a mangiare pasta e fagioli che si era portato lì \ e che sua moglie per fargliela trovare cotta era stata costretta ad alzarsi la mattina alle sei di quel dì.




U n’è che fos un gran ciacaròun o ch’l’andes in zoir a racuntaè i su fat,
ènca parchè u n’è ch’l’aves dal gran ròbi da doi, mo cla volta e deva ‘d mat.
-   Par tot la nòta a i sò staè sòura, moiga una volta snò,
   avaènti e indrì ch’a n’un putòiva piò.
   Um s’era sboz, um bruseva ch’e paròiva ch’a j aves e’ fugh,
   u m’era dvent acsè ròs ch’e feva e’ sangv, an feva moiga i zugh.
   Am s’era aviloi parchè un gn’era vers ch’la la fases finoida cla nòta,
   am sarò bbeu a ne sò quant loitar ‘d limunaèda caèlda par tnòi la bòta.
   A n’avòiva zà fat quatorg e ancòura l’an giòiva basta cl’ustrigaza,
   a m’la s’era vesta brota, cio burdel, quatorg t’una nòta l’ è una fadigaza,
   l’è ròbi ch’at to i sentimoint; ah, am s’era vest ‘d ciamaè l’òspedaèl
   ch’ i m’avnes a purtaè vi parchè e paròiva propri ch’u n’i fos e’ finaèl.
   An savòiva piò ch’sèl faèi ma cla schifòusa,
   a forza ‘d faè di cieul avòiva guasi pers la vòusa.
-   Quatorg e chèè?
E dmandet eun ch’l’era rivat alòura a lè.
-   Quatorg caghedi, a paròiva un rubinèt ròt,
   pansé ch’ò smes la matòina vers agl’j òt;
   u m’ era ciap ‘na fata cagarèla
   ch’a sò cnu staè tot la nòta guplé t’ una caparèla,        
   una brèta ‘d laèna tla tèsta, disdòi s’un urinaèri puzaè me’ meur,
   ch’a paròiva e’ munumòint me’ brusòur de’ cheul.

Non è che fosse un grande chiacchierone o che andasse in giro a raccontare qualche suo fatto,\ anche perché non è che avesse tante cose da dire, ma quella volta dava di matto. \ - Per tutta la notte, mica una volta sola ci sono stato su,\ avanti e indietro che non ne potevo più. \ Mi si era sbucciato, mi bruciava che pareva ci avessi il fuoco,\ mi era diventato cosi rosso che faceva il sangue, non era mica un gioco. \ Mi ero avvilito perché non c’era verso che la facesse finita quella notte,\ mi sarò bevuto non so quanti litri di limonata calda per tenere la botta. \ Ne avevo già fatte quattordici e ancora non diceva basta quell’ostricaccia, \ me l’ero vista brutta, ohi ragazzi, quattordici in una notte sono una faticaccia, \ sono cose che ti tolgono i sentimenti; ah, mi ero visto di chiamare l’ospedale \ che mi venissero a portare via perché sembrava proprio che non ci fosse ilfinale. \ Non sapevo più che farle a quella schifosa, \ a forza di lamentarmi avevo quasi perso la voce. \ - Quattordici che cosa? \ Chiese uno che era arrivato allora lì per caso. \ - Quattordici cagate, sembravo un rubinetto rotto, \ pensate che ho smesso alla mattina verso le otto;\ mi era preso una razza di cagarella \ che sono dovuto stare per tutta la notte avvolto in una mantella, \ una berretta di lana in testa, seduto su un orinale appoggiato al muro \ che sembravo il monumento al bruciore di culo.
Pin It