Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mostly Clear

5°C

Mostly Clear
Umidità: 89%
Vento: SSW a 4.35 K/H
Domenica
Acquazzoni
2.78°C / 8.89°C
Lunedì
Piogge Sparse
0°C / 4.44°C
Martedì
Soleggiato
-1.67°C / 6.67°C
L’era poch più d’un burdèl quant che Jaurès, e’ su vsòin,
ui faset la prumèsa ‘d purtaèl a Bulogna duò ch’lavòiva da sbrighé un piciòin.
E un dè d’inveran, ‘d quei ch’ui vlòiva e’ capòt pr’e’ frèd e l’umidità,
e caschet cla pòira e tot aligar i s’aviet in machina vers la zità.
Par rivé te’ negozi duò che Jaurès l’avòiva d’andaè, i faset un po’ ‘d straèda a pì
e, vest ch’l’avòiva da zcòr se’ padròun, ma Gipaz ul laset se’ marciapì.
- A ma racmand Geppe - ui get – spètmi a què,
   ai met un po’ e nu t spaventa s’ta m’un vòid, mè a sò didrì da tè!
Tot a pòst e Gipaz us mitet puzaè m’una pienta de’ viel principaèl
e us divartoiva a guardaè e’ pasègg dla zenta ‘d Bulogna d’un dè nurmaèl.
Fes a lè, gnenca un s’n’era infat d’una sgnòura ch’la purtaèva a spas un cagnolin
grand poch piò d’un sòrgh, pòil biench a rizulin e invrucé t’un bèl caputin.
Propi un caèn da sgneur, Gipaz u n’avòiva mai vest dal ròbi acsè,
e intaènt la su padròuna la s’era ferma s’un’aènta dòna spèssa ‘d leu a ciacaraè.
E cagnulin u s’era vsiné ma Gipaz e ui licheva al scaèrpi cmè s’al fos da magné,
leu invici ul s’luntanaèva s’la peunta di pi perché e cardòiva ch’ui vles pisé.
Ui sufieva in dialèt:- Uf...uf… va vì da què, va vì…
Gnent, che caèn dl’òs-cia e sarà ch’un capoiva e’ dialèt, m’un la finoiva ‘d lichei i pì,
e acsè la è andaèda a finoi che Gipaz u s’è sof e u j à slunghé un chelz s’un rugiaz:
- Mo va su l’òs-cia brot cagnaz!
E faset un saèlt indrì che cagnulin sa di gran virs:- Ca… i, ca… i!
La su padròuna te’ vdòi acsè la faset ènca pez ch’u sa farmet e’ pasègg tla vi:
- Villano, violento, maleducato, incosciente,…
   chi ti ha insegnato l’educazione pezzo di deficiente!
La i n’avòiva da doi che la l’an finoiva ‘d faè l’elench dal catoivi qualità,
intaènt Gipaz, cmè ch’e feva sempra ti mumoint ‘d dificultà,
s’la lengua ruzleda tra i dint e al maèni ch’al fruleva cmè di vantai,
e gnurgneva paroli senza seugh, s’j occ spavanté parchè acsè un s’era trov mai.
A santoi che casòin finalmòint Jaurès us decidet a vnoi in su aieut,
mo tl’avdòi la tegna dla sgnòura e e’ cagnulin che feva di gran starneut,
u n’avet la faza ‘d dì gnent e e feva finta d’ès pas da lè par caès
e scrulend la tèsta cmè se ma Gipaz u ne cnuses, e get gratendsi la peunta de’ naès:
- Èh signora, ci vuole pazienza con certa gente,
   ma chi ha lasciato solo un tipo così, non merita niente!
- Andiamo Victor, allontaniamoci da questa gentaglia,
mioddio in che mondo viviamo, e quel giovinastro? Che canaglia!!!



Giuseppe
Era poco più di un bambino quando Jaures, il suo vicino, \ gli fece la promessa di portarlo a Bologna dove doveva sbrigare un affarino. \ E un giorno d’inverno, di quelli che occorreva il cappotto per il freddo e l’umidità, \ cadde la pera e tutti allegri si avviarono in auto verso la città. \ Per giungere nel negozio dove Jaures doveva andare, fecero un po’ di strada a piedi \ e, visto che doveva parlare col padrone, lasciò Giuseppe sul marciapiedi. \ - Mi raccomando Giuseppe – gli disse – spettami qui, \ ci metto un po’ e tu non ti spaventare se non mi vedi, io sono dietro di te, nel negozio lì! \ Tutto a posto e Giuseppe si mise appoggiato ad un albero del viale principale \ e si divertiva a guardare il passeggio della gente di Bologna di un giorno normale. \ Fisso lì, neanche si era accorto di una signora che portava a spasso un cagnolino \ grande poco più di un topo, pelo bianco a ricciolini e avvolto in un bel cappottino. \ Proprio un cane da signori, Giuseppe non aveva mai visto un simile affare, \ e intanto la sua padrona si era fermata con un’altra donna dietro di lui a chiacchierare. \ Il cagnolino si era avvicinato a Giuseppe e gli leccava le scarpe come se fossero da mangiare, \ lui invece lo allontanava con la punta dei piedi perché credeva volesse urinare. \ Gli soffiava in dialetto:- Uf…uf…, vai via di qui, vai via… \ Niente, quel cane della malora sarà perché non capiva il dialetto, ma non la smetteva di leccargli i piedi, \ e così è andata a finire che Giuseppe si è stancato e gli ha allungato un calcio con un urlaccio: \ - Ma vai alla malora brutto cagnaccio! \ Fece un salto all’indietro quel cagnolino con degli alti versi:-Ca…i, ca…i! \ La sua padrona nel vedere così fece anche di peggio tanto che si fermò il passeggio nella via: \ -Villano, violento, maleducato, incosciente,… \ chi ti ha insegnato l’educazione pezzo di deficiente! \ Ne aveva da dire che non terminava di fare l’elenco delle cattive qualità, \ intanto Giuseppe, come faceva sempre nei momenti di difficoltà, \ con la lingua arrotolata tra i denti e le mani che giravano come un ventaglio, \ proferiva parole senza significato, con occhi spaventati perché in un caso simile non vi si era trovato mai neanche per sbaglio. \ A udire quella confusione finalmente Jaures si decise ad accorrere in suo aiuto, \ ma nel vedere la rabbia della signora e il cagnolino che emetteva un ripetuto sternuto, \ non ebbe il coraggio di proferire parola e fece finta di essere transitato di lì per caso \ e tentennando la testa come se Giuseppe non lo conoscesse, disse grattandosi la punta del naso: \ - Èh, signora, ci vuole pazienza con certa gente, \ ma chi ha lasciato solo un tipo così, non merita niente! \ - Andiamo Victor, allontaniamoci da questa gentaglia, \ mioddio in che mondo viviamo, e quel giovinastro? Che canaglia!




La su caèsa la era propri in faza ma quèla ‘d Pascoli, munumòint naziunaèl,
acsè d’ògni taènt l’era se’ marciapì a guardaè quei ch’avnoiva a visitaèl,
dal volti us fiseva a guardaè la straèda e quei ch’i pasaèva da lè,
dagl’j elt volti invici e punteva e’ svuit e chisà sèl ch’u j avnoiva da pansaè.
Un dè ch’l’era pers ti su pansir, u j arivet da sèch una machina tota scheura
e la s’i farmet propi davaènti i pì ch’l’al faset stremuloi da la paveura,
quèsta mo un s’la spitaèva e sturzet la tèsta tòinch cmè una pituròina ‘d bacalà,
e quant ch’j arvet e’ finistròin u s’avdet la faza d’eun ch’u n’era da qua.
L’era un umarein d’una zerta età, tot mudé sla sacòuna blu e la gruvata ròssa,
ch’ui dmandet s’un bèl modi e ras-cendsi la gòula s’un colp ‘d tòssa:
- Buongiorno, saprebbe indicarmi Casa Pascoli per cortesia
   che giriamo e giriamo, ma non riusciamo a trovare la via?
Gipaz a santoi acsè e cminzet a frulé al maèni s’una gran tarmasòun
cmè ch’e feva sempra quand ch’l’andeva te’ palòun,
e pu puntend quèl dla machina s’una brota zurma, ui faset un rugiaz s’u n’uciadaza:
- T am vu faè una pugnitaza?
T an void ch’l’è quèla che lè?
   T fé pòsta o t am vu faè incazaè tè?
Chisà sèl ch’ui sarà pas par la tèsta ma che sgrazié
ch’un s’n’era infat ch’ l’avòiva capaè e’ sugèt sbajé,
leu e vlòiva snò un’infurmaziòun,
ròbi invici ch’e putòiva busché ènca un s-ciafòun!


La sua casa era proprio di fronte a quella del Pascoli, monumento nazionale, \ così ogni tanto era sul marciapiede a guardare quelli che venivano a visitarlo, \ a volte si fissava a guardare la strada e quelli che di lì dovevano passare, \ altre volte invece puntava il vuoto e chissà cosa gli veniva da pensare. \ Un giorno che era smarrito nei suoi pensieri, gli arrivò improvvisamente una macchina tutta scura \ e gli si fermò proprio davanti a piedi tanto che lo fece rabbrividire dalla paura, \ questa non se l’aspettava, piegò la testa rigido come un baccalà \ e quando calò il vetro del finestrino e si vide la faccia di un turista che non era di qua. \ Era un ometto di una certa età, tutto elegante con la giacca blu e la cravatta rossa, \ che gli chiese con belle maniere e raschiandosi la gola con un colpo di tosse: \ - Buongiorno, saprebbe indicarmi Casa pascoli per cortesia \ che giriamo, giriamo, ma non riusciamo a trovare la via? \ Giuseppe a sentire così cominciò a frullare le mani con una grande trepidazione, \ come faceva sempre quando andava nel pallone, \ poi puntando quello dell’auto con una brutta espressione, gli fece un urlaccio con un’occhiataccia: - Mi vuoi fare una pugnettaccia? \ Non vedi, quella è? \ Fai apposta o vuoi farmi arrabbiare te? \ Chissà cosa sarà passato nella mente a quel disgraziato \ che non si era accorto che aveva scelto il soggetto sbagliato, \ lui voleva solo un’informazione, \ ha invece rischiato di buscarsi anche uno schiaffone!



L’era staè la pròima volta tla su voita
ch’l’era andaè a Cesòina a vdòi una partoida.
Disdòi tla machina pr’avnoi d’in qua,
d’ògni taènt e scruleva la tèsta cmè se ges ad na.
- Set fat, l’an t’e piaseuda?
- Na, na, la partoida la è staèda bèla e cumbateuda,
   mo mè a degh che e’ tifòus de’ Cesòina l’è un gran tistòun
   e ch’un capes propi gnent de’ zugh de’ palòun,
   e pansaé ch’i m’l’avòiva det int e’ bar
   che quei ‘d Cesòina l’era una mocia ‘d sumar.
   Pensa che par tot la partoida e fena a la fòin,
   i la j avòiva s’l’arbitro ch’u n’à mai tòch la pala e’ puròin!


Era stata la prima volta nella sua vita \ che era andato a vedere una partita. \ Seduto nella macchina per ritornare, \ ogni tanto scrollava la testa come se volesse negare. \ - Cosa hai fatto, non ti è piaciuta? \ - No, no, la partita è stata bella e combattuta, \ ma io dico che il tifoso del Cesena è una gran testone \ e che non capisce niente del gioco del pallone, \ e pensare che me l’avevano detto al bar \ che quelli di Cesena erano un mucchio di somari. \ Pensa che per tutta la partita e sino all’ultimo minutino, \ ce l’avevano con l’arbitro che non ha mai toccato la palla il poverino!

A scola l’era un por zucòun,
e lèz e scroiv un gn’antraèva te’ su tistòun.
La su ma sta quis-ciòun la l’avòiva ciapaèda propi maèl,
e la s’era mesa tla tèsta d’insgnei li ma che burdèl.
E acsè tot i dè l’al ciapaèva t’un cantòun
e par dagl’j òuri la i steva madòs par faèi la su leziòun,
- Lèz a què, curagg, quèsta l’è la “CI” e quèsta l’è la “A”
   adès a li tachem insen e al fa “CA”
   Pu dòp a ciapem quèsta, ch’l’è la “ENNE” e staèlta ch’l’è la “E”,
   ènca stal dò a li mitem insen e al fa “NE”.
   Dai tè adès e fa cmè mè: CA...CA...NE…NE...
Mo sè, l’era cmè doi se’ vent,
e spalancaèva j occ e la bòca, mo un giòiva moiga gnent.
E li a sgulaès:- CAAA...NEEE..., CA-NE, CANEEE !!!
   U j è da vargugnes, cimatti par lèz CANE, gnenca ta ne cnuses... !
   E leu, e’ puròin, si guzlot ma j occ e la tèsta basa:- Ch’u t magnes!


A scuola era un povero zuccone \ e leggere e scrivere non gli entrava nel suo testone. \ Sua mamma questa questione l’aveva presa proprio male, \ e si era messa in testa d’insegnare lei a quel bambino a leggere normale. \ E così tutti i giorni lo prendeva in un cantone \ e per delle ore gli stava addosso per fargli la sua lezione. \ - Leggi qui, coraggio, questa è la “C” e questa è la “A”, \ adesso le attacchiamo insieme e facciamo “CA”. \ Poi prendiamo questa che è la “ENNE” e quest’altra che è la “E”, \ anche queste due le mettiamo insieme e fanno “NE”. \ Dai tu adesso e fa come me: CA... CA… NE... NE... \ Ma sì, era come dire col vento, \ spalancava gli occhi e la bocca, ma non diceva niente. \ E lei a sgolarsi:- CAAA.. .NEEE, CA-NE, CANEEE! ! ! \ C’è da vergognarsi, accidenti per leggere CANE, neanche non lo conoscessi... ! \ E lui, poverino, coi goccioloni agli occhi e la testa bassa:- Che ti mangiasse!
Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI