• Ultimo Aggiornamento: Lunedì 28 Settembre 2020 - 10:16:59
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

18.33°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 54%
Vento: WNW a 8.08 K/H
Martedì
Per lo più soleggiato
10°C / 20.56°C
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
10.56°C / 21.11°C
Giovedì
Parzialmente nuvoloso
11.11°C / 21.67°C

A Samaèvar l’è rivat tla primavira del ’71, tri an dòp, mo ui pò staè,
an sem moiga una zità e diograèzia che quaicadeun u s’n’un sia daè!
Puch però quei dla rivoluziòun e tot furistir, i piò j avnoiva da Remin o zò da là,
j avòiva cavel longh da dòna, stoi pursì e in feva che rogg ‘d lòta e libertà.
U j era d’arnuvaè e’ cuntrat di canzuler, ròba gròsa par sti paraz,
mo lòu ‘d sindacaè, partoi e urganizaziòun, i s’n’un sbatòiva e’ caz.
J era lòu la nuvità, tot ròbi che a què da nòun al s’era vesti snò ma la televisiòun,
e quant ch’e raviet
la lòta deura , j òperai is faset dò risaèdi invici dla rivoluziòun.

Il ’68 a San Mauro
A San Mauro è arrivato nella primavera del ’71, tre anni dopo, ma ci può stare, \ non siamo mica una città e diograzia che qualcuno si sia accorto di questo affare! \ Pochi però quelli della rivoluzione e tutti forestieri, i più venivano da Rimini o poco più in là, \ avevano capelli lunghi da donna, vestiti alla buona e non facevano che gridare di lotta e libertà. \ C’era da rinnovare il contratto dei calzolai, cose grosse per queste paraggi, \ ma loro di sindacato, partiti e organizzazioni se ne sbattevano i cazzi. \ Erano loro la novità, tutte cose che qui da noi s’erano viste solo in televisione, \ e quando ebbe inizio la lotta dura, gli operai si fecero due risate invece della rivoluzione.


I zireva pr’e paiòis stal fazi strambli e un sa capoiva sèl ch’i vles ‘d bèl,
u j era coi che giòiva ch’l’era zengan o vagabond, mo un dòpmezdè e tachet e’ riturnèl:
“LE FABBRICHE AGLI OPERAI E LE SCARPE IN CULO AI PADRONI!”
E par piò ‘d dò stmaèni l’era toti atsta vergna,
e i deva s’una pasiòun che piò j andevaavaènti epiò e carsòiva la tegna.
I n’era una gran masa, però de’ casòin in feva unbel po’ tot i dè ,
e paròiva ch’in s’aves mai da stufé ej era sempra a lè,
tot al volti che j òperai j antraèva e iscapaèva da i purteun,
lòu, si cavellongh fena al spali, j era davaènti alfabrichi a rugé còuntra i padreun.
Quest i feva finta ‘d gnent, mo un po’ ‘dpepacheul u j era ciap,
parchè i faset un’ardota pr’avdòi sèl ch’us putòiva faèsa ste fat.
Tot i get la su, mo ui n’era eun ch’e feva dal bonanòti
ch’ui cascaèva la tèsta da toti chentcmè al pòiri còti.
Quant che pu l’avsòin ‘d scaranaui dette’ braz
parchè ui tucaèva ma leu a zcòr de’ fataz,
us stiret al brazi, e faset un gran sbadai,
e us ras-cet la gòula s’un mèz sgargai,
mo u j avnet in amòint i rogg ‘d chi quatar cavreun
ch’i giòiva ch’al scaèrpi a gl’ j era da met te’ cheul dipadreun,
alòura l’ingulet e’ catar e pu e get cunvòint d’avoitrov e’ rimedi par ste guai: 
-
  A ma racmand burdel, fema di nomarznin ch’j òintra mèi, un sa mai!

Giravano per il paese queste facce strane e non si capiva cosa volessero di bello, \ c’era chi diceva che erano zingari o vagabondi, ma un pomeriggio cominciò il ritornello: \ “ LE FABBRICHE AGLI OPERAI E LE SCARPE IN CULO AI PADRONI!” \ E per più di due settimane era tutti i giorni questa storia \ e ci davano con una passione che più andavano avanti e più cresceva la boria. \ Non erano molti, però della confusione ne facevano un bel po’ nei giorni seguenti, \ sembrava che non si dovesserò mai stancare ed erano lì, sempre presenti, \ tutte le volte che gli operai entravano ed uscivano dai portoni \ loro, coi capelli lunghi fino alle spalle, erano davanti alle fabbriche a urlare contro i padroni. \ Questi facevano finta di niente, ma era loro venuta un po’ di preoccupazione, \ perché fecero una assemblea per vedere cosa si poteva fare di questa questione. \ Tutti dissero la loro, ma c’era uno che faceva delle buonenotti \ che gli cascava la testa da tutte le parti come le pere cotte. \ Quando il vicino di sedia lo toccò nel braccio \ perché toccava a lui parlare del fattaccio, \ si stirò le braccia, fece un grande sbadiglio \ e si raschiò la gola con un mezzo gorgoglio, \ ma gli venne in mente le urla di quei quattro capelloni \ che dicevano che le scarpe erano da mettere in culo ai padroni, \ allora ingoiò il catarro e poi disse convinto d’aver trovato il rimedio per questi guai: \ - Mi raccomando ragazzi,facciamo dei numeri piccoli che entrano meglio, non si sa mai!


Al ròbi però al n’è andaèdi sempra lessi, senza cativeria o cunfusiòun,
che a forza ‘d daèi la bagòina la è s-ciòpa e l’è vnu fura un po’ ‘d tensiòun,
ù j è staè di mumoint duò che prinfena l’è vulaè di scapazeun
e, ròbi da na cròid, mo su j era da mnaè, j òperai i deva una maèna mi padreun!

Le cose però non andarono sempre lisce, senza cattiveria o confusione, \ che a forza di insistere la situazione scappò di mano ed emerse qualche tensione, \ c’è stato un momento dove sono persino volati dei ceffoni \ e, cose da non credere, ma se c’era da picchiare, gli operai davano una mano ai padroni!


U j è staè una volta ch’e paròiva che al ròbi al ciapes ‘na brota poiga
e vnet fura invici una ròba ch’us putòiva ènca roid s’u ni fos staè tot sta spoiga.
Davaènti ma la fabrica ‘d Rossi u j era un busilòt mèz pin ‘d mastizòun,
e un grupèt ‘d zuvnot de’ paiòis i paset da lè intaènt ch’ j andeva zirandlòun,
giost par faè quaicosa i i butet un furminaènt dòp avòi zòis un paèra ‘d zigarèti
e a lè par lè u s’è alzaè un bèla fiamba ch’la steva par rivé t al biciclèti.
Te’ vdòi acsè, eun ‘d chi burdlaz, par scansaèl da la straèda, un chelz u j à daè,
u l’à tirat te’ purtòun dla fabbrica che sobit l’à ciapaè fugh: òs-cia, un atentaè!
Un gn’era dobi, l’era staè chi sgrazié ‘d “Lotta Continua” ch’i la j avòiva si padreun
e acsè via ‘d cheursa dai carabinir a denunzié chi cavreun.
Quant che quest, ch’in gn’antraèva gnent, j è vnu a savòi ‘d sta brèta
i s’è incazé ‘d brot e i s’è mes a strulgaè sèl ch’us putòiva faè par vendèta.
E acsè s’j altoparlent munté sòura una machina sgangheraèda, i paset par tot al vì
a rogg bruteuri e numaz còuntra Rossi ch’l’avòiva ciamaè la pulizì,
parchè, sgònd a lòu, l’era staè leu a daè fugh me’ su purtòun
e par quèst i vlòiva faè savòi ma tot che Rossi l’era un gran quaiòun.

C’è stata una volta che sembrava che le cose prendessero brutte pieghe \ e invece ne uscì una cosa di cui si poteva anche ridere se non ci fossero state tutte queste beghe. \ Davanti alla fabbrica di Rossi c’era un bidone mezzo pieno di masticione, \ e un gruppetto di giovanotti del paese passarono di lì intanto che se ne andavano gironzolone, \ giusto per fare qualcosa gli gettarono un fiammifero dopo aver acceso un paio di sigarette \ e immediatamente si alzò una bella fiamma che stava per lambire le biciclette. \ Nel vedere così, uno di quei ragazzi per scansarlo dalla strada, un calcio gli ha dato, \ e la gettato nel cancello della fabbrica che subito ha preso fuoco: ostia, un attentato! \ Non c’erano dubbi, erano stati quei disgraziati di “Lotta Continua” che ce l’avevano coi padroni \ e così via di corsa dai carabinieri a denunciare quei capelloni. \ Quando questi, che non c’entravano niente, vennero a sapere di questa cosetta, \ s’ arrabbiarono di brutto e si misero a inventare cosa si poteva fare per vendetta. \ E così con gli altoparlanti montati su una macchina sgangherata, passarono via per via \ a urlare brutture e nomacci contro Rossi che aveva chiamato la polizia, \ perché secondo loro, era stato lui a dare fuoco al suo portone \ e per questo volevano far sapere a tutti che Rossi era una grande coglione.


U n’era moiga tot a què, parchè intaènt l’era rivat un ènt grupèt ‘d zuvnot ben radané,
òrca quest, j era acsè istruoi ch’i zcuròiva cmè di loibar stampé.
Quei ‘d “Lotta Continua”, vest che a què l’an s’vanzòiva la rivoluziòun,
j era intaènt sparoi da fat da la circulaziòun.
Quest invici j ‘era de’ “Il Manifesto”: lauréé, diplumé, prufeseur,
ou, in feva che zcòr dla “classe operaia” e di lavuradeur.
J era acsè nurmel e puloi che prinfena tla caèsa de’ prit i faset una riuniòun,
mo ma la dmanda su j era d’j òperai tla salèta, us santoiva snò vulaè un bugaròun.
Però us vòid ch’j avòiva samné ben parchè quant che ènca lòu i s’n’andet,
un grop ‘d zuvnot de’ pòst par mandaè avaènti la rivoluziòun i s’impgnet.
U s’è andaè avaènti acsè fena al vutaziòun de’ ’72, una primavira da scurdaè,
quant che tla lesta, i partoi dla sinestra j era piò di su eleteur, quèst e’ pcaè!
Ui n’era adiriteura quatar nuv piò du ‘d chi vecc che da sempra i s’era daè da faè,
me’ PSIUP, un partoi ‘d’un milion e mèz ‘d vut che temp pròima l’avòiva garavlaè,
u ni scatet e’ “quorum” e un ciapet gnenca un pòst te’ parlamòint,
acsè, cheunt a la maèna, u s’era mandaè a maèl un miliòun ‘d vut int un mumòint.
E doi ch’e paròiva che tot j aves da vutaè a sinestra e ch’i fos par la rivoluziòn,
invici: dò pali caèldi, e granda e la fot la delusiòun!
E quei ch’ j era cuntint che la sinestra la j aves ciapaè una bèla batòsta,
i giòiva: PSIUP, “Partito Scomparso In Un Pomeriggio” e da madaè zò la era tòsta.
Ah, u j era ènca “Il Manifesto” tla lesta di partoi da vutaè,
a Samaèvar e ciapet dògg vut, e’ ‘68 l’è finoi a lè e adès u j è snò da ciacaraè!

Ma non fu tutto qui, perché intanto era giunto un altro gruppo di giovanotti ben acconciati, \ urca questi, erano così istruiti che parlavano come libri stampati. \ Quelli di “Lotta Continua”, visto che qui non si vinceva la rivoluzione, \ erano intanto spariti del tutto dalla circolazione. \ Questi invece erano de “Il Manifesto”: laureati, diplomati, professori, \ ohi, non facevano che parlare della “classe operaia” e dei lavoratori. \ Erano così normali e puliti che persino nella casa parrocchiale fecero una riunione, \ ma alla domanda se c’era un operaio nella saletta, si sentiva solo il volo di un moscone. \ Però si vede che avevano seminato bene perché quando anche loro se ne andarono, \ un gruppo di giovinotti del posto per mandare avanti la rivoluzione si impegnarono. \ Le cose sono andate avanti così fino alle votazioni del ’72, una primavera da dimenticare, \ quando in lista, i partiti della sinistra erano più dei suoi elettori,questo il brutto affare! \ Ce n’erano addirittura quattro nuovi più due di quelli storici che da sempre si erano dati da fare, \ al PSIUP, un partito d’un milione e mezzo di voti che tempo prima aveva potuto racimolare, \ non scattò il “quorum” e non prese neanche un posto in parlamento, \ così, conti alla mano, si era sprecato un milione di voti in un momento. \ E dire che sembrava che tutti votassero a sinistra e che fossero per la rivoluzione, \ invece: due palle calde, e grande fu la delusione! \ E quelli che erano contenti che la sinistra avesse preso una bella batosta, \ dicevano: PSIUP, “Partito Scomparso In Un Pomeriggio”, e da digerire era tosta. \ Ah, c’era anche “Il Manifesto” nella lista dei partiti da votare, \ a San Mauro prese dodici voti, il ’68 è finito lì e adesso non rimane che chiacchierare!

Pin It