Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mostly Clear

5°C

Mostly Clear
Umidità: 89%
Vento: SSW a 4.35 K/H
Domenica
Acquazzoni
2.78°C / 8.89°C
Lunedì
Piogge Sparse
0°C / 4.44°C
Martedì
Soleggiato
-1.67°C / 6.67°C

L’è staè e’ pròim sendich capaè s’agl’j eleziòun
dòp ‘d la guèra che a Samaèvar la purtet morta e distruziòun.
L’era eun che vlòiva poc’aqua te’ vòin,
d’ògni taènt e pardòiva la pazinzia e l’era pez ‘d una fulaèda ‘d garbòin.
Sucialesta e ‘d bona fameja, u n gn’a mancaèva steudi e temperamòint,
mo i su svarieun a Samaèvar i s’è sempra racheunt s’un gran divertimòint.

È stato il primo sindaco scelto con le elezioni \ dopo la guerra che a San Mauro arrecò morte e distruzioni. \ Era uno che voleva poc’acqua nel vino, \ ogni tanto perdeva la pazienza ed era peggio di una folata di garbino. \ Socialista e di buona famiglia, non gli mancavano studi e temperamento, \ ma le sue gaffe a San Mauro si sono sempre raccontate con un grande divertimento.


Quèl che te’ pajois ad piò us cnòs e che mi fiul u j e racòunta i geniteur,

l’è ‘d cla volta che te’ cumeun e rizevet una squaèdra ‘d profeseur.
J era a què par zcòr ‘d Pascoli e l’era di gran sbureun,
tot suget ch’i pasaèva e’ su temp cuvé sòura mocc ‘d libreun.
Se’ sti bon da la dmenga e la fasa ‘d tri culeur strèta ma la paènza,
ui purtet tla saèla de’ cunsei cumunaèl par cminzé l’adunaènza,
e, zà che a Samaèvar l’era un pez ch’us vlòiva i rest de’ pueta sploi in tuscaèna,
un faset che zcòr ‘d sta ròba e ch’u n’era giost ch’e stes int cla tèra luntaèna.
Ui mitet una pasiòun che a la fòin da la fròunta ui culaèva e’ sudòur,
e alòura, te’ vdòi acsè, ui get un vècc profesòur:
- Signor sindaco, non si alteri così tanto, pensi positivo,
non c’è ragione di prendersela per questo motivo,
lo spirito del poeta aleggia sulla vostra cittadina,
è sempre presente dalla sera alla mattina;
è uno spirito che si respira ovunque: nell’aria, per le strade, sulle case,
che avvolge e permea tutte le cose,
cosa volete di più per i vostri cittadini?
- Ma che spirito e spirito, noi del poeta vogliamo gli ossi! E tunet Bianchini.

Ciò che nel paese più si conosce e che ai figli lo raccontano i genitori, \ è di quella volta che nel municipio ricevette un gruppo di professori. \ Erano qui per parlare di Pascoli ed erano degli sapientoni, \ tutti individui che trascorrevano il loro tempo chini su montagne di libroni. \ Col vestito buono della domenica e la fascia tricolore stretta alla pancia, \ li portò nella sala del consiglio comunale per dare inizio all’adunanza, \ e, considerato che a San Mauro era da tempo che si volevano i resti del poeta sepolti in Toscana, \ non fece che parlare di questo fatto e che non era giusto che restasse in quelle terra lontana. \ Ci mise tanta passione che alla fine dalla fronte gli scendeva il sudore, \ e allora, nel vedere così, gli disse un vecchio professore: \ - Signor sindaco, non si alteri così tanto, pensi positivo, \ non c’è ragione di prendersela per questo motivo, \ lo spirito del poeta aleggia sulla vostra cittadina, \ è sempre presente dalla sera alla mattina; \ è uno spirito che si respira ovunque: nell’aria, per le strade, sulle case, \ che avvolge e permea tutte le cose, \ cosa volete di più per i vostri cittadini? \ - Ma che spirito e spirito, noi del poeta vogliamo gli ossi! Tuonò Bianchini.



- Vut ch’e staga ben?
i giòiva quei ‘d Samavromare quant ch’j era tot insen
- e ven i turesta a maròina
e in trova gnenca e’ beus d’una latròina!
Alòura e’sendich un bèl dè e riunet la cumisiòun
e i faset una scapaèda se’ pòst par risolv la quis-ciòun.
- A la putresmi faè a què !
E giòiva e’ sendich sgnend un bèl praè.
- Òsta, mo a què propi na, quèl l’è e’ mi cantir...!
E ruget sobit e’ padròun ‘d cla tèra incazaè nir.
- Alòura la s’putreb faè a là!
- Tòòòh, quèl l’è l’ort ch’u m’à lasé la mi ma... !
E det sò un ènt s’la babossa ch’la i tarmaèva
e che s’una maèna ma la malèta u s’atacaèva.
- Bsògna dòunca ch’andema vers d’in sò !
- Na, na, che pèz ‘d tèra l’è tot què1 ch’a j ò... !
E vnet fura un umarein ch’e paròiva ch’u n’un vles,
mo s’una tegna ch’un sa capòiva in duvò ch’u la truves.
- O capoi, ò capoi - e get e’ sendich – l’è tot cèr,
andema pu, s’la i scapa, i la farà int e’ maèr!


- Vuoi che stia bene? - \ Dicevano quelli di San Mauro Mare quando erano tutti insieme \ - vengono i turisti a marina \ e non trovano neanche il buco di una latrina! \ Allora il sindaco un bel giorno riunì la commissione \ e fecero un’uscita sul posto per risolvere la questione. \ - La potremmo fare qui! \ Diceva il sindaco indicando un bel prato che era lì. \ - Osta, ma qui proprio no, quello è il mio podere... ! \ Urlò subito il padrone di quella terra arrabbiato nero. \ - Allora la si potrebbe fare là ! \ -Toooh, quello è l’orto che mi ha lasciato la ma...! \ Saltò su un altro col mento che gli tremava \ e che con una mano allo scroto si attaccava. \ - Bisogna dunque andare più su! \ - No, no, quel pezzo di terra è tutto quello che ho quaggiù... ! \ Venne fuori un ometto che sembrava non ne volesse, \ ma con una grinta che non si capiva dove la prendesse. \ - Ho capito, ho capito - disse il sindaco – le cose sono chiare, \ andiamo pure, se gli scappa, la faranno nel mare!



L’era un bèl po’ ‘d volti che un por sgraziè
l’andeva da e’ sendich parchè leu e la mòi j era spré:
- Sgnòur sendich, a n’ò piò la caèsa, te’ mèz d’una straèda i sa cazaè,
mè e la mi mòi an savem piò in duvò andaè,
a sem sla scòina de’ buratèl, a sem vecc, an putem andaè sòta un pòunt,
ch’u s’la daga leu la caèsa, ona pursì, che sapa che neun ai fem còunt,
mo in pressia che se l’inveran l’aroiva
a girem ‘d slunghela, mo par neun la è finoida!
E’ sendich e ciapaèva temp, duvò ch’u la truvaèva una caèsa da chi dè?
E’ temp e pasaèva e cl’òm ui steva dòs e u n’e laseva campaè.
Cio, l’era dvent ‘na ròba griva, pez d’un gat tacaè mi mareun,
un gn’era volta ch’un gn’arcurdes che leu e la mòi j era sparguieun,
ul zarcaèva te’ cumeun, te’ bar o ul farmaèva ma la straèda su l’incuntraèva,
e l’era sempra cla vergna, sempra la caèsa ui dmandaèva:
- Sendich, la caèsa, ch’um faza una caèsa,
ò bsògn dla caèsa par mè e la mi mòi, sendich: la caèsa…!
Una matòina che e’ sendich e po’ l’ès ch’l’aves la leuna storta,
pròima d’antraè te’ cumeun, l’incuntret ste taèl ch’u l’aspitaèva sla porta,
stof alòura ‘d cla cieula, ui get da sèch pròima d’andaè sò:
- T vu la caèsa, vin sa mè ch’a tla faz sobit e pu an gn’a pansem piò!
Ul purtet te’ su ufoizi, e ciapet un foi biench e un lapis nir,
e e cminzet a disigné una caèsa cmè se fos un inzgnir:
- Vé, a què a t faz la cusòina, a què la cambra da lèt,
e tacaè a lè ai met e’ gabinèt,
sòura a t’i met i cop e e’ camòin che una caèsa acsè la j à invel,
e pu s’l’an t basta, tòh, a t faz ènca la cambra di burdel.
Finoi ‘d faè sti scarabocc, ui det e’ foi pin ‘d righeun:
- Toh, ciapa la tu caèsa e adès tut da e’ caz e n’u vin piò a ròmp i quaieun!
Ste sgraziadaz dis ch’l’andeva in zoir pr’e pajòis s’la faza rasaieda
e’ foi t al maèni e ma tot ui mustraèva la caèsa disigneda
- Guardé, quèsta l’è caèsa ch’u m’à fat e’ sendich te’ su ufoizi a lasò,
u m’à fat prinfena la cambra pr’i burdel, mu mè, che i fiul an gn’ò!

Era un bel po’ di volte che quel povero disgraziato \ andava dal sindaco perché lui con la moglie era disperato: \ - Signor sindaco, non ò più la casa, nel mezzo di una strada ci hanno cacciati, \ io e mia moglie non sappiamo più dove andare siamo disperati, \ siamo sulla schiena dell’anguilla, siamo vecchi, non possiamo andare sotto un ponte, \ ce la dia lei la casa, una qualsiasi, sappia che noi ci facciamo conto, \ ma in fretta che se l’inverno arriva, \ diremo di allungarla, ma per noi è la deriva! \ Il sindaco prendeva tempo, una casa in quei giorni dove l’andava a trovare? \ Il tempo passava e quell’uomo gli stava addosso e non lo lasciava campare. \ Ohi, era diventata una cosa pesante, peggio di un gatto appeso ai maroni, \ non c’era volta che non gli ricordasse che lui e la moglie erano gironzoloni, \ lo cercava nel comune, nel bar o lo fermava per strada se lo incontrava, \ ed era sempre la stessa storia, sempre la casa gli domandava: \ - Sindaco, la casa, mi faccia una casa, \ ho bisogno della casa per me e mia moglie, sindaco: la casa…! \ Una mattina che il sindaco forse aveva la luna storta, \ prima di entrare nel municipio, incontrò questo tale che lo aspettava sulla porta, \ stufo allora di quella lamentazione, gli disse bruscamente prima di salire su: \ - Vuoi la casa, vieni con me che te la faccio subito e poi non ci pensiamo più! | Lo portò nel suo ufficio, prese un foglio bianco e una delle matite nere, \ e cominciò a disegnare una casa come se fosse un ingegnere: \ - Guarda, qui ti faccio la cucina, qui la camera da letto, e accanto ci metto il gabinetto, \ sopra ti ci metto i coppi e il camino che una casa così non ce l’hanno molti cittadini, \ e poi se non ti basta, ecco, ti faccio anche la camera dei bambini. \ Terminato di fare questi scarabocchi, gli consegnò il foglio pieno di rigoni: \ - Toh, prendi la tua casa e adesso togliti di torno e non venire più a rompere i coglioni! \ Questo poveraccio si dice che andasse in giro per il paese con una faccia rabbuiata \ il foglio nelle mani e a tutti mostrava la casa disegnata: \ - Guardate, questa è la casa che mi ha fatto il sindaco nel suo ufficio lassù, \ mi ha fatto perfino la camera per i bambini, a me, che figli non ne ho più!

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

Stanno lavorando per noi

Pubblicato il 14.01.2021 - Categoria: Vignette

ULTIMI COMMENTI