• Ultimo Aggiornamento: Lunedì 28 Settembre 2020 - 10:16:59
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

20°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 40%
Vento: WNW a 5.59 K/H
Martedì
Per lo più soleggiato
10°C / 20.56°C
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
10.56°C / 21.11°C
Giovedì
Parzialmente nuvoloso
11.11°C / 21.67°C
Quèst l’è un samavròis naseu te’ melaòtzent e un po’e che da garibaldòin
l’à fat al guèri par l’unità dl’Itaglia meritendsi dò-trè mudaji mo gnent quatròin,
e acsè, arturnaè ma caèsa, u s’era cnu met a tajé la legna se’ su fradèl,
e quei d’una volta j arcorda che spès i sa ragneva sa biastòimi e bòti da faès maèl.
Mo i vòint ‘d setembar, e’ dè dl’antraèda a Roma da Porta Pia, e cambieva faza,
e s’la camoisa ròssa e al mudaji me’ pèt, e muntaèva se’ paèlch tla piaza.
L’era staè invidé dagl’j autorità de’ pajòis a doi dò paroli par cla fèsta,
i dè pròima u j avòiva ènca pansaè, mo se’ mumòint u j à vnet ‘na ròba fura ‘d tèsta:
   - Il Baldinini sarebbero capace di sberagliare il nemico che rinculava
     e che adès ul sa l’òs-cia dla madòna duò ch’us sia!
Tot a roid, mo cla volta u j era ènca Pascoli, e’ pueta, a staèl da santoi,
(mè però a ni scumitria un fraènch che sta sturièla la sia vèra cmè ch’i la doi),
e che pena finoi che zcòurs:- Bravo Sberaglia! U j à vreb det,
e ste sòranum un gn’è chesch piò e da cla volta acsè tot il ciamet.

Eugenio Baldinini
Questi è un sammaurese nato nel milleottocento e un po’ e che da garibaldino \ partecipò alle guerre per l’unità d’Italia meritandosi due-tre medaglie ma neanche un quattrino, \ e così, tornato a casa, si era dovuto mettere a tagliare la legna col suo fratello, \ e quelli di una volta ricordano che spesso si litigavano con bestemmie e botte da fare un macello. \ Ma il venti settembre, il giorno dell’entrata a Roma da Porta Pia, cambiava aspetto, \ e saliva sul palco nella piazza con la camicia rossa e le medaglie al petto, \ era stato invitato dalle autorità del paese a dire due parole per quella festa, \ i giorni precedenti ci aveva anche pensato, ma sul momento gli venne una cosa fuori di testa: \ - Il Baldinini sarebbero capace di sberagliare il nemico che rinculava \ e che adesso lo sa l’ostia della madonna dove sia! \ Tutti a ridere, ma quella volta c’era anche Pascoli, il poeta, a starlo a sentire, \ (io però non ci scommetterei una lira che questa storia sia vera come si sente dire), \ e che appena finito quel discorso:- Bravo Sberaglia! Lo avrebbe apostrofato, \ e questo soprannome non gli è più svanito e da quella volta tutti così l’hanno chiamato.




Mo stal mudaji voita longa al n’avet,
che par pagaè i debit u li cnet vend, mo pu us pantet,
e e fot alòura che Pascoli, e stavolta e paèr da bon ch’us fos inpgné,
e faset in modi che e’ gueran ui n’un des dagl’j elti cmè quèli ch’u s’era merité.
E quant che te’ novzent e dis, i faset fèsta me’ pueta ch’e a Samaèvar l’era vneu,
j arscunsgnet al mudaji m’un Sberaglia cuntent cmè una pasqua de’ rigal aveu.
Pròima d’andaè vi, Pascoli d’un caènt ul ciapet
e t’un’urècia s’un foil ‘d vòusa ui sufiet:
   - Tè però al mudaji ta t li siri bbeudi!
E Sberaglia u j arspundet su na gran sbacaraèda
che la zenta la j arvanzet, parchè in l’avòiva santoi mai a faès una risaèda.


Ma queste medaglie vita lunga non ebbero, e così, \ per pagare i debiti le dovette vendere, ma poi si pentì, \ e fu allora che Pascoli, e stavolta sul serio sembra si fosse impegnato, \ e fece in modo che il governo gliene desse delle altre uguali a quelle che si era meritato. \ E quando nel novecentodieci, fecero festa al poeta che a San Mauro era venuto, \ riconsegnarono la medaglia a uno Sberaglia contento come una pasqua per il regalo ricevuto. \ Prima di andare via, Pascoli in un angolo lo fermò \ e in un orecchio con un filo di voce gli sussurrò: \ - Tu però le medaglie te le eri bevute! \ E Sberaglia gli rispose con una grande sghignazzata \ che la gente restò meravigliata, perché non l’avevano sentito mai farsi una risata.




Un dòpmezdè pursì i su dla fameja il mandet ma la Tòra a to e’ vòin
parchè ma caèsa l’era finoi e l’era vaènz snò un fònd ‘d sidòin.
E tulet sò una damigiena da vintzòinqu loitar e u s’aviet in cumpagnì:
un amoigh ch’u l’aiutes a strabighela una volta pina, ma la straèda da faè a pi.
I s’aviet vers la Tòra ch’l’era poch più dal trè,
e quèl ch’i sepa fat dòp, ugneun u j aroiva a capoil da par sé.
E’ temp e pasaèva, e cminzeva a faè scheur e i deu in s’era vest arturnaè
e quei dla caèsa ch’i l’aspitaèva par magné, in savòiva più ch’sèl pansaè.
Al sèt pasaèdi, s’la damigiena svuita e al gambi ch’al fadigheva a staè dreti, j arivet:
   - Mo e’ vòin? Duv’èl e’ vòin? I i dmandet.
Sberaglia tartajend ‘d brot e s’un gran fié da imbariagòt, e tachet a biastmé:
   - Pòrco quèst e pòrco quèl, òz ma la Tòra e’ vòin i ne deva; par gnent ò fadighé!

Un pomeriggio qualsiasi i suoi della famiglia lo mandarono alla Torre a prendere il vino \ perché in casa era finito ed era rimasto solo un fondo di acetino. \ Prese su la damigiana da venticinque litri e si avvio in compagnia: \ un amico che gli avrebbe dato una mano a trasportarla una volta piena, a piedi lungo la via. \ S’avviarono verso la Torre che erano poco più delle quindici, \ e ciò che fecero dopo, ciascuno arriva a capirlo da solo. \ Il tempo passava e cominciava a fare scuro e i due non si erano visti tornare \ e quelli della casa che li aspettavano per cenare, non sapevano cosa pensare. \ Alle diciannove trascorse, con la damigiana vuota e le gambe che faticavano a stare ritte, giunsero: \ - Ma il vino? Dov’è il vino? Gli chiesero. \ Sberaglia balbettando di brutto e con un alito pesante da ubriaco, iniziò a bestemmiare: \ - Porco questo e porco quello, oggi alla Torre il vino non lo davano; per niente ho dovuto faticare!



Bèla vècc i l’invidet t’una fèsta tla paròchia parchè u s’era ardot da faè cumpasiòun,
mo dòp a un po’ ‘d bicir ‘d sanzvòis l’era tòinch cmè un lumbardòun.
Us savòiva che quant ch’e zcuròiva se’ vòin ch’ui deva tla tèsta
l’era tot da roid e e feva piò bèla la fèsta,
e acsè un grupèt ‘d pritòin, ancòura fresch ‘d seminaèri, i cminzet a rogg scadné:
   - Discorso…discorso…!!!
E za j avòiva cminzé a roid e a quajunaèl da malduché.
Leu te’ prinzoipi e giòiva ‘d na e us tireva indrì,
mo quant ch’us s’n’infaset ch’il vlòiva ciapaè pr’e cheul, u s’alzet in pi;
s’una gran ‘d fadoiga e muntet sla scarana e, s’un po’ ‘d tarmasòun,
da lasò ui det a gran vòusa la su benediziòun:
   - Viva Garibaldi e abbasso i preti!
Niseun e ridet e leu, tra e’ silenzi e e’sgobi ‘d cla zenta, u s’infilet capèl e capòt,
e ciapet la porta senza doi quèl e e us pardet te’ scheur in quatar e quatròt!

Oramai vecchio l’invitarono ad una festa in parrocchia perché si era ridotto da far compassione, \ ma dopo un po’ di bicchieri di sangiovese era cotto come un lombardone (merluzzo essiccato). \ Si sapeva che quando parlava col vino che gli andava alla testa \ era tutto da ridere e rendeva più divertente la festa \ e fu così che un gruppo di giovani preti, ancora freschi di seminario, iniziarono a urlare scatenati: \ - Discorso… discorso…!!! \ E già avevano iniziato a ridere e a canzonarlo da maleducati. \ Lui all’inizio si scherniva, si tirava indietro e diceva di no, \ ma quando si accorse che lo volevano prendere in giro, in piedi si alzò; \ con grande fatica salì sulla sedia e, con un po’ di trepidazione, \ da lassù diede loro a gran voce la sua benedizione: \ - Viva Garibaldi e abbasso i preti! \ Nessuno rise e lui, tra il silenzio e lo sgomento di quella gente, si infilò cappello e cappotto, \ prese la porta senza dire alcunchè e sparì nel buio in quattro e quattrotto!
Pin It