Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mostly Clear

14.44°C

Mostly Clear
Umidità: 50%
Vento: SSW a 4.35 K/H
Domenica
Temporali sparsi
9.44°C / 17.22°C
Lunedì
Acquazzoni
10°C / 18.89°C
Martedì
Per lo più soleggiato
8.89°C / 20.56°C
U j era una volta la faèna tla campagna e tla zità,
e paèr una fola det òzdè, invici l’è tota verità.
E magné bsugneva strulgaèl e agl’j azdòuri agl’j andeva là vaieun,
sò e zò tra chi cantir par rimidié una faldaèda d’erbi o ‘d rosli pr’i caseun.
Dal volti us ras-ceva e’ fònd dla matra pr’un pèz paèn ingiandloi
o e’ sach dla faròina par smurtaè dò pidi da faè un cunsòun ‘d radecc poch cundoi.
Mi burdel znin quant che de’ lat ma la tèta u n’i n’era piò da ciucé,
u si feva i masgot e se a racuntaèla e fa un po’ schiv, quèl l’era e’ magné.
La ma is mitòiva ‘d bòca e’ paèn sèch o la pida vaènza, pr’un po’ la la biasaèva
fena a che, impastaèda se’ su speud, tota morbjia la dvantaèva,
la s’ cavaèva pu da la bòca cal palini, la li standòiva sòura la tvaia o t’un piat
e ona par ona la li insticaèva ‘d bòca me’ burdèl cmè che da sempra u s’era fat.
L’era guasi sempra la ma ch’la si mitòva dri ma sti piciòin,
mo una volta:- Um fa maèl i dint – la get me’ maroid - t ai pu faè tè i masgutòin?
Quèst un se faset doi dò volti, e spudet la ceca de’ zigar ch’l’era òuri ch’u la ciuceva
e che u la tnòiva strèta tra la zanzeia e la ganasa cmè ch’e da chi timp u s’useva.
J oman ch’i fumeva e’ tuscaèn, l’eutum pzulin i ne buteva moiga vi,
puloi da la zendra, il cicheva parchè l’umòur de’ tabach ui tnòiva cumpagnì.
St’òm us mitet a biasè e’ paèn sèch, e quant che i masgot j era preunt
e in foila se’ tulir pr’infilei ‘d bòca me’ fiol, i paròiva eunt,
j avòiva ciap e’ culòur de’ tabach de’ tuscaèn, un brot marunzin,
mo quei e cnet magné e dis ch’ui faset ènca fèsta che por burdlin.


I giorni della fame
C’era una volta la fame nella campagna e nella città, \ sembra una favola detta oggigiorno, invece è tutta verità. \ Il cibo bisognava inventarlo e le donne di casa andavano nei paraggi gironzoloni, \ su e giù tra i campi per rimediare un grembata di erbe o di rosolacci per i cassoni. \ Delle volte si raschiava il fondo della madia per un pezzo di pane rinsecchito \ o il sacco della farina per fare due piade da imbottire con del radicchio poco condito. \ Ai bambini piccoli quando di latte al seno non ce n’era più da succhiare \ si facevano loro i bocconi masticati e se a raccontarla fa un po’ schifo, quello era il mangiare. \ La mamma si metteva in bocca il pane secco o la piada rimasta, per un po’ la masticava \ fino a che, impastata con la sua saliva, tutta morbida diventava, \ si toglieva poi di bocca quelle palline, le stendeva sopra la tovaglia o in un piatto \ e una per una le infilava in bocca al bambino come da sempre si era fatto. \ Era quasi sempre la mamma che si metteva dietro a queste lavorini, \ ma una volta:- Mi fanno male i denti – disse al marito – li puoi fare tu i bocconcini? \ Questi non se lo fece dire due volte, sputò la cicca del sigaro che da ore succhiava \ e che la teneva stretta tra la gengiva e la mascella come in quei tempi si usava. \ Gli uomini che fumavano il toscano, l’ultimo pezzettino non lo buttavano via, \ ripulito dalla cenere, lo succhiavano perché il sapore del tabacco teneva loro compagnia. \ Quest’uomo si mise a masticare il pane secco, e quando i bocconi erano pronti \ e in fila sul tagliere per infilarli in bocca al figlio, sembravano unti, \ avevano preso il colore del tabacco del toscano, un brutto marroncino, \ ma quelli dovette mangiare e si dice che gli facesse anche festa quel povero bambino.





L’era bèla sòira e l’azdòura la n’avòiva ancòura pruvdeu par la zòina,
la andet ‘d cheursa a vdòi tla matra t’un cantòun dla cusòina,
mo gnenca se’ fònd u j era un pèz ‘d paèn sèch pr’un pancòt longh, longh,
o par pruvaè a faè un piat ‘d sopa par zarcaè ‘d impinoi un po’ e’ stongh.
U s’era ras-cé ènca la pòrbia te’ sach dla faròina,
u j avnoiva da pienz int e’ vdòi cmè ch’la s’era ardota, la puròina!
E pu la tachet a pansaè me’ su fiol ch’l’era a faè una guèra luntaèna,
me’ su maroid che s’la j andeva ben e lavuraèva du dè dla stmaèna
e ch’e ciapaèva quatar suld ch’in bastaèva a gnenca pr’una zurnaèda
e alòura par sfugaè la tegna, la ciapet e’ mangh dla garnaèda
e la cminzet a daè dal gran bòti me’ ritrat de’ duce stampaè s’una cartulòina,
che e’ fiol pròima ‘d partoi suldaè l’avòiva tacaè sò ma porta dla cusòina.
   - Toh – la rugeva pina ‘d rabia – ciapa quèsta e quèsta, boia d’un sgrazié,
     ch’l’è tota coipa tu se stasòira un gn’è da magné.


Era oramai sera e la donna di casa non aveva ancora provveduto alla cena, \ andò di corsa a vedere nella madia in un angolo della cucina, \ ma neanche sul fondo c’era un pezzo di pane secco per un pancotto con acqua allungato, \ o per provare a fare un piatto di zuppa per cercare di riempire un po’ lo stomaco affamato. \ Si era raschiato anche la polvere nel sacco della farina, \ le veniva da piangere a vedere come si era ridotta, la poverina! \ E poi cominciò a pensare a suo figlio che era a fare una guerra lontana, \ a suo marito che se gli andava bene lavorava due giorni alla settimana \ e che prendeva quattro soldi che non bastavano neanche per una giornata \ e allora per sfogare la rabbia, prese il manico della granata \ e cominciò a dare delle grandi botte al ritratto del duce stampato su una cartolina, \ che il figlio prima di partire soldato aveva appeso sulla porta della cucina. \ - Toh – urlava piena di rabbia – prendi questa e questa boia, di un disgraziato, \ che è tutta colpa tua se stasera non c’è nulla di apparecchiato!



Tla caèsa ‘d Mazòt j avòiva tacaè sò me’ leun a petroli
una renga còta sla stova t’una caèrta zala òunta s’un cech d’oli.
La zenta dla fameja disdòi datònda ma la taèvla parceda
j avòiva tal maèni un quadrèt ‘d pida ‘d pulenta un cinin bruseda,
in stacaèva un pzulin, i deva una striseda tla renga e pu i la biaseva,
eun a la volta e senza arfiadaè, pien, pien, sa quèla tot i magneva.
A ròmp l’armunì u si mitet e’ fiol ‘d mèz
che dla pida u s’n’era zà preparaè un bel pèz,
e quant ch’ui tuchet ma leu a smulgaè la pida tla renga salaèda,
ul faset d’un caènt e da cl’èlt tot cuntent dla su pansaèda,
mo un faset gnenca in tempo a metsla ‘d bòca
che da didrì u j arivet un tuzòun tla còpa:
   - Brot lòv - ui ruget e’ su ba –
     l’àn s’po’ faè sta ròba che qua!


Nella casa dei “Mazòt” avevano appeso al lume a petrolio \ una aringa cotta sulla stufa in una carta gialla con un goccio d’olio. \ La gente della famiglia seduta attorno alla tavola apparecchiata \ avevano in mano un quadretto di piada di polenta un tantino bruciata, \ ne staccavano un pezzettino, davano una strisciata nell’aringa e poi la masticavano, \ uno alla volta e senza fiatare, piano, piano, con quella tutti mangiavano. \ A rompere l’armonia ci si mise il figlio di mezzo \ che della piada se n’era preparato un bel pezzo, \ e quando toccò a lui intingere la piada nell’aringa salata, \ lo fece da una parte e dall’altra tutto contento della sua pensata, \ ma non fece neanche in tempo a mettersela in bocca \ che da dietro gli arrivò uno scapaccione nella coppa: \ - Brutto goloso - gli urlò suo babbo - \ non si può fare questa cosa qua!



L’era e’ mezdè e datònda ma la taèvla disdòi ti scaraneun,
i Migiòti j era preunt a magné i macareun.
E’ ba sla supira tal maèni e pasaèva a faè la divisiòun
e ma tot ui laseva te’ piat la su purziòun.
U n’avòiva ancòura finoi e’ zoir che sobit u s’alzet i lamoint
parchè i burdel i guardaèva te’ piat ‘d chilt e dal paèrti fati i n’era cunvoint:
   - Òs-cia acsè un vaèl, ma leu t’ai n’è daè ‘d piò…
   - Na, u n’è vèra, i tu j è piò…
   - Guerda ma leu, l’à e’ piat pin,
     i mi invici j è acsè puch ch’in basta gnenca pr’un gazutin!
Cio, u ni n’era eun che fos cuntent, tot j avòiva da ruinlé e in steva zet ,
alòura e’ ba e tiret quatar moqual sech e un rugiaz da faè tarmaè e’ sufet:
   - Bun a lè, adès tot i macareun tla supira ai svuité,
     us fa inquèl d’arnov e e’ pròim ch’e ciacra e sta senza magné!


Era mezzogiorno e attorno alla tavola seduti nei seggioloni, \ i “Migiòti” erano pronti a mangiare i maccheroni. \ Il babbo con la zuppiera in mano passava a fare la divisione \ e a tutti lasciava nel piatto la sua porzione. \ Non aveva ancora finito il giro che subito si alzarono i lamenti \ perché i bambini guardavano nel piatto degli altri e delle parti effettuate non erano contenti: \ - Ostia così non vale, a lui ne hai dati di più… \ - No, non è vero, i tuoi sono di più… \ - Guarda lui, ha il piatto pieno, \ i miei invece sono così pochi che non bastano neanche per un uccellino! \ Ohi, non ce n’era uno che fosse contento, tutti aveva qualcosa da mugugnare e nessuno stava zitto, \ allora il babbo tirò quattro moccoli secchi e un urlaccio da far tremare il soffitto \ - Buoni lì, adesso tutti i maccheroni nella zuppiera sono da svuotare, \ si fa tutto di nuovo e il primo che chiacchiera sta senza mangiare!



Mo la storia che a Samaèvar i sa guasi tot senza bsògn ‘d studié,
l’è quèla Sajarro, eun che par tot la su voita u n’à fat che pansaè me’ magné.
L’avòiva sempra faèna e una sòira ch’ l’era a Santarcanzal a nòta fònda,
s’ un stòngh svuit ch’u si turzòiva al budeli sa di mogg ch’is santoiva lè datònda.
Bsugneva met qualcosa sòta i dint, mo da cl’òura l’era ceus dimpartot,
u j era però d’in èlt una finèstra se’ leun ancòura zòis didrì di voidar rot .
E sunet e’ campanèl dla porta e quant che la sgnòura la s’afazet,
Sajarro us faset avaènti e ui dmandet:
   - Sgnòura, scusé l’òura, mo um s’è spech un butòun ma la bartavèla di calzeun,
     am putoi buté un aègh se’ foil ch’a me tach da par mè sòta i lampieun?
   - Sé, sé, mo sa ve toir da quasò
     e va pers int che scheur ch’u j è a lazò!
   - A voi rasaòun sgnòura,
     infilel t’un filòun ‘d paèn alòura!


Ma la storia che a San Mauro quasi tutti conoscono senza studiare, \ è quella di Sajarro, uno che per tutta la vita non ha fatto che pensare al mangiare. \ Aveva sempre fame e una sera che era a Santarcangelo a notte fonda, \ con un stomaco vuoto che gli si torcevano le budella con dei brontolii che si sentivano tutto attorno . \ Bisognava mettere qualcosa sotto i denti, ma a quell’ora era chiuso dappertutto, \ c’era però in alto una finestra col lume ancora acceso dietro il vetro rotto. \ Suonò il campanello della porta e quando la signora si affacciò, \ Sajarro si fece avanti e le domandò: \ - Signora, scusate l’ora, ma mi si è staccato un bottone alla chiusura dei pantaloni, \ mi potete gettare un ago col filo che me lo attacco da solo alla luce dei lampioni? \ - Sì, sì, ma se ve lo tiro da quassù \ va perso nel buio che c’è laggiù! \ - Avete ragione signora, \ infilatelo in un filone di pane allora!
Pin It