• Ultimo Aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre 2020 - 13:02:01
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Clear

12.78°C

Clear
Umidità: 89%
Vento: SW a 5.59 K/H
Venerdì
Molto nuvoloso
13.33°C / 23.89°C
Sabato
Acquazzoni
13.89°C / 20°C
Domenica
Parzialmente nuvoloso
12.78°C / 21.11°C
Mèstar, diretòur, ispetòur, giurnalesta, pitòur, scritòur,
ad Pascoli e savòiva voita, morta e mirequal, insòma un òm ‘d grand valòur.
Da mèstar una volta l’andet a daè j esem mi sculer dla Gigiòuna,
una curiòusa mèstra ‘d Savgnen che tla su scola la la feva da padròuna.
E’ dè dagl’ j interugaziòun Mino e ciamet e’ pròim dla lesta
e e tachet s’una dmanda ‘d storia che te’ prugrama la era prevesta.
   - Parlami – ui dmandet m’un burdèl – del personaggio studiato
     che più ti è rimasto impresso della storia del passato.
E quèst e taca a doi:- Prometeo rubò la scintilla al fuoco divino e agli uomini la donò
     ma Zeus lo punì legandolo ad una roccia e un’aquila il fegato gli mangiò, ...
   - Basta, basta – ul farmet Mino – ho capito che sai a memoria questa storiellina,
     andiamo avanti e venga il secondo , anzi la seconda visto che è una bambina.
Ma quèsta u n’i fot bsògn gnenca ‘d daèi e’ via che sobit la raviet:
   - Prometeo rubò la scintilla al fuoco divino e la donò…!
Ènca ma quèsta u la cnet farmè parchè la giòiva tot cmè quèl ‘d pròima,
e la terza interugaèda sempra cla gnola, ènca li snò ‘d Prometeo la zcuròiva.
   - Brava – ui cnet doi Mino – ma sai dirmi chi era Giulio Cesare?
Zeta, la burdèla l’an feva un cieul e la fiseva e’ sufet sa du occ spalanché,
alòura e saèlta sò la Gigiòuna e la ceud la quis-ciòun senza faèla piò bazilé.
   - Mo a te degh mè purina, l’era un condottiero,
     cmè e’ nòst duce, sempre in guerra per riempire il cimitero!
   - Lasciamo stare – l’arciapet Mino – parliamo allora di Cicerone!
Puch sgond ‘d silenzi e la Gigiòuna:- Nu sta taènt a lè a pansaèi, a te degh mè:
     l’era un avucaèt, un ciacaròun che giòiva dal gran busì par campaè!
   - Forse la nostra Francesca sa chi era Cleopatra, una donna tosta.
E get Mino rasigné e senza aspitaès risposta.
E d’arnov la Gigiòuna:- E chè, Cleopatra? Cla dunaza? Cla putanaza? Bèla regina!
     Ma la mi burdèla dmandaèi dal ròbi acsè? Vargognti! Dì Prometeo purina…!


Maestro, direttore, ispettore, giornalista, scrittore, \ di Pascoli sapeva vita, morte e miracoli, insomma un uomo di grande valore. \ Da maestro una volta andò a dare gli esami agli scolari della Gigiona, \ una curiosa maestra di Savignano che nella sua classe la feceva da padrona. \ Il giorno delle interrogazioni Mino chiamò il primo della lista \ e cominciò con una domanda di storia che nel programma era prevista. \ - Parlami – chiese ad un bambino – del personaggio studiato \ che più ti è rimasto impresso della storia del passato. \ E questo comincia a dire:- Prometeo rubò la scintilla al fuoco divino e agli uomini la donò, \ ma Zeus lo punì legandolo ad una roccia e un’aquila il fegato gli mangiò,… \ - Basta, basta – lo fermò Mino – ho capito che sai a memoria questa storiellina, \ andiamo avanti e venga il secondo, anzi la seconda visto che è una bambina. \ A questa non ci fu neanche bisogno di darle il via che subito iniziò: \ - Prometeo rubò la scintilla al fuoco divino e la donò…! \ Anche questa la dovette fermare perché tutto come quello di prima raccontava, \ e la terza interrogata sempre la stessa cantilena, anche lei solo di Prometeo parlava. \ - Brava – fu costretto a dirle Mino – ma sai dirmi chi era Giulio Cesare? \ Zitta, la bambina non faceva alcun cenno e fissava il soffitto con due occhi spalancati, \ allora salta su la Gigiona e chiude la questione senza farla più soffrire. \ - Ma te lo dico io poverina, era un condottiero, \ come il nostro duce, sempre in guerra a riempire il cimitero! \ - Lasciamo stare – riprese Mino – parliamo allora di Cicerone! \ Pochi secondi di silenzio e la Gigiona:- Non stare tanto lì a pensarci, te lo dico io chi era sto tale: \ un avvocato, un chiacchierone che diceva delle grandi bugie per campare! \ - Forse la nostra Francesca sa chi era Cleopatra, una donna tosta. \ Disse Mino rassegnato e senza aspettarsi risposta. \ E ancora la Gigiona:- Che cosa, Cleopatra? Quella donnaccia? Quella puttanaccia? Bella regina! \ Alla mia bambina chiederle delle cose così? Vergognati! Dì Prometeo poverina…!




T’un cantòun dla saèla d’una mòstra ‘d quedar u j era e’ pitòur
ch’l’aspitaèva che quaicadeun us gès quèl o ch’ui cumpres un su lavòur.
Mino, dòp avòi daè un’uceda in pressia e pursì,
cmè se fos un su vècc amoigh o un parent, u j andet a lè dri:
   - Complimenti, bravissimo, dì, dì, quanto ti fai pagare per uno di questi quadri?
   - Mah, sulle duecento mila lire!
   - Solooo? Ma tu vali molto di più, almento tre volte tanto,
     non ti svendere per così poco, tu sei un grande artista!
E’ pitòur un steva tla pèla par la cuntantèza
e par finoi strèti ‘d maèni, cumplimoint e maraveji ma tot cla belèza.
Pu arciapem la straèda vers e’ zointar dla zità,
mo a n’avimi gneca fat du pas ‘d piò che Mino us fa:
   - Burdel, mo a voi vest che fata schifèza chi pastruciòin?
     Artesta quèl? Mè a degh ch’l’è za una masa se fa l’imbiancòin!



In un angolo della sala di una mostra di quadri c’era il pittore \ che aspettava che qualcuno gli dicesse qualcosa o che comprasse un suo lavoro. \ Mino, dopo aver dato un’occhiata in fretta e impegno pochino, \ come se fosse un suo vecchio amico o un parente, gli andò vicino: \ - Complimenti, bravissimo, dì, dì, quanto ti fai pagare per uno di questi quadri? \ - Mah, sulle duecento mila lire! \ - Solooo? Ma tu vali molto di più, almeno tre volte tanto, \ non ti svendere per così poco, tu sei un grande artista! \ Il pittore non stava nella pelle per la contentezza \ e per finire strette di mani, complimenti e meraviglie a tutta quella bellezza. \ Poi riprendiamo la strada verso il centro della città, \ ma non avevamo fatto neanche due passi in più che Mino fa: \ - Ragazzi, ma avete visto che schifezza quei pastrocchini? \ Artista quello? Io dico che è già molto se lavora con gli imbianchini!



-         Moroni, chi è cla bèla mòra che lè?L’è la mòi ‘d Petèn!

-         La mòi ‘d Petèn? T vré doi la su fiola!?

-         Na, na, l’è propi la su mòi!
Un s’la putòiva to e acsè int un balòin u s’infoila la giaca,
ui va a dò doidi da e’ naès, ui pienta tla faza i su ucialeun da zigatòun e e taca:


-         Dììì, ma è vero che tu sei la moglie di Petèn?

-         Sì, perché?

-         Petèn lo conosco bene, è un mio amico, un gran porcaccione!

-         Ma cosa dice?

-         Sììì, io lo conosco bene, è un gran puttaniere!

-         Ma nooo…, forse quando era giovane!

-         Ma valà, lo fa ancora, va giù al mare a caccia di tedesche!

-         Può darsi che lo facesse una volta.

-         Una vòlta? Lo fa anche adesso e gli piacciono quelle brutte e vecchie!
Lì, la purèta, l’an savòiva piò duvò guardaè, la fruleva j occ in tot al direziòun
mo leu un gn’e la feva a stacaès da cla bèla faza e ui deva in continuaziòun.
Un feva che doi che e’ su amoigh Petèn l’era un purcaciòun e un putanir,
e ch’ui piasòiva cal vèci e broti e quèli ch’al le feva par imstir.
E ul giòiva acsè da seri e s’una gran cunvinziòun,
ch’un s’è mai capoi s’e scarzeva o sèl ch’l’era la su intenziòun.
Par furteuna che la ricreaziòun la era finoida e u s’artunaèva tla scola a lavuraè,
si no ma cla ragaza ai cnimi faè vent e daèi un cugnachin par faèla arciapaè.



-Moroni, chi è quella bella mora lì? \ - È la moglie di Petèn! \ - La moglie di Petèn? Vorrai dire la sua figlia!? \ - No, no, è proprio sua moglie! Non se la poteva prendere e così in un baleno si infila la giacca, \ le va a due dita dal naso, le pianta in faccia i suoi occhialoni da miope e attacca: \ - Dììì, ma è vero che tu sei la moglie di Petèn? \ - Sì, perché? \ Petèn lo conosco bene, è un mio amico, un gran porcaccione! \ - Ma cosa dice? \ - Sììì, io lo conosco bene, è un gran puttaniere! \ - Ma nooo…, forse quando era giovane! \ - Ma valà, lo fa ancora, va giù al mare a caccia di tedesche! \ - Può darsi che lo facesse una volta: \ - Una volta? Lo fa anche adesso e gli piacciono quelle brutte e vecchie! \ Lei, la poveretta, non sapeva più dove guardare, girava gli occhi in ogni direzione, \ ma lui non ce la faceva a staccarsi da quella bella faccia e ci dava in continuazione. \ Non faceva che dire che il suo amico Petèn era un porcaccione e un puttaniere, \ e che gli piacevano quelle vecchie e brutte e quelle che lo facevano per mestiere. \ E lo diceva così seriamente e con tale convinzione, \ che non si è mai capito se scherzava o qual era la sua intenzione. \ Per fortuna che la ricreazione era finita e si ritornava a lavorare, \ altrimenti a quella ragazza dovevamo farle vento o darle un cognacchino per farla ritemprare.




-         Mino, t’é santoi e’ cuncert dla banda musicaèla?

-         La banda ‘d chè?

-         La banda ‘d Samaèvar!

-         Quèla u n’è una banda musicaèla,
l’è una banda ‘d delinquint!

Pròima però ‘d partoi pr’e’ mònd de’ caènt ‘d là, l’à lasé det mi su dla caèsa,
ch’e vlòiva ès cunpagné da la banda ‘d Samaèvar t l’eutum su viaz vers la paèsa.



-Mino, hai sentito il concerto della banda musicale? \ - La banda di chè? \ - La banda di San Mauro! \ Quella non è una banda musicale, \ è una banda di delinquenti! \ Prima però di partire per il mondo dell’al di là, ha lasciato detto ai suoi di casa, \ che voleva essere accompagnato dalla banda di San Mauro nell’ultimo suo viaggio verso la pace.
Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna