Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

16.67°C

Nuvoloso
Umidità: 91%
Vento: WSW a 3.11 K/H
Martedì
Temporali sparsi
17.22°C / 23.33°C
Mercoledì
Molto nuvoloso
15.56°C / 25°C
Giovedì
Temporali sparsi
16.11°C / 25.56°C
Tla tèsta e’ fèz, int una maèna e’ manganèl, camoisa nira e stivalèt,
u gn’a mancaèva propi gnent par ès un fasesta perfèt.
E un dè e fot incaricaè ‘d guidé una squadraza a Ziznatich
par faè avdòi ma chi cumunesta de’ port da duvò ch’l’avnoiva e’ cumpanatich. J era si manganel preunt a mnaè, mo i cumunesta e paròiva ch’i fos ciapaé vi,
un vcèt ch’e pasaèva da lè e fa un segn ma Nilòti e ul cema d’un caènt dri la pscarì.
   - Ste tenti – ui get pien par non fès santoi da chilt – mezòura fa
   u j era un’ènta squaèdra cmè vuilt ch’i zarcaèva i cumunesta propi a qua,
   mo tot da sèch l’è vnu fura zòinqu o sì cumunistaz sal bibiclèti
   ch’i j à ciap pr’e’ cupèt e i j’à bot te’ canaèl instoi cmè ch’j era sa poch brèti!
A santoi acsè Nilòti us caèva e’ fis-cèt da e’ bascuzòin e e taca a fis-cé,
pu us zoira vers i su e s’una vòusa sèca e taca a rugé.
   - Camerati, e basta acsè, andema a caèsa che par òz i cumunesta i n’à vu sa!
E quest, sla maèna verta a faè al gatozli ma l’aria:- Duce, duce, eia… eia…alalà!

In testa il fèz, in una mano il manganello, camicia nera e stivaletto, \ non gli mancava proprio niente per essere un fascista perfetto. \ E un giorno fu incaricato di guidare una squadraccia a Cesenatico \ per far capire a quei comunisti del porto da dove veniva il companatico. \ Erano coi manganelli pronti a menare, ma i comunisti sembrava fossero scappati via, \ un vecchietto che passava di lì fa un segno a Nilòti e lo chiama in un angolo vicino alla pescheria. \ - State attenti – gli disse sottovoce per non farsi sentire dagli altri – mezzora fa \ c’era un’altra squadra come voi che cercavano i comunisti proprio qua, \ ma all’improvviso sono saltati fuori cinque o sei comunistacci con le biciclette \ che li hanno presi per il collo e li hanno buttati nel canale vestiti com’erano e con poche berette! \ A sentire così Nilòti prende il fischietto dal taschino e comincia a fischiare, \ poi si gira verso i suoi e con una voce secca comincia a urlare: \ - Camerati, basta così, andiamo a casa che per oggi i comunisti ne hanno avute di già! \ E questi, con la mano aperta a fare il solletico all’aria:- Duce, duce, eia…eia…alalà…!



E pu l’è vneu la guèra e insen s’un sach ‘d murt u s’è sploi ènca e’ fasoisum,
e ènca leu l’è dvantaè grand e l’à mes la tèsta a pòst e u se daè me’ sucialoisum.
Buté te’ bidòun dla mundèza la rubaza nira de’ temp di fasesta,
us fa e spòus e l’erva una butòiga da barbir dri e’ cioircual di cumunesta.
Che pòst l’era dvent e’ ritrov di zovan samavrois ch’un gn’a mancaèva mai niseun,
u j ‘era dal volti ch’us feva e’ mocc sla straèda a lè ‘d scaènt Dorino e e’ cumeun.
Pu, vest j avsòin ch’l’avòiva e che te’ pajòis la sinestra l’era in magiuraènza,
un feva che doi che ènca leu l’era ‘d cl’ideia e che la sinestra l’era la su speraènza.
Una dmenga u j era agl’j eleziòun e leu e’ scapaèva da e’ cumeun dòp avòi vutaè,
se’ marciapì u j era i cumunesta e i sucialesta insen a guardaè e a ciacaraè.
Un saleut ma j eun e un saleut ma chilt, zà che ma tot e’ vot u l’avòiva prumès,
che da sèch u j aroiva la dmanda par cuntantaè coi che sa Nilòti l’avòiva scumès:
   - Nilòti - i i dmandet insen i segreteri di du partoi - par coi che t’è vutaè, èh?
Un sgònd e leu:- Mo l’è dmandi da faè mu mè?
   Avanti e uniti per la grande conquista,
   u j a mancareb: ho votato socialcomunista!

E poi è venuta la guerra e assieme ad un sacco di morti s’è sepolto anche il fascismo, \ e anche lui è diventato grande e ha messo la testa a posto e si è dato al socialismo. \ Gettato nel bidone della immondizia la robaccia nera del tempo dei fascisti, \ si sposa ed apre un negozio da barbiere vicino al circolo dei comunisti. \ Quel luogo era divenuto il ritrovo dei giovani sammauresi che non ne mancava mai nessuno, \ delle volte si faceva il mucchio sulla strada di fianco alla tabaccheria di Dorino e al comune. \ Poi, visto i vicini che aveva e che nel paese la sinistra era in maggioranza, \ non faceva che ripetere che anche lui era di quell’idea e che la sinistra era la sua speranza. \ Una domenica c’erano le elezioni e lui usciva dal comune dopo la votazione\ sul marciapiede c’erano i comunisti e i socialisti insieme a guardare e a chiacchierare della situazione. \ Un saluto agli uni e un saluto agli altri, già che a tutti il voto l’aveva promesso, \ che all’improvviso gli arriva la domanda per accontentare chi su Nilòti aveva scommesso: \ - Nilòti – gli chiesero insieme i segretari dei due partiti – per chi hai votato, èh? \ Un secondo e lui:- Ma sono domande da fare a me? \ Avanti e uniti nella grande conquista, \ ci mancherebbe: ho votato socialcomunista!




Ormai l’era in pensiòun e e steva cmè un pecc,
e ma quei ch’i dmandaèva cmè ch’u s’la pasaèva a staè si vecc,
l’arspundòiva ch’u n’era mai stè acsè ben gnenca ti’ mèi di su an
e che tanemodi l’era sicheur ch’e sareb rivat mi zentan.
   - Sé, mu mè a lasò i m’un vo moiga , a sò tròp casinaèr a doi la verità,
   e acsè im lasa de’ caènt ‘d qua e’ maènch fena ai zent, pu u s’avdirà.
E invici pasé da poch i staènta ui ciapet un brot maèl,
e dè par dè al robì agl’ j andeva sempra pez e par leu u n’era nurmaèl,
un s’l’aspitaèva sta rubaza e acsè u s’era aviloi ‘d brot
e s’i l’andeva a truvaè us lamantaèva sa tot:
   - Mo guerda tè, avòiva da rivé mi zent senza discusiòun
   e invici a n’arivarò gnenca ma j utaènta in sta situaziòun!
La su mòi, ch’la i steva sempra a lè dri e la ne laseva guasi piò,
la i giòiva s’una bèla grézia par faèi curag e tirel sò:
   Mo dai, nu dat tot sta pena, guerda ch’u t ven la boilia s’ t’al doi da spès,
   tè nu pensa ma gnent che neun se’ manifèst da mort ai mitem zent distès!

Oramai era in pensione e stava come un pascià, \ e a quelli che gli chiedevano come si stava nell’anzianità, \ rispondeva che non era stato mai così bene neanche nei migliori dei suoi anni \ e che in ogni modo era sicuro che sarebbe arrivato ai cent’anni. \ - Sì, a me lassù mica mi vogliono, sono troppo confusionario a dire la verità, \ e così mi lasciano in un angolo nel mondo di qua almeno fino ai cent’anni e poi si vedrà. \ E invece passati da poco i settanta gli prese un brutto male, \ e giorno per giorno le cose andavano sempre peggio e per lui non era normale, \ non se l’aspettava questa robaccia e così si era avvilito con toni brutti \ e se l’andavano a trovare si lamentava con tutti: \ - Ma guarda te, dovevo arrivare ai cento senza discussione \ e invece non arriverò neanche agli ottanta in questa situazione! \ Sua moglie, che gli stava sempre vicino e non lo lasciava quasi più, \ gli diceva con una bella grazia per fargli coraggio e tirarlo su: \ - Ma dai, non ti dare tutta sta pena, guarda che ti viene l’angoscia se lo dici così spesso, \ tu non pensare a niente che noi sul manifesto da morto ci mettiamo cento lo stesso!
Pin It