Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

11.67°C

Nuvoloso
Umidità: 78%
Vento: W a 7.46 K/H
Domenica
Temporali sparsi
8.89°C / 17.78°C
Lunedì
Pioggia
9.44°C / 19.44°C
Martedì
Parzialmente nuvoloso
11.11°C / 21.67°C

-   Se t fat Bistica, un combar s’la boza e tot t’é mandaè zò?
   Mo la madòna ‘d paènza t’é mes sò!
   T’am
paèr pregn, u n’è òura ta t daga un scrulòun
   par zarcaè ‘d mandaè zò che panzòun ?
-   Sa det i nomar ènca tè cmè s’t fos una blaènza?
   Sa pinsti tè ch’la sia fata at chè sta paènza?  
   Caplet, taiadèli, lasagni vòirdi, stròzaprit e tripin,
   pasadòin, gnoch, sunzezi, custeci, vòin e grapin.
   Insòma tota ròba piò che bona a te garantes
   e tè
t vria ch’am mites a dieta e ch’a la pardes?
   U j è vleu d’j an ‘d magnedi, bbeudi, mazapòis e sideun,
   ò spòis un patrimoni snò par slargaè sacòuni e calzeun,
   e adès tè
t vria ch’a fases finta ‘d gnent
   par dvantaè cmè cal cani sèchi ch’as spèza se’ vent?
   Quèsta u n’è una paènza pursì l’è un munumòint,
   e par tirel sò u j è vleu suld, sacrifoizi e patimòint!

- Cosa hai fatto Bistica, un cocomero con la buccia e tutto hai mandato giù? \ Accidenti che pancia che hai messo su! \ Mi sembri incinta, non è ora che ti dai uno scossone \ per cercare di mandare giù quel pancione? \ - Cosa dai i numeri anche tu come se fossi una bilancia? \ Di cosa pensi sia fatta questa pancia? \ Cappelletti, tagliatelle, lasagne verdi, strozzapreti e trippa, \ passatelli, gnocchi, salsicce, costolette, vino e grappa. \ Insomma tutte cose più che buone te lo garantisco \ e tu vorresti che io mi mettessi a dieta perchè così dimagrisco? \ Ci sono voluti anni di mangiate, bevute, pesantezza di stomaco e gorgoglioni, \ ho speso un patrimonio solo per allargare giacche e pantaloni, \ e adesso tu vorresti che facessi finta di niente \ per diventare come quelle canne secche che si spezzano al vento? \ Questa non è una pancia purchessia, è un monumento, \ e per erigerlo ci sono voluti soldi, sacrifici e patimento!



Un bèl mocc d’inveran fa, se’ su amoigh Udo, cmè ch’ul ciamaèva par su cumudità,
j era andé a lavuraè in Germania t un bar-risturaènt che un italien l’avòiva vert a là.
Udo tra i teval a faè e’ camarir sempra ‘d scat,
leu, invici, in cusòina a daè una maèna a lavaè i piat,
e pu, vest ch’l’era grand e gròs e senza paveura ‘d niseun,
su j era e’ bsògn il ciamaèva a buté fura i spacamareun.
Una sòira u j era eun tacaè me’ bancòun de’ bar che bbòiva cmè una spogna,
‘d smet gnenca a pansaèi, ènzi s’ta ni divi un ènt bicir e bacaieva e e feva la carogna.
Alòura e’ padròun e get ma Udo d’andaè a ciamaè “il marinaio”, cmè ch’l’era det,
ch’us caves la paraninza e ch’u l’avnes sobit a buté fura ènca a gambdret.
“Il marinaio”, che naturalmòint l’era Bistica, e curet sa tot al boni intenziòun
e par mustraè la su forza, e ciapet pr’e’ pèt l’imbariagòt e ui det un brot tiròun.
Quèst, ch’l’era disdòi te’ scheur sòura un sgabèl,
e caschet dindrì cmè un blach ch’us putòiva ènca faè maèl.
Bistica senza cumpasiòun u si pighet sòura intaènt ch’l’era ma tera stuglaè
e sa du occ spartì e s’una zurma catoiva, ui ghignet da què a lè:
- Alzati senza fare storie ed esci immediatamente!
Cio, st’òm un finoiva mai d’staè sò, e giòiva ès du metar bun senza scaèrpi,
un quintaèl ‘d pòis, dò spali laèrghi da armaèri e maèni cmè dal batlaèrdi.
Quant che Bistica us truvet davaènti ste bas-cianaz sla faza incazaèda,
ul ciapet sotabraz e s’una fazina dòulza, dòulza, ui giòiva sla vòusa struzaèda:
- Via, non faccia così, ragioniamo!

Molti inverni fa, col suo amico Udo, come lo chiamava per sua comodità, \ erano andati a lavorare in Germania in un bar-ristorante che un italiano aveva aperto là. \ Udo tra i tavoli a fare il cameriere sempre a scatti, \ lui, invece, in cucina a dare una mano a lavare i piatti, \ e poi, visto che era grande e grosso e senza paura degli indesiderati avventori, \ se c’era il bisogno lo chiamavano a buttare fuori gli scocciatori. \ Una sera c’era uno attaccato al bancone del bar che beveva come una spugna \ di smettere neanche a pensarci, anzi se non gli davi un altro bicchiere, protestava e faceva la carogna. \ Allora il padrone disse a Udo di andare a chiamare “ il marinaio”, com’era detto, \ che si togliesse il davantale e che venisse subito a buttarlo fuori anche a gambe all’aria. \ “Il marinaio”, che naturalment era Bistica, accorse con tutta la buona intenzione, \ e per mostrare la sua forza, prese per il petto l’ubriaco e gli diede un forte strattone. \ Questo, che era seduto nel buio sopra uno sgabello, \ cadde all’indietro come un peso morto che si poteva anche far male. \ Bistica senza compassione gli si piegò sopra intanto che era per terra sdraiato \ e con due occhi da matto e un’espressione cattiva, gli ghignò di qui a lì in tono alterato: \ - Alzati senza fare storie ed esci immediatamente! \ Ohi, quest’uomo non finiva mai di alzarsi, sarà stato alto due metri buoni senza scarpe, \ un quintale di peso, due spalle larghe da armadio e mani come delle battilarde. \ Quando Bistica si trovò davanti sto pezzo d’uomo con la faccia arrabbiata, \ lo prese sottobraccio e con una faccina dolce, dolce, gli diceva con voce strozzata: \ - Via, non faccia così, ragioniamo!



Int eun at chi dòpmezdè ch’in finoiva mai,
u s’era te’ “Gal nir” a ciacaraè de’ mònd e di su guai.
Cla volta u s’era zòisa un gran discusiòun
‘d quant che Muslòin l’avòiva mand i suldé italien in Grecia par l’òcupaziòun.
Bistica un s’la putòiva to che i nost in gn’a la aves fata a met sòta chi quatar sgrazié,
e acsè par non daè tort ma Muslòin e mi su generel e deva la coipa ma chi suldé.
-   Mo, dioboni j à pers sa di pigurer ch’i n’era gnenca armé, vèra burdel?
   E che tot al volti che nòun ai tirimi al granati, lòu par rispòsta is tireva j agnel!

In uno di quei pomeriggi che non finivano mai, \ si era nel bar “Gallo nero” a chiacchierare del mondo e dei suoi guai. \ Quella volta si era accesa una grande discussione \ di quando Mussolini aveva mandato i soldati italiani in Grecia per l’occupazione. \ E Bistica non se la poteva prendere che i nostri non ce l’avessero fatta a mettere sotto quei quattro disgraziati, \ e così per non dare torto a Mussolini e ai suoi generali, dava la colpa a quei soldati. \ - Ma diobono hanno perso con dei pecorai che non erano neanche armati, vero giovincelli? \ E che tutte le volte che noi gli tiravamo le granate, loro in risposta ci tiravano gli agnelli!




E acsè cl’umaz grand e gròs, ma un po’ burdlòun,
che dal volti u t feva pansaè che fos snò un gran fanfaraun,
us vlòiva faè cròid che un dè d’instaèda, dret te’ mèz d’un praè,
l’avòiva svantaié un fazulèt biench par saluté la su bèla d’un po’ ‘d dè,
intaènt che pr’arturnaè a caèsa, la pasaèva a lasò d’in èlt te’ zil s’l’ aparècc,
e s’una maèna la i feva ciau da e’ finistròin e guasi u s’j avdòiva i guzlot ma j occ.
Occhei Joe, t ci fort!

E così quell’omone grande e grosso, ma un po’ bambinone, \ che a volte ti faceva pensare fosse solo un grande fanfarone, \ ci voleva far credere che un giorno d’estate, dritto in mezzo ad un prato, \ aveva sventagliato un fazzoletto bianco per salutare la sua bella di un po’ di tempo passato, \ intanto che per ritornare a casa, passava lassù in alto nel cielo con l’aeroplano, \ e con una mano gli faceva ciao dal finestrino e quasi le si vedevano le lacrime negli occhi scendere piano. \ Okay Joe, sei forte

Pin It