Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

24.44°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 58%
Vento: SW a 13.67 K/H
Sabato
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 19.44°C
Domenica
Molto nuvoloso
10°C / 17.78°C
Lunedì
Parzialmente nuvoloso
9.44°C / 18.89°C
Zigh d’ un òcc e s’una lengua invalnaèda, ‘d tot e giòiva maèl
e par quèst niseun ul vlòiva vdòi o ui giòiva quèl.
Quant che pu ui tireva ‘d brot u n’avòiva rispèt gnenca pr’e’ padreteran
e quei ch’il cnusòiva i mandaèva piò culp ma leu ch’n’è me’ cap de’ gueran.
U j era vaènz du amoigh in tot: Tomasino e e’ Ciaròun
e tot i dè l’era sa lòu se’ marciapì a buté al su benediziòun,
de’ vlen ui n’era par tot quei ch’i pasaèva sla piaza,
un sparagneva niseun, gnenca i su fiul, l’era propi una zvitaza.
Una matòina e’ Ciaròun l’era vaènz ma caèsa e u j era snò Tomasino par staè insen
d’ incèch sla piaza pr’avdòi se pasèva quaicadeun da sploi sòta e’ su vlen.
L’era un frèd da l’òs-cia e in zoir pr’e’ paiòis e paròiva ch’u n’i fos gnenca un caèn,
i j era snò lòu deu a bat e’ pi e a respiré l’udòur de’ fòuran ch’e cusòiva e’ paèn.
E leu l’avòiva un maghèt pin ‘d fel cla matòina
che, un po’ pr’e’ frèd e un po’ par la voia ‘d daèi la mòla, u j era vneu la caèrna plòina.
L’avòiva Tomasino de’caènt dl’òcc mat, al maèni instèchi tal bascòzi de’ capòt,
e’ baèvar tirat sò fena agl’ j urèci, quant che tot da sèch e raviet a spudé e’ ròsp.
-   Ciò Ciaròun - e get senza faè gnenca e’sforz ‘d ziré la tèsta -
     sa doit dal corni de’nòst Tomasino? Beda che la su mòi la j è sempra in fèsta!
     La i n’un fa dal corni, èh?
   E’ bèl l’è ch’ i1 sa tot e leu un s’n’è ancòura daè!
   L’à piò corni leu ch’n’è una stala ‘d bu,
   at fat pataca ch’l’è, sa doit Ciaròun, che sia caz su?
-   Ch’sèl ste gend linguaza maledèta? U t dà ‘d volta e’ zarvèl ma tèè?
Alòura zirendsi s’l’òcc bon :- Ah, t ci tè Tomasino? Si scherza sempre, èèh?

IL CIVETTO
Cieco di un occhio e con una lingua avvelenata, di tutti diceva male \ e per questo nessuno lo voleva vedere o gli diceva qualcosa di personale. \ Quando poi era di cattivo umore non aveva rispetto neanche per il padreterno \ e quelli che lo conoscevano mandavano più colpi a lui che al capo del governo. \ Gli erano rimasti due amici in tutto: Tommasino e il “Chiarone” \ e tutti i giorni era con loro sul marciapiede a gettare la sua benedizione, \ di veleno ce n’era per tutti coloro che passavano sulla piazza, \ non risparmiava nessuno, neanche i suoi figli, era proprio una “civettaccia”. \ Una mattina il “Chiarone” era rimasto a casa e c’era solo Tommasino per stare insieme \ fissi sulla piazza per vedere se passava qualcuno da seppellire sotto il suo fiele. \ Era un freddo boia e in giro per il paese sembrava che non ci fosse neanche un cane, \ c’erano solo loro due a battere il piede e respirare l’odore del forno che cuoceva il pane. \ E lui aveva uno stomaco pieno di veleno quella mattina \ che un po’ per il freddo e un po’ per la voglia di liberarlo, gli era venuto la pelle a macchiolina. \ Aveva Tommasino dal lato dell’occhio difettoso, le mani infilate nelle tasche del cappotto, \ il bavero tirato su fino alle orecchie, quando all’improvviso cominciò a sputare il rospo di botto. \ - Ohi, “Chiarone” – disse senza neanche fare lo sforzo di girare la testa \ - cosa dici delle corna del nostro Tommasino? Bada che sua moglie è sempre in festa! \ Gliene fa di corna, èh? \ Il bello è che lo sanno tutti e lui ancora accorto non se n’è! \ Ha più corna lui di una stalla di buoi, \ che razza di cretino che è, cosa dici “Chiarone”, che siano cazzi suoi? \ - Cosa stai dicendo linguaccia maledetta? Ti dà di volta il cervello a te? \ Allora girandosi con l’occhio sano:- Ah, sei tu Tommasino? Si scherza sempre, èh?
Pin It