• Ultimo Aggiornamento: Lunedì 28 Settembre 2020 - 08:00:00
Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Nuvoloso

15°C

Nuvoloso
Umidità: 64%
Vento: SE a 5.59 K/H
Lunedì
Acquazzoni
11.11°C / 20°C
Martedì
Per lo più soleggiato
10.56°C / 20.56°C
Mercoledì
Parzialmente nuvoloso
11.67°C / 21.11°C

Il nostro sito si arricchisce di una nuova collaborazione e una nuova rubrica. A scriverla è Piero Maroni, che a domeniche alterne pubblicherà At fata zenta, personaggi e storie in dialetto sammaurese di una Romagna che c’era, che c’è e che, forse, non ci sarà. Storie che hanno caratterizzato il nostro paese, scritte in dialetto con testo italiano. Oggi partiamo con la prima voce: I Samavrois (I Sammauresi).

I SAMAVROIS

Che sabat sòira d’loi sla piaza dla cisa u j’era un bèl casòin,
us vòid che ma quaicadeun ui deva dan e’caèld de’ garbòin.
Ma eun il tnòiva in deu e un feva che rugé
ch’e vlòiva spacaè e’ meus m’un taèl e par quèst i l’avòiva da lasé.
Un po’ piò in là clèlt ui feva di gran rugiaz e segn sal maèni
ch’ ui s-ciantaèva e’ còl e ul mandaèva tl’òspedaèl par dal stmaèni.
Ui n’era pu agl’j elt tri-quatar che bacaieva firum te’ su cantòun
mo un sa capoiva ben sèl ch’is ges tra tot che buliròun.
E bèl l’è ch’l’era tota zenta ch’j avòiva pas i zinquaèntan
e int che bar i j era tot al sòiri a zughé al caèrti insen da an e an.
Disdòi a caval dla scarana sla scòina puzaèda me’ meur e zigaretà da fumé,
cmè tot al sòiri i steva me’ fresch a faè dò ciacri e l’è staè da lè che tot la ravié.
Us vòid ch’i n’avòiva gnent da dois, e acsè eun ch’ u s’era mes a fisé e’ zil
u s’n’è daè che a lasò, lasò e pasaèva un aparegg cmè un puntin stil, stil.
- Guardé, guardé ch’l’aparegg, beda tè, e sarà a vòintmela metar da què!
- Mo sé – la daè sò un ènt – vòint mela? T vré doi dis mela!
- Valà pataca, mo t’an void pu dalongh ch’l’è?
- Ou sint, e’ pataca t saré tè che t’an fe che sparaè dal marunaèdi acsè!
- Òs-cia, l’à zcòurs e’ profesòur, tè t’e una tèsta propi cmè quèla di paganel
ch’un la magna gnenca i gat! Sèl t capess tè? Dò pali caèldi!
- T’al vu propi savòi? Ma caèsa mi sa di bucaleun cmè tè
a tirem sò i meur par la stala di sumar e un pòst u j è ènca par tè!
Chi tri-quatar ch’j era a lè i zarcaèva ‘d calmaè agl’j aqui e faèi ragiunaè,
mo invici ‘d sbasé la crèsta l’era sempra pez e la bagòina la steva par s-ciupaè.
- T ci propi un gran ‘gnuraènt, t vu capoi inquèl tè
che t’an sé faè gnenca un o s’ un bicir.
- Ah… mèèè? T zcòr tè che la tu ma la giòiva in zoir
ch’la cnusòiva l’eun snò parchè l’era tònd?
Vuilt a soi una razaza acsè: ‘gnurint e sbureun!
- Tè la mi ma ta la è da lasé staè, la n’avrà la scola,
mo la n’è una sgumbieda cmè ch’a soi tot vuilt dla tu brota raza!
E l’è stè què ch’i s’è alzé tot in pressia dal scarani:
i du galnel par metsi i pogn madòs e chilt par tnoili bòta e ciapaèi al maèni.
La zenta ch’ la pasaèva la s’ farmaèva pr’avdoi cmè ch’la andeva a finoi,
e acsè u s’era fat una bèl mocc ‘d spacamareun che invici’d calmèi i i deva da doi:
- Mòina…mòina… lasei… lasei! E pu i ridoiva. Mo di tè!
Sta brèta la è andaèda avaènti pr’un bel po’ parchè niseun e vlòiva mulaè,
un po’ piò taèrd, eun d’un caènt , ch’clèlt d’un ènt e la seraèda la s’è smorta acsè.
E’ dòpmezdè dla dmenga, cmè se gnent e fos e pin ‘d suriset,
j era darnov datònda m’ un tavulòin de’ bar a zughes un cafè a brescla e triset.

I SAMMAURESI


C’era proprio un bel caos quel sabato sera d’estate \ sulla piazza davanti al bar di fianco alla chiesa. \ A uno lo tenevano in due e non faceva che urlare \ che voleva spaccare il muso ad un tale e dovevano lasciarlo andare. \ Un po’ più in là l’altro gli faceva dei versacci e dei segni con le mani \ che gli rompeva il collo e lo mandava all’ospedale per delle settimane. \ Ce n’erano poi altre tre o quattro che biascicavano fermi nel loro cantone \ ma non si capiva bene cosa dicessero in tutta quella confusione. \ Il bello è che era tutta gente che aveva passato i cinquant’anni \ e in quel bar c’erano tutte le sere giocare a carte insieme da anni e anni. \ Seduti a cavalcioni della sedia con la schiena appoggiata al muro e sigaretta da fumare, \ come tutte le sere stavano al fresco a fare due chiacchiere ed è stato lì che tutto è iniziato. \ Si vede che non avevano niente da dirsi e così uno che si era messo a fissare il cielo \ si è accorto che lassù in alto transitava un aereo come un puntino sottile, sottile. \ - Guardate, guardate quell’aereo, ma bada te, sarà a ventimila metri da qui! \ - Ma sì – salta su un altro – venti mila? Vorrai dire dieci mila! \ - Valà cretino, ma non vedi quant’è lontano? \ - Ohi senti, il cretino sarai tu che non fai che sparare stupidate così! \ - Ostia, ha parlato il professore, tu hai una testa proprio come quella dei paganelli \ che non la mangiano neanche i gatti! Cosa capisci tu? Due palle calde! \ - Lo vuoi proprio sapere? A casa mia coi mattoni bucati come te \ tiriamo su la stalla dei somari e un posto c’è anche per te! \ Quei tre o quattro che erano lì cercavano di calmare le acque e farli ragionare \ ma invece di abbassare la cresta era sempre peggio e la situazione stava per scoppiare. \ - Sei proprio un grande ignorante, vuoi capire tutto te \ che non sai fare neanche una o con un bicchiere. \ - Ah…iooo? Parli tu che tua mamma diceva in giro \ che conosceva l’uno solo perché era tondo? \ Voi siete una razza così: ignoranti e gradassi! \ - Tu la mia mamma la devi lasciare stare, non avrà la scuola, \ ma non è un’incapace come siete tutti voi della tua brutta razza! \ Ed è a questo punto che si sono alzati tutti in fretta dalle sedie: \ i due galletti per mettersi i pugni addosso e gli altri per tenerli fermi e prendere loro le mani. \ La gente che passava si fermava per vedere come andava a finire, \ e così si era creato un bel numero di rompiscatole che invece di calmarli davano loro da dire: \ - Mena…mena…lasciateli…lasciateli…! E poi ridevano. Ma dì te! \ Questa storia è andata avanti un bel po’ perché nessuno voleva cedere, \ un po’ più tardi però, uno da una parte, l’altro da un’altra e la serata si è esaurita così. \ Il pomeriggio della domenica, come se niente fosse e pieni di sorrisetti, \ erano nuovamente attorno ad una tavolino del bar a giocarsi un caffè a briscola e tressette.

Pin It