Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Soleggiato

25°C

Soleggiato
Umidità: 41%
Vento: NNE a 8.7 K/H
Mercoledì
Mostly Cloudy
13.89°C / 25.56°C
Giovedì
Per lo più soleggiato
16.67°C / 27.22°C
Venerdì
Temporali sparsi
17.22°C / 22.78°C

squadra ciclistica San Mauro PascoliUn s'fa par doi, mo u j è dal volti ch'al s'inventa toti par faè i sbureun,
ciapema al squaèdri di curideur in biciclèta, giost acsè par faè di paragheun.
A Samaèvar u j era zà quèla dl' “Ecology team”, quèla 'd Gianni Turòun,
quèla de' bar Nov e u j era coi ch'u s'era iscret a Savgnen, s'ai vut faè s'j à sta cunvinziòun.
Al n'era saaa...? Na, us vòid che e' grop giost l'è quèl ch'u sa da faè e u n'è mai pròunt,
mo dì tè, us doi dla puletica e che i partoi j è trop e che ugneun e va par su còunt,
figuresmi  se in Itaglia i s'pò met dacord saènta milieun 'd zitadòin,
se dusent ciclesta a Samaèvar in gn'a la fa a staè insen e i fa snò de' casòin.
Quant ch'a simi un brancadòin d'amoigh che in bici andimi vì la dmenga,
al squaèdri ch'u j era, par nòun al n'andeva ben, al putòiva andaè toti a la menga,
bsugneva faèn un'aènta, a la avresmi ciamaèda “CumpagnìToro Ceccone” e tota nòsta,
e, cunvoint, a si mitesmi drì parchè a vlimi una divoisa bèla tòsta.
Miller, che d'imstir e feva e' stilesta, l'avòiva da faè e' disegn,
e dmandet cmè ch'a la vlimi e pu u si mitet drì d'impegn.
Una volta pròunti, agl'j avòiva di culeur ch'i feva un gran spech,
propi bèli, e una dmenga matòina a decidesmi 'd faèi un batòisum si schrech.
U j era 't i paraz 'd saènta Justòina, un tòr 't la stala d'un cuntadòin
e cla matòina andesmi a là a faès al fotografì da tnòi cmè arcurdòin.
U n'era Ceccone, quèl l'era mort piò 'd zent an fa, mo u s'j a s'armieva
e acsè eun a la volta e pu tot insen, drì ma leu che d'ògna taènt e sufieva.
Par faè finta ch'e fosmi una squaèdra da bon, a fimi cròid d'avòi di finanziadeur,
acsè se' pèt, de' caènt de' cor: “Pro loco AISEM”, cmè se fos i piò sgneur.
Int e' mèz, in grand, la screta: “Toro Ceccone” e la figheura de' tòr, ròs cmè e' fugh,
sòura al spali: “Azienda agricola Montemaggi Daniele”, l'è stè lè ch'l'è naseu e' zugh.
“Cumpagnì Toro Ceccone San Mauro Pascoli” t'e' zòintar dla scòina  
e sòta la figheura de' tòr incazaè  nir int l'at ch'us scadòina.
“Termoidraulica Bianchi” e “La bottega della Bici” in caèv a e' bascuzòun,
a vdòi acsè e paròiva ch'avesmi veu un sach 'd suld e invici a paghimi inquèl nòun.
Int i calzunzin, sòura e' cheul: “Jordan Village”, e in zoir is dmandaèva cmè ch'l'era,
i vlòiva savòi duò ch'us truvaèva, s'j afiteva j apartamoint e ènca s'us magneva.
L'era invici la viltina 'd Giordano, duvò che al dmenghi d'instaèda andimi a bòi e magné
e, vest ch'u j era la piscina, al ciamimi cmè un zòintar turestich e an fimi che zughé.
Zò mal còsi: “Ciofle Production” e sèl ch'us sipa ul sa snò quaicadeun;
l'era di filmin fat tra 'd nòun, 'd quant ch'u j era una fèsta ch'a dvantimi di gran zugarleun,
e' prutagunesta l'era sempra Ciofle, che fos un òm o una dòna, u n'impurtaèva,
an fimi che roid: quant ch'u si pansaèva, ch'u s'zireva e ch'u si guardaèva.
Sta divoisa la j avòiva di culeur ch'i s'avdòiva da dalongh e pu e' tòr l'era 'na nuvità,
in zoir is guardaèva e is feva ènca al fotografì s'una gran curiosità.
E' vestieri l' andeva ben, mo l' era la squaèdra a ès  sgangheraèda, ui vlòiva 'na bediziòun,
cal poch volti ch'a sem andaè vì insen, i piò ai pardimi zò me' stradòun.
Moreno e Teresa, sa dal bici di timp 'd Coppi, j era in crisi zà me' pròim cavalcavì,
piò di tot l'era ma leu ch'ui ciapaèva la buvaza e lì l'ai cnòiva andaèi drì.
Daniele u t feva vnoi la caèrna plòina parchè e steva sempra 't e' mèz dla straèda,
al machini al strumbazaèva, mo leu un s' muvòiva da lè, ròbi ch'e ciapes una rudaèda.
U j era eun di du Massimo che zà ma la pròima rapaèda al rodi un li tnòiva,
mo a ne putimi lasé lè parchè da par leu e sbajeva direziòun e us pardòiva.
Clèlt Massimo, ch'e invici l'andeva cmè un fulèt, e scataèva da sèch e pu e turnaèva indrì, 
dal volti adiriteura e sparoiva da fat e a l'artruvimi la dmenga dòp pròunt pr'andaè vì.
Dante par la scòina, Miller pr'al znòci, la mi mòi ch'la s'è stofa prèst 'd pedalaè,
Giordano ch'l'à capaè la “Mountan-bike”, tot i s'è pirs, mè e Ciofle j eultum a mulaè.
Un po' a la volta la squaèdra la s'è sfata, e' tòr l'è finoi t'un casèt  e u s'è un po' sbiavoi,
um paèr mu mè, mo e sarà un impresiòun, ch'us sipa ènca un bèl po' intristoi.

 

 

La “Compagnia Toro Ceccone”
Non si fa per dire, ma ci sono delle volte che si inventano tutte per fare i grandoni, \ prendiamo le squadre dei corridori in bicicletta, così per fare dei paragoni. \ A San Mauro c'era già quella della “Ecology team”, quella di Gianni Turone, \ quella del bar Nuovo e c'era chi si era iscritto a Savignano, cosa ci vuoi fare se questa è la convinzione. \ Non erano sufficienti...? No, si vede che il gruppo giusto è quello che si dovrà fare e non è mai pronto, \ ma dì tu, si dice della politica e che i partiti sono troppi e che ciascuno va per suo conto, \ figuriamoci se in Italia si possono mettere d'accordo sessanta milioni di cittadini, \ se duecento ciclisti a San Mauro non ce la fanno a stare insieme e combinano solo dei casini. \ Quando eravamo un gruppetto di amici che in bici andavamo via la domenica mattina, \ le squadre esistenti, per noi non andavano bene, potevano andare tutte a buttarsi nella latrina, \ bisognava farne un'altra, l'avremmo chiamata “Compagnia Toro Ceccone”, e tutta nostra, \ e, convinti, ci mettemmo all'opera perché volevamo una divisa bella tosta. \ Miller, che di professione faceva lo stilista, doveva preparare il disegno, \ chiese come lo volevamo e poi si mise all'opera con impegno. \ Una volte pronte avevano dei colori che facevano un grande spicco, \ proprio belle, e una domenica mattina decidemmo di far loro un battesimo ricco. \ C'era nelle vicinanze di santa Giustina, un toro nella stalla di un contadino \ e quella mattina andammo là a farci le fotografie da conservare come un ricordino. \ Non era Ceccone, questo era morto più di cento anni fa, ma gli si assomigliava \ e così uno alla volta, e poi tutti insieme, dietro a lui che ogni tanto sbuffava. \ Per fingere che fossimo una squadra sul serio, facevamo credere d'avere dei finanziatori, \ così sul petto, del lato del cuore: “Pro loco AISEM”, come se fossero i più signori. \ Nel mezzo, in grande, la scritta: “Toro Ceccone” e la figura del toro rosso come il fuoco, \ sopra le spalle: “Azienda agricola Montemaggi Daniele”, è lì che è nato questo gioco. \ “Compagnia Toro Ceccone San Mauro Pascoli” in mezzo alla schiena \ e sotto la figura del toro furioso nell'atto che si scatena. \ “Termoidraulica Bianchi” e “La bottega della Bici di Vandi Cristian” in fondo al tascone, \ a vedere così sembrava avessimo avuto un sacco di soldi e invece eravamo noi a pagare l'operazione. \ Nei pantaloncini, sopra il sedere: “Jordan village”, e in giro ci chiedevano qualche informazione, \ volevano sapere dov'era, se affittavano appartamenti e pure se c'erano possibilità per l'alimentazione. \ Era invece la villetta di Giordano, dove le domeniche d'estate andavamo a bere e mangiare \ e, visto che c'era anche la piscina, dicevamo di essere in un centro turistico e sempre intenti a giocare. \ Lungo le cosce: “Ciofle Production” e cosa sia lo sa solo chi c'era in quelle occasioni; \ erano dei filmini realizzati tra di noi, perché quando c'era una festa diventavamo dei grandi giocherelloni, \ il protagonista era sempre Ciofle, che si trattasse di un uomo o di una donna, non importava, \ non facevamo che ridere: quando lo si pensava, lo si girava e lo si guardava. \ Questa divisa aveva dei colori che si scorgevano da lontano e poi il toro era una novità, \ in giro ci guardavano e ci scattavano delle fotografie con grande curiosità. \ Il vestiario andava bene, ma era la squadra ad essere sgangherata, ci voleva una benedizione, \ quelle poche volte che siamo andati via insieme, i più li perdevamo lungo lo stradone. \ Moreno e Teresa, con delle bici dei tempi di Coppi, erano in crisi già al primo cavalcavia, \ più che altro era a lui che andava in difficoltà e lei era costretta a seguirlo su quella via. \ Daniele ti faceva venire la pelle d'oca perché stava sempre nel mezzo della carreggiata, \ le auto strombazzavano, ma lui non si spostava di lì, c'era il rischio che prendesse una ruotata. \ C'era uno dei due Massimo che alla prima salita che incontravamo le ruote più non teneva, \ ma non potevamo lasciarlo lì perché da solo sbagliava direzione e si perdeva. \ L'altro Massimo, che invece andava come un folletto, scattava improvvisamente per poi rinvenire, \ delle volte addirittura spariva completamente e lo ritrovavamo la domenica dopo pronto per ripartire. \ Dante per la schiena, Miller per le ginocchia, mia moglie che si è stancata presto di pedalare, \ Giordano che ha scelto la “Mountain-bike”, tutti si sono persi, io e Ciofle gli ultimi a mollare. \ Un po' alla volta la squadra si è squagliata, il toro è finito in un cassetto e si è un po' sbiadito, \ sembra a me, ma forse sarà un'impressione, che si sia anche un bel po' intristito.

Pin It