Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

At Fat Mond min“Putaèna 'd fadigaza,
  mo quant ch'la fines sta salidaza,
  un s'pò andaè in bici s'un caèld acsè,
  a j ò la lengua d'un sèch ch'la fa un feun esageraè,
  l'aqua dla buracia la è piò caèlda de' pes d'un camèl,
  in piò um zoira la tèsta e ò ènca vest la madòna 't e' finaèl!”.
“Òs-cia, la pianzoiva o la ridoiva?”.
“Un paèr ch'la rides; na, na, l'an pianzoiva!”.
“Alòura ta i la pu faè, dai, dai,
  zent metar e pu us va zò e tenti a no faè guai!”.
“Ai sem, ai sem, ènca quèsta la è fata...
  aaaaahhh... pu ben andaè d'inzò, “che figata!”.
  Sint che frischeura ch'u t'aroiva 't la faza: strambalaè,
  mè a degh che e' paradois di curideur acsè i la pansaè:
  straèda ch'la cala e curvi laèrghi, gnent beusi e un bèl vangin,
  'd qua e 'd là, bèli ragazi ch'at fa miera 'd surois, at bota basin
  e at slonga bòci 'd acqua zlaèda!”
“Lessa o gasaèda?”.
“Cmè ta la vu tè, o si nò bera, la piò frèsca ch'us trova a qua!”.
“Mo t ci sicheur ch'l' è tot a gratis e che a t'la dà?”.
“T pins ma la bera o ma la fregna?
  Tè nu pinsa ma gnent, at dà inquèl, quèli sè ch'al s'inzegna!”.
 “Oh, naaa...la è zà finoida, us rapa darnov, u j è dl'aèlt da fadighé,
  òs-cia, acsè un vaèl, e' bèl propi un gnent l'à duré,
  la disòisa la fines 't un sbres, la saloida la è longa un'eternità!”.
“Eh sè, andaè in bicicletà l'è cmè travarsaè sta voita che qua,
  al robi bèli al deura e' temp 'd tiré un fié,
  quèli broti an pasa mai e agl'j è sempra pròunti a fèt bazilé!”.

 

Il  paradiso dei  ciclisti
“Puttana che faticaccia, \ ma quando finisce questa salitaccia, \ non si può andare in bici con un caldo così arroventato, \ ho la lingua d'un arido che emana un fumo esagerato, \ l'acqua della borraccia è più calda dell'urina di un cammello \ in più mi gira la testa e mi è pure apparsa la madonna sul più bello!”. \ “Ostia, piangeva o rideva?”. \ Mi sembra che ridesse, no, no, non piangeva!”. \ Allora ce la puoi fare, dai, dai, \ cento metri ed è terminata, poi si scende e attento a non combinare guai!”. \ Ci siamo, ci siamo, anche questa è terminata “Aaaaahhh...che bello andare in giù, che figata! \ Senti che frescura t'arriva in viso. strampalato, \ io dico che il paradiso dei ciclisti così l'hanno pensato: \ strada che cala e curve larghe, niente buche e un bel freschino, \ di qua e di là, belle ragazze che ti fanno migliaia di sorrisi, ti gettano qualche bacino \ e ti allungano bottiglie di acqua gelata!”. \ “Liscia o gassata?”. \ “Come tu la vuoi, o sennò birra, la più fresca che si trova e senza inganno!”. \ Ma sei sicuro che è tutto gratuito e che te la danno?”. \ “Pensi alla birra o alla fregna? \ Tu non pensare a niente, ti danno tutto, ciascuna di quelle sì che si ingegna!”. \ “Oh, nooo...è già terminata, si sale di nuovo, c'è ancora da faticare, \ orca, così non vale, il bello proprio non può durare, \ la discesa finisce in un attimo, la salita è lunga un'eternità!”. \ “Eh sì, andare in bicicletta è come attraversare questa vita qua, \ le cose belle durano il tempo di respirare, \ quelle brutte non passano mai e sono sempre pronte a farti stentare!”.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna