Logo new 02

Logo Sanmauropascolinews

At Fat Mond minAndeva sò vers la Pargaia senza pressia ch’a m’n’un sò daè che piò d’in so
u j era una biciclèta da cheursa ch’e paròiva ch’la n’andes taènt ‘d piò.
Òs-cia, am sò det, quèsta a la ciap s’la fa e’ mi zoir!
A i la j ò mesa tota e poch dòp la m’era a toir.
A m’n’un sò però sobit infat ch’l’era e’ culazòt d’una burdlaza,
s’un po’ ‘d cecia 't la paènza, du bèi parsot e una bèla faza.
La andeva svelta cmè una lumega sòura un fiòur,
la n’avòiva propi la delma de’ curidòur.
Valà, acsè un gn’è gost, ò daè una pedalaèda,
a i sò pas avaènti a tèsta basa e via sò ma la rapaèda.
Un paèra ‘d svolti e quant che la fadoiga la cminzeva zà a faès santoi,
a n’un m’na dagh dl’òmbra d’una biciclèta tra i mi pedel ruznoi?
Òrca la ragaza, e paròiva ch’la n’un vles, invici la va,
adès però ai faz avdòi mè ch’un còunta gnent l’età.
Am sò mes andaè un po’ piò fort, ma l’òmbra sempra didrì,
curva dòp a curva a spinzòiva sempra ‘d piò, mo l’òmbra sempra tra i pì.
Ciooo, quèsta l’an mòla d’un metar e la è sempra a lè,
diobono, vut che ste culazòt l’epa da staè drì mu mè?
Via alòura a tota bera ch’a s’era mòl ‘d sudòur,
e lì tacaèda a lè ch’um paròiva ‘d vòi a che faè s’un muradòur,
cio, la s’ ras-ceva la gòula sa di gran virs e pu: pciuuu... di gran saracc,
un m’era mai capitaè una dòna ch’la fases tot sti scataracc.
La n’avòiva ancòura finoi ad scataraès
che sa dò doidi d’ògna taènt l'as sufieva e’ naès.
Òs-cia ‘d schiv, u j a mancaèva al scurèzi e i rot
e pu e’ campionaèri dal schifèzi di curideur la l’avòiva mustraè tot,
mè a n’ò mai vest dal ragazi faè dal rubazi acsè,
us vòid che adès mas-ci o femni un s’va piò in là da lè!
In caèv a e’ cumiroz, s’la lengua ch’l’am tucaèva matèra da la buvaza,
am sò ferum d’un caènt pr’avdòi at fata faza ch’l’avòiva sta bis-ciaza.
Ou, an faz temp a zirem ch’am trov ad sfiench
un umaròun grand e gròs in biciclèta tot stoi ‘d biench.
  “Mo tè chi sit?”, u mè vneu da dmandaèi, “Sei un fantasma?”.
  “Sono di Genova e sono qui in vacanza a curarmi l’asma!”.
  “Ma quella ragazza che ho superato all’inizio della salita?”.
  “Quella giovane? Si è fermata subito sfinita
  e io, per faticare meno, mi sono attaccato a te!”.
  “A sé, bèla la ragaza ..., uhm, a vlòiva ben doi mè!!!”.

 

La  ciclista 
Andavo su per Perticara senza fretta  che mi sono accorto che un bel po’ più in su \ c’era una bicicletta da corsa che sembrava non andasse tanto di più. \ Ostia, mi son detto, questa la prendo se fa il mio giro! \ Ce l’ho messa tutta e dopo un po’ mi era a tiro. \ Mi sono però subito accorto che era il sederotto di una ragazza \ con un po’ di ciccia sulla pancia, due robusti prosciutti e una bella faccia. \ Andava svelta come una lumaca sopra un fiore, \ non aveva proprio la fisionomia del corridore. \ Valà, così non c’è gusto, ho dato una pedalata, \ l’ho sorpassata  a testa bassa e via su per l’arrampicata. \ Un paio di curve e quando i muscoli dalla fatica cominciavano ad essere avvertiti, \ non mi accorgo dell’ombra di una bicicletta tra i miei pedali arrugginiti? \ Orca la ragazza, sembrava non ne volesse, invece va,  \ adesso però le faccio vedere che non conta l’età. \ Mi sono messo ad andare un po’ più forte, ma l’ombra era sempre lì dietro senza rimedi.  Curva dopo curva spingevo sempre  più forte, ma l’ombra era sempre tra i piedi. \ Ohiii, questa non molla di un metro ed è sempre lì e non capisco il perché, \ diobuono, vuoi che questo sederotto  debba stare dietro a me?  \ Via allora a tutta birra che ero fradicio di sudore \ e lei attaccata a me che mi sembrava di avere a che fare con un muratore, \ ohi, si raschiava la gola con dei gran versi e poi: pciuuu...dei gran sputacchi, \ non mi era mai capitata una donna che facesse tutti questa scataracchi. \ Non aveva ancora finito di scatarrarsi \ che con due dita ogni tanto il naso doveva soffiarsi. \ Ostia che schifo, mancavano solo le scoregge e i rutti \ e poi i campionari delle schifezze dei corridori li aveva mostrati tutti, \ io non ho mai visto delle ragazze fare delle robacce così, \ si vede che adesso maschi o femmine non si va più in là di lì! \ In cima al cucuzzolo, con la lingua che mi toccava per terra dalla faticaccia \ mi sono fermato in un angolo per vedere che razza di viso aveva questa bestiaccia. \ Ohi, non faccio in tempo a girarmi che mi trovo di fianco \ un omone grande e grosso in bicicletta tutto vestito di bianco. \ “Ma tu chi sei?”, mi è venuto da dire, “Sei un fantasma?” \ “Sono di Genova e sono qui in vacanza a curarmi l’asma.” \ “Ma quella ragazza che ho superato all’inizio della salita?” \ “Quella giovane? Si è fermata subito sfinita  \ e io, per faticare meno, mi sono attaccato a te!” \ “Ah sì, bella la ragazza..., volevo ben dire io,...ah bèh!!!”

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna