Logo new 02

Logo new 02

At fat mond chilt minAvòiva un apuntamòint 't l' òspedaèl 'd Catòlga pr'un cuntròl
ma la spala vneuda fura maèl da che ruzlòun da ròmpsi e' còl.
I m'avòiva daè un fujèt sobit dòp l'uperaziòun d'agòst
duvò ch' u j era scret che agl' j òt e mèz a m'avòiva da truvaè se' pòst.
Un quaèrt d'òura pròima mè a s'era zà a là,
mo se foi un gn'era moiga scret duvò che sta ròba la zuzdrà.
Al vagh a dmandaè ma quei dl'ufoizi infurmaziòun
ch'i taca a guardaèm cmè s' j aves da risolv 'na brota quis-ciòun,
cema quèl e cema quèst, a la fòin im manda 't e' pròim pien
parchè l'è sicheur che e' dutòur l'è a lè ch'e ven.
Via alòura, ai sem, a faz al scaèli 'd cheursa s'un po' 'd stenta,
e am na dagh che 't e' curidori u j è una faganaèra 'd caruzèli e zenta.
Boh, am met davaènti ma la porta duvò ch'l'è scret ch'i cheura al spali
e pena ch'e scapa un duturòin guasi a m' j atach mal pali:
Mi scusi, devo fare un controllo e non ci capisco in questo trambusto,
  mi può dire se è questo l'ambulatorio giusto?”.
Un'uceda a la boia 'd dis e un surisèt stort
ch'e paròiva guasi ch'a j aves fat un tort:
“No, non è questo, chieda all'infermiera,
  io purtroppo devo andare di gran carriera!”.
Òrca, a sem mes ben, va tè a truvaè un'infarmira int ste casòin?
O tòh, ui n'è ona ch'la pasa propi adès, u la manda e' distòin:
“Scusi mi sa dire dove devo andare
  per un controllo alla spalla che qui dovrei fare?”.
“Faccia vedere l'impegnativa.. ah sì, sì,
 è l'ambulatorio numero 25, attenda lì!”.
Ai sem, a stagh in pì, tanimodi mumòinti im ciema, e' pròim a sò mè,
pasa mezòura, un'òura, un'òura e mèz e sempra dret a lè ad aspitaè,
mo de' dotòur gnenca l'òmbra e l'è ciapaè vì ènca l'infarmira 'd pròima.
Basta, am sò ròt i quaieun, adès pu um fa maèl ènca la scòina!
Diobosi, l'è bèla dò òuri ch'a sò què in pì a cuntaè al madunèli
o ch'im ciapa pr'e' cheul o chi pensa ch'a sia a què a vend al caramèli,
ò deciois, adès a vagh a zarcaè l'infarmira
e una volta trovaèda, a j ò det sèl ch'a pansaèva 'd sta fira:
“Ch'la sinta, l'è dò òuri ch'aspèt e un s'è vest amna voiva,
  e a ste peunt mè a degh che e' dutòur u n'aroiva,
  mo se par caès us decides d'avnoi,
 ch'la i dega che intaènt ch'a l'aspitaèva am sò guaroi!”.

La medicina giusta
Avevo un appuntamento all'ospedale di Cattolica per un controllo \ alla spalla uscita male da quel ruzzolone da rompersi il collo. \ Mi avevano dato un foglietto subito dopo l'operazione di agosto \ dove c'era scritto che alle otto e mezza mi dovevo trovare sul posto. \ Un quarto d'ora prima io ero già là, \ ma sul foglio non c'era mica scritto dove questa cosa succederà. \ Lo vado a chiedere a quelli dell'ufficio informazioni \ che mi guardano come se dovessero risolvere brutte questioni \ chiama quello e chiama questo, alla fine mi mandano al primo piano \ perché è sicuro che il medico qui lo troviamo. \ Via allora, ci siamo, faccio le scale di corsa affannosamente, \ e mi accorgo che nel corridoio c'è una moltitudine di carrozzine e di gente. \ Boh, mi metto davanti alla porta dove c'è scritto che curano le spalle \ e appena esce un dottorino quasi mi attacco alle sue palle: \ “Mi scusi, devo fare un controllo e non ci capisco in questo trambusto, \ mi può dire se questo è l'ambulatorio giusto?”. \ Un'occhiata frettolosa e un sorrisetto storto \ che sembrava quasi gli avessi fatto un torto: \ “No, non è questo, chieda all'infermiera, \ io purtroppo devo andare di gran carriera!”. \ Orca, siamo messi bene, va tu a trovare una infermiera in questo casino? \ O toh, ce n'è una che passa proprio adesso, la manda il destino: \ “Scusi, mi saprebbe dire dove devo andare \ per un controllo alla spalla che qui devo fare?”. \ “Faccia vedere l'impegnativa...ah sì, sì \ è l'ambulatorio numero 25, attenda lì!”. \ Ci siamo, sto in piedi, tanto a momenti mi chiamano, io sono il primo da visitare, \ passa mezzora, un'ora, un'ora e mezzo e sempre dritto lì ad aspettare, \ ma del dottore neanche l'ombra ed è sparita pure l'infermiera dalla scena. \ Basta, mi sono rotto i coglioni, adesso poi mi duole anche la schiena! \ Diobuono, sono oramai due ore che sono qui in piedi a contare le mattonelle \ o che mi prendono per il culo o che pensano che sia qui a vendere caramelle, \ ho deciso, adesso vado a cercare l'infermiera \ e una volta trovata, le ho detto ciò che pensavo di questa fiera: \ “ Senta, sono due ore che aspetto e non s'è visto anima viva, \ a questo punto io dico che il dottore non arriva, \ ma se per caso si decidesse a venire visto che pare svanito \ gli dica che intanto che l'aspettavo mi sono guarito!”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna