Logo new 02

At Fat Mond minSa l'òstriga sèl ch'u s'avòiva fat maèl,
mo avimi ciap una cagarèla fura da e' nurmaèl.
A guarois a la svelta u j a panset e' bagnòin cubaèn s'un bivròun
fat da leu sa de' zocar 'd cana, dal gòzli a ne sò 'd chè e un limòun.
Da lè a poch a simi a pòst, alòura vest ch'u n'avòiva fat gnenca un sbai,
a j ò dmand s'u n'aves ènca un rimedi par la vciaia e i su guai.
“Sì, due mulatte!” E pu u s'è mes a roid par la bèla pansaèda.
 “A sò d'acord, mo par tnòi la bòta um vo una cheura, sinò t'é det una strunzaèda!”
Alòura u s'è fat seri e u m'à det che sé, u j era dal pastòini ch'al feva i mirecval,
gras, presiòun, culesterul e dl'èlt ancòura i sparoiva e senza peroicval,
bsugneva però savòi ch'u j era un efèt par gnent nurmaèl:
una gran voja 'd piciocia e da spès e' bsògn 'd smulgaè e' pnèl.
“Ddoi da bon? Mo s'l'è quèst l' “effetto collaterale”, damni trì chel,
 an cnòs at che pu ch'i pagareb par tot ste ben e par la saleuta de' birel!”
Al perli miraculòusi u li cumpret da una duturèsa che, sgòd a leu, l'era una maèga,
u n'era par mè una gran spòisa, mo par leu l'era piò 'd trì mois 'd paèga.
A cminzet sobit la cheura, che forza e' cumunoisum, a s'guarimi tot s'una perla e' dè,
da adès analisi senza piò stlini e pu u j era l' “effetto collaterale” da pruvaè.
Trì mois e' duret sta brèta, al pastòini al steva par vnoi a maènch a forza 'd buté zò,
mo 't al paèrti basi gnent, nisona nova e niseun muvimòint 'd piò.
Cio, par quèst a farò cmè ch'u s'pò e senza mulati, par la saleuta a s'era però cuntent,
mo, fat j esem de' sangv, e' culesturul da dusentzinquaènta l'era pas a 'd là di trezent.
Ah, i “compagni” cuben! 'T e' casòin tot quant: e' bagnòin, la maèga, Castro e i cumunesta,
valà che sa voi stè ben a chin faè la foila da e' dutòur e pu da la farmacesta.

 

A Cuba (2)
Chissà che cosa ci aveva fatto male, \ ma ci era preso una diarrea fuori dal normale. \ A guarirci alla svelta ci pensò il bagnino cubano con un beverone \ realizzato da lui con zucchero di canna, gocce di non so ché e un limone. \ Di lì a poco eravamo a posto, allora visto che non aveva commesso sbagli, \ gli ho chiesto se non avesse anche un rimedio per la vecchiaia e i suoi gravi dettagli. \ “Sì, due mulatte!” E poi s'è messo a ridere per la bella pensata. \ “Sono d'accordo, ma per reggere la botta mi serve una cura, sennò hai detto una stronzata!” \ Allora s'è fatto serio e mi ha detto che sì, c'erano delle pasticche che facevano i miracoli, \ grassi, pressione, colesterolo e altro ancora sparivano e senza pericoli, \ bisognava però sapere che si verificava un effetto per niente normale: \ una gran voglia di femmina e il bisogno di una  frequente attività sessuale . \ “Dici sul serio? Ma se è questo l'effetto collaterale, dammene tre chilogrammi, \ ne conosco tanti che pagherebbero per tutto questo bene e per la riuscita di certi programmi!” \ Le perle miracolose le comprò da una dottoressa che, a suo dire, era una maga, \ non era una grande spesa per me, ma per lui erano più di tre mesi di paga. \ Iniziai subito la cura, che forza il comunismo, con una pillola al giorno tutti bene si poteva stare, \ d'ora in avanti analisi senza più stelline e poi c'era l'effetto collaterale da provare. \ Tre mesi durò questa storia, le pasticche stavano per terminare a forza di buttare giù, \ ma nelle parti basse nessuna novità e nessun movimento in più. \ Ohi, per questo farò come si può e senza mulatte, per la salute ero però contento, \ ma, eseguiti gli esami del sangue, il colesterolo da duecentocinquanta era andato al di là dei trecento. \ Ah, i compagni cubani! Al diavolo tutti quanti: il bagnino, la maga, Castro e i comunisti, \ mi sa che per star bene sarò costretto a fare la fila dai dottori e poi dai farmacisti.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna