Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

Maroni Foli SturieliUna volta m'un òm 'd mèza età u j avnet fura una brota malatì,
e' su duturòin ui get ben da metsi 't al maèni d'un specialesta, na eun pursì,
l'era ròba griva quèsta, da lasei al peni e leu u n'i putòiva faè gnent,
ui vlòiva eun si mareun quedar e a la svelta pròima ch'u j avnes un azident.
Ste sgraziè u n'avet piò paèsa da che dè
e un feva che pansaè me' specialesta da truvaè.
L'avòiva una paveura putaèna 'd sbajé sugèt, sta ròba la i steva propi se' cor.
  “Cmè ch'a faz a capaè che bon, e s'am sbai e pu a mor?”
L'era e' pansir 'd tot i mineud e sempra s'j occ vult d'in so
a prigaè e' signuròin ch'u l'aiutes a capaè e' mèi ch'u j era a quazò.
E us vòid che e' signòur, stof 'd tot cal cieuli, una ròba u la panset,
e ui mandet zò da e' paradois un anzal ch'ui get:
“Per aiutarti a scegliere il migliore,
  hai una possibilità concessa da nostro signore,
  potrai vedere sulla porta d'ingresso dell'ambulatorio dei medici consultati
  tutte le anime dei pazienti che sotto le loro cure sono trapassati,
  attento però, una volta che avrai deciso il medico curante,
  non potrai più rinunciare e sarai suo paziente da quell'istante!”.
Cuntent l'òm e cminzet a ziré par la zità
cminzend dai specialesta piò sbureun par qualità.
'T la porta de' mèi di mèi u j era un casòin ad amni da faè impresiòun,
toti mucedi e acsè strèti ch'a s muntaèva sòura 't un gran buliròun.
 “T'am fé una brèta”, us get, “e pu i doi che cmè quèst un gn'è niseun,
  valà, valà, ch'ui vria ben eun ch'ut des un cargadeur 'd slipeun!”.
In tot al porti di piò sbureun u j era una faganaèra 'd amni da faè paveura,
ui n'era piò da lòu che 't un campsaènt 'd zità, òs-cia 'd cheura!!!
U s'era bèla aviloi e e cminzeva a perd la speraènza,
int tot cal porti dagl'j amni di murt ui n'era un'esageraèda abundaènza.
Guasi rasigné e finet 't la periferì duvò ch'u j era un ambulatori un po' malandaè,
l'era d'un dutòur ch'u n'avòiva mai santì doi e e' su num mai santoi numinaè.
A balaè sla porta u j era dò amni in tot, òs-cia, l'arciapet sobit culòur:
  “Oh pu ben, adès ai sem, quest l'è e' mi dutòur!”.
L'era deciois, e buset e u j arvet un zuvnòt s'un zinalòun biench 'd bugheda,
ch'ui faset un'avdeuda s'una cuntantèza ch'un gna la feva a tnòila maseda.
“Venga, venga, ho molto, molto piacere d'averla in cura,
  le posso assicurare il massimo della mia premura.
  Sa? È da poco che ho iniziato la pratica medica in questo ambiente,
  pensi che lei è il mio terzo paziente!”.

 

Il dottore più bravo
Una volta ad un uomo di mezza età venne fuori una brutta malattia, \ il suo medico di base gli consigliò opportunamente di mettersi nelle mani di uno specialista, non uno purchessia, \ era cosa grave questa, da lasciarci le penne e lui non poteva fare niente, \ ci voleva uno molto in gamba e alla svelta prima che gli venisse un  accidente. \ Questo disgraziato non ebbe più pace da quella giornata amara \ e non faceva che pensare allo specialista da trovare. \ Aveva un paura puttana di sbagliare soggetto, questa cosa gli stava proprio a cuore. \ “Come faccio a scegliere quello capace, e se mi sbaglio qui si muore!” \ Era il pensiero di ogni minuto e sempre con gli occhi rivolti all'insù \ a pregare il signore che lo aiutasse a scegliere il migliore che c'era quaggiù. \ E si vede che il buondio, stufo di tutte quelle lamentele, una cosa la pensò \ e gli mandò giù dal paradiso un angelo che così gli parlò: \ “Per aiutarti a scegliere il migliore, \ hai una possibilità concessa da nostro signore, \ potrai vedere sulla porta d'ingresso dell'ambulatorio dei medici consultati \ tutte le anime dei pazienti che sotto le loro cure sono trapassati, \ attento però, una volta che avrai deciso il medico curante, \ non potrai più rinunciare e sarai suo paziente da quell'istante!”. \ Contento l'uomo cominciò a girare per la città \ iniziando dagli specialisti più quotati per qualità. \ Nella porta del migliore dei migliori c'era un ammasso di anime da fare impressione, \ tutte ammucchiate e così strette che si accavallavano in una grande confusione. \ “Mi fai una beretta”, si disse, “e poi dicono che come questo non ci sono paragoni, \ valà, valà, che ci vorrebbe uno che gli desse una scarica di scapaccioni!”. \ In tutte le porte dei più rinomati c'era una moltitudine di anime da far paura, \ ce n'erano più da loro che in un cimitero di città, orca che cura!!! \ Si era oramai avvilito e iniziava a perdere la speranza, \ in tutte quelle porte delle anime dei morti ce n'era una esagerata abbondanza. \ Quasi rassegnato finì in periferia dove c'era un ambulatorio un po' malandato, \ era di un dottore di cui non aveva mai sentito parlare e il suo nome mai nominato. \ A ballare sulla porta c'erano due sole anime in tutto, ostia, riprese subito colore: \ “Oh che bello, adesso ci siamo, questo è il mio dottore!”. \ Era deciso, bussò e gli aprì un giovanotto con un grembiule bianco di bucato \ che gli fece una festa con un piacere malcelato. \ “Venga, venga, ho molto, molto piacere di averla in cura, \ le posso assicurare il massimo della mia premura. \ Sa? È da poco che ho iniziato la pratica medica in questo ambiente, \ pensi che lei è il mio terzo paziente!”.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna