Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

At fat mond chilt minU s’era mes 't la tèsta che par masé la bota dla scurèza
e bastaèva faè un colp ‘d tòsa sèca.
E l’avòiva imparaè propi ben,
dò bòti sèchi da artesta e fati insen.
E u n’i n’era eun ch’us n’ades
e par quèst u li feva dimpartot, bastaèva ch’e vles.
Una sòira 't e’ bar, e us vòid ch’l’avòiva de’ frèsch 't la paènza,
un feva che tòs e scurzaè in sustaènza;
la bòta l’an santoiva, mo la poza sè,
tot is guardaèva 't la faza, mo zet tè e zet mè,
ènca parchè u n’è ch’us capes ben chi ch’l’era ch’e smulaèva
e leu intaènt us la ridoiva sòta i bafi e snò a zughé al caèrti e pansaèva.
Mo ciò, us santoiva sempra piò gòunfi e s’un gran sgumbiadez,
che ormai un scurzaèva moiga piò snò par caprez.
L’era tot ciap a mandaè e’ su cumpagn a faè al brèti,
ch’un s’n’era daè che al scurèzi al s’era strèti,
e pez l’è ch’un s’n’era gnenca infat ch’u s’era smòs,
e acsè, cunvòint ch’e fos un ènt fié, e det un colp ‘d tòsa e us caghet madòs.
Òs-cia ‘d poza! U n’avòiva fat una ligaza,
che a na muroi da la vargògna ui vlet tot la su faza.
    “Scusé, scusé”, e giòiva cmè se gnent e fos, “ò d’andaè 't e’ bagn
    ch’um scapa ‘na piseda che s’aspèt ancòura a m’un la sgavagn!”
E intaènt che ad sgalembar e travarsaèva la saèla,
da una gamba e pardòiva una stressa ‘d cagarèla.
E feva un schiv che la zenta la s’vultaèva d’un ènt caènt,
mo leu, ma ògni pas, e deva un colp ‘d tòsa, cmè par fè cròid che la poza la fos d’un ènt.


Chi  ha  fatto  la  puzza? 
Si era messo in testa che nascondere la puzza della scoreggia \ bastava fare un colpo di tosse secca anche se si passeggia. \ E aveva imparato proprio bene \ due colpi secchi da artista e fatti insieme, \ e non ce n’era uno che se ne accorgesse \ e per questo li faceva dappertutto, bastava che volesse. \ Una sera nel bar, e si vede che aveva del fresco nella pancia, \ non faceva che tossire e scoreggiare in sostanza; \ la botta non si sentiva, ma la puzza sì, \ tutti si guardavano in faccia, ma zitti e senza spostarsi di lì, \ anche perché non si capiva bene chi era che mollava \ e lui intanto se la rideva sotto i baffi e solo a giocare a carta pensava. \ Ma, ohi, si sentiva sempre più gonfio e con una grande indisposizione, \ che oramai non scoreggiava mica più solo per sua decisione. \ Era tutto preso a mandare il suo compagno a fare le berrette, \ che non si era accorto che le scoregge si erano strette, \ il peggio è che non si era neanche accorto che si era smosso,\ e così, convinto che fosse una altro vento, dette un colpo di tosse e si cagò addosso. \ Ostia, ne aveva fatto un sacco e una sporta, \ che a non morire dalla vergogna ci volle tutta la sua faccia tosta. \ “Scusate, scusate”, diceva come se niente fosse, “devo andare nel bagno \ che mi scappa una pisciata che se aspetto ancora avrò un brutto guadagno!” \ E intanto che di sghimbescio attraversava la sala quasi in apnea  \ da una gamba perdeva una lunga striscia di diarrea. \ La gente schifata si girava da un’altra parte per non vedere quel disastro, \ ma lui, ad ogni passo, dava un colpo di tosse come per far credere che la puzza fosse di un altro.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna