Sanmauropascolinews.it
Sanmauropascolinews.it
Notizie per capire, anticipare, migliorare il futuro

Dopo 6 lunghi anni di ricerca e sviluppo, l'azienda olandese Lightyear entra finalmente nella fase più importante. Il suo primo modello, Lightyear 0, entra ufficialmente in produzione.

Tra le sfide della mobilità elettrica, lo sapete, c'è quella delle infrastrutture: servono punti dedicati di ricarica (sono ancora relativamente pochi) e soprattutto tempo per caricare le batterie.

Se sulla velocità di ricarica si notano costanti progressi nella tecnologia delle batterie, la crescita dell'infrastruttura è lenta. Troppo. E lo sarà sempre in rapporto alla crescita della domanda, che nei prossimi anni sarà esponenziale.

Il fondatore e CEO di Lightyear, Lex Hoefsloot, dice che gli acquirenti della sua auto avranno molto meno bisogno di ricaricare: ha ragione?

Lightyear 0

Lightyear 0, più sole e meno colonnine

La Lightyear 0 viene fornita con un cavo di ricarica collegabile a qualsiasi presa elettrica. Il pacco batteria dell'auto è un "modesto" 60kWh che promette un'autonomia di 463 chilometri con una singola carica. In combinazione con la ricarica solare disponibile tramite i pannelli curvi che la ricoprono, il veicolo solare elettrico può raggiungere fino a 695 chilometri di autonomia.

Dal momento che è improbabile che un guidatore esiga il massimo della carica della batteria ogni singolo giorno, i pannelli continuano a caricare Lightyear 0 ogni giorno, "ripianando" via via l'autonomia. Se ipotizziamo un tragitto medio quotidiano di circa 25-35 chilometri (corrispondenti a circa 1000 chilometri al mese), Lightyear 0 avrà bisogno di ricaricarsi nella presa di corrente per non più di 6 volte in un anno.

 

Inizia la produzione (e una nuova era)

Lightyear ha collaborato con Valmet Automotive, con sede in Finlandia, per le sue esigenze di produzione. E sarà una produzione che definire "di nicchia" è poco: gli stabilimenti produrranno un'auto alla settimana, per crescere (di quanto?) nel primo trimestre del 2023.

Nonostante i ritmi blandi, comunque, anche il reparto ricerca continua a lavorare: il modello successore di Lightyear 0 soprannominato Two, avrà ancora più autonomia e costerà di meno.

Nel mentre,l'avvio della produzione di Lightyear 0, la prima auto solare, è un grande passo avanti verso una mobilità pulita per tutti, ovunque.

Con quest'auto, speriamo presto "imitata" da molte altre case automobilistiche, inizia l'era dei veicoli elettrici solari.

L'articolo Lightyear 0, prima auto elettrica solare al mondo, entra in produzione è tratto da FuturoProssimo.

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...