Logo new 02

Maroni Foli SturieliUn bel dè una lumega zirandlòuna la capitet 't un zardòin
duvò ch'u j era un braènch 'd furmoighi ch'al strabigheva un por strupaciòin.
L'era una furmighina sla tèsta ròssa cmè quèli 'd cla raza,
mo la era mesa maèl e dal bòti ciapaèdi un s'arcnusòiva più gnenca la faza.
La feva propi sgobi, macaèda dimpartot, al zaèmpi ròti
e al su cumpagni d'ògna taènt al sa farmaèva e zò darnov bòti.
Cio, la j era bèla in caèv la purèta, la j avòiva e' fié si dint,
alòura la lumega la s'faset curag e la tachet a doi ma quèli ch'e paròiva parint:
   “Mo sa vral mai fat par merites stal bruteuri, sèl staè e' su dloid?
   La è cunzeda acsè maèl che 'd saèn un gn'è vaènz piò gnenca un doid!”.
Us faset avaènti una sbirina che s'una brota schela la i get:
   “La te doi lì sèl ch'la j à fat, s'la n'à ancòura la forza!”. E la s'n'andet a cul dret.
E la puròina: “L'è staè ir, l'era bèla sòira e mè a s'era drì a zarcaè quaicosa,
   mo ma tèra un gn'era gnent, alòura am sò rapaèda sò ma cla rosa
   e quant ch'a sò rivata guasi ma la peunta, tot da sèch ò vest al stèli!”.
   “Al stèli?” e dmandet la lumega, “Sél ch'l'è? L'è ròbi bèli?”.
   “L'è miera e miera 'd occ puntì sòura 'd nòun,
   che pr'un po' t'avaènz senza fié davaènti ma cla visiòun!”.
   “Tè t ci una vagabònda,” e det sò al su cumpagni,
   “la nòsta lèza l'è e' lavòur, t'é pers de' temp, un gn'è pardòun par stal magagni!
   T'é da muroi, un gn'è post tra 'd nòun par di suget cmè tè!”.
   “Mo sa gioiv?” e det sò la lumega, “Mo pruvei a pansaè,
   lì la n'era moiga andaèda a spas a faè la zinzlòuna,
   la era drì a lavuraè e l'è staè pr'e' lavòur ch'la j à cnu faè la zirandlòuna!”.
   “Quèsti l'è snò ciacri, lì la s'è guadagneda la morta e acsè e sarà!”.
Cio, al si mitet datònda e a i li det una bòta 't la tèsta ch'al la laset morta a là!
Aviloida, la lumega la arciapet a sguilé tra l'erba dl'ort
e la pansaèva ch'l'era una furteuna truvaè e' bèl 't e' lavòur, a què invezi u j era scap e' mort.  

 

“Incontri di una lumaca avventurosa” (Liberamente tratto da F. Garcia Lorca)
Un bel giorno una lumaca avventurosa capitò in un giardino \ dove uno sciame di formiche trascinava un povero corpicino. \ Era una formichina dalla testa rossa come quelle della sua razza, \ ma era ridotta male e dalle botte ricevute non le si riconosceva più neanche la faccia paonazza. \ Faceva proprio compassione, ammaccata ovunque e con le zampe rotte \ e poi le sue compagne di tanto in tanto si fermavano e giù ancora botte. \ Ohi, era oramai in fin di vita la poverina, esalava gli ultimi respiri battendo i denti, \ allora la lumaca si fece coraggio e cominciò a dire a quelle che sembravano i parenti: \ “Ma cosa avrà mai fatto per meritarsi queste sevizie, qual è stato il duo delitto proibito? \ È  ridotta così male che di sano non le è rimasto neanche più un dito!” \ Si fece avanti una bisbetica che con perfida arroganza esclamò: \ “Te lo dice lei cosa ha fatto, se ne ha ancora la forza!” Poi a muso duro se ne andò. \ E la poverina: “È successo ieri, era oramai sera ed io ero intenta a cercare qualcosa, \ ma per terra non c'era niente, allora mi sono arrampicata su per quella rosa \ e quando sono giunta quasi alla punta, improvvisamente ho visto le stelle!” \ “Le stelle?” chiese la lumaca “Cosa sono? Son cose belle?” \ “Sono migliaia e migliaia di occhi puntati su di noi, \ tanto che si rimane senza fiato innanzi a quella visione poi!” \ “Tu sei una vagabonda,” saltarono su le sue compagne, \ “la nostra legge è il lavoro, hai perso tempo inutilmente, non c'è perdono per simili magagne! \ Devi morire, non c'è posto tra di noi per individui con questo modo di fare!” \ “Ma cosa dite?” incalzò la lumaca, “ Ma provate a pensare, \ lei non era andata a spasso a fare la zuzzurellona, \ era intenta a lavorare ed è stato per il lavoro che ha dovuto fare la girandolona!” \ “Queste sono chiacchiere, lei si è guadagnata la morte e così sarà!” \ Ohi, le si misero attorno e le diedero un colpo in testa che la lasciarono morta là! \ Avvilita, la lumaca riprese a scivolare tra l'erba dell'orto \ e intanto pensava che era una  fortuna trovare il bello nel lavoro, qui invece c'era scappato il morto.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna