Logo new 02

Maroni Foli SturieliAv voi racuntaè una sturièla ch’a ne sò coi ch’u la j’à invantaèda,
mu mè i m’la j à racòunta e snò me’ dialèt ‘d Samaèvar a la j ò adataèda.
Dòunca, un bèl dè ‘d primavira, da e’ su noid un gazutin
e vlet pruvaè al su alèti e da la pienta e faset e’ su pròim vulin.
E faset du frol 't l’aria frèsca e l’andet a cascaè qualch metar piò in là,
e pu e sbatet agl’j eli par turnaè sò, mo gnent, u n’avòiva ancòura al capacità.
E’ temp e pasaèva, e’ sòul e calaèva, l’ombra la s’era slungheda,
e intaènt l’aria la s’feva sempra un po’ piò giazeda.
U j avnet un gran boilia a pansaè che se’ frèd dla nòta us sareb ceus e’ su distòin,
disperaè e aviloi alòura e tiret fura tot la su vòusa e e cminzet a faè un gran casòin:
   
“Cip…cip…cip…cip…cip…cip…!!!”.
Caès e vlet ch’u s’na det una mungaèna ch’la pasaèva da lè sl’ovar pin ‘d lat
e santend acsè la i smulet un fat mardòun ch’ul cruvet da fat.
Un s’steva moiga acsè maèl a lè sòta int che caldin,
snò che pasaè la nòta sòta una merda ‘d vaca u n'i paròiva un gran pusticin,
e alòura darnov par faès santoi a là vaieun,
l’arciapet a cantaè sa tot la forza di su palmeun:
    
“Cip…cip…cip…cip…cip…cip…cip…!!!”.
Stavoltà però us n’infaset un gataz nir cmè la nòta, ch’e zet, zet, u s’j avsinet
s’j artei ul tiret fura da la merda, u se mitet tra i dint e s’un bcòun u s’e magnet.
A ste peunt arvoi tot agl’j urèci e fe atenziòun
parchè u j è da ragiunaè sòura trè quis-ciòun.
La pròima: u n’è sempra vèra e nurmaèl
che coi ch’u t met 't la merda u t voja maèl;
la sgònda: u n’è sempra vèra che coi ch’u t toira fura da la merda u t voja ben;
la terza: mo se tè t ci 't la merda, s'et da cantaè? Sta zet e maènch ch'ut cunven!

 

La storia dell'uccellino volato via troppo presto dal nido

Vi voglio raccontare una storiella che non so chi l’ha inventata, \ a me l’hanno raccontata e solo al dialetto di San Mauro l’ho adattata. \ Dunque, un bel giorno di primavera, dal suo nido un uccelletto \ volle provare le sue alette e dalla pianta fece il suo primo voletto. \ Fece due giravolte nell’aria fresca e andò a cascare qualche metro più in là, \ e poi, sbattè le ali per tornare su, ma niente, non ne aveva ancora la capacità. \ Il tempo passava, il sole calava e l’ombra si era allungata, \ e intanto l’aria si faceva sempre più gelata. \ Si angosciò assai a pensare che col freddo della notte, si sarebbe chiuso il suo destino, \ disperato ed avvilito allora tirò fuori tutta la sua voce e cominciò a fare un grande casino: \“Cip…cip…cip…cip…cip…!!!”  \ Caso volle che se ne avvide una mucca che passava di lì con la mammella colma di latte oltretutto \ e sentendo così gli mollò un gran merdone che lo ricoprì del tutto. \ Non si stava mica male lì sotto in quel caldino, \ solo che a passare la notte sotto una merda di vacca non gli sembrava un gran posticino, \ e allora nuovamente per farsi sentire in quei rioni, \ ricominciò a cantare con tutta la forza dei suoi polmoni. \ “Cip…cip…cip…cip…cip…!!!” \ Stavolta però se ne accorse un gattaccio nero come la notte, che zitto, zitto, si avvicinò, \ con gli artigli lo tirò fuori dalla merda, se lo mise tra i denti e con un boccone se lo mangiò. \ A questo punto aprite tutti le orecchie e fate attenzione su alcune riflessioni, \ perchè c’è da ragionare su tre questioni: \ la prima: non è sempre vero e normale \ che chi ti mette nella merda ti voglia male; \ la seconda: non è sempre vero che chi ti tira fuori dalla merda ti voglia bene; \ la terza: ma se tu sei nella merda, cos’hai da cantare? Sta zitto almeno che ti conviene!

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna