Logo new 02

Tratto dal Corriere Romagna 16 ottobre 2012 “Miglior cuoco romagnolo”.
Pier Giorgio Parini cuocoDifficilmente dimenticherà questo 2012 il cuoco sammaurese Piergiorgio Parini. Non solo perché per una volta è stato profeta in patria, conquistando la Torre d'Oro e sfatando così un assioma addirittura biblico, ma soprattutto perché si è imposto tra i primi venti chef d'Italia, secondo in regione al solo Massimo Bottura, consacrato in tutte le guide. Parini, cuoco dell'Osteria Povero Diavolo di Torriana, per la prima volta ha conquistato le Tre Forchette nella prestigiosa guida del Gambero Rosso, affiancando il suo nome a quello di celebrità come Vissani, Uliassi e il già citato Bottura.


Sono state 21 in tutto le Tre Forchette, su 2.015 locali recensiti, e Parini o l'unico nome della Romagna ad essere nell'Olimpo. Anche la guida fresca di stampa dell'Espresso ha confermato l'e ccell ente giudizio, inserendo Parini nella top 20 della penisola, primo ancora una volta in terra romagnola. Meglio di così non poteva andare per il cuoco insignito della Torre d'Oro, proprio nell'anno del centenario pascoliano. Un riconoscimento che lo ha visto realizzare per l'occasione una ricetta originale ispirata proprio agli scritti del poeta (i biscotti "Du") pubblicata nell'ultima edizione della guida ai vini 'Emilia Romagna da Bere e da Mangiare'. E chi volesse vedere Parini all'opera, l'occasione è Enologica, lunedì 19 novembre a Faenza nel Teatro dei Cuochi, con cucina a vista e racconto in diretta.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna